Segnala il commento come inappropriato

Ricevo e pubblico un commento di Walter Brambilla:
“ Ciao Maurizio, grazie per avermi contattato. Sono allibito e anche disturbato di tutto quanto è successo, purtroppo il mondo social genera casse di risonanza vergognose e diffamatorie, spesso basate sul nulla. Avrò tempo e modo di riflettere e decidere il da farsi. Ero ignaro della partecipazione di Marco Ascari, avrei apprezzato di essere preventivamente informato da parte del comitato organizzatore, così non è stato, e di questo sono dispiaciuto. Certamente avrei chiesto un applauso per lui, chi mi conosce sa che nella mia storia non c’è solo l’atletica di alto livello, ma anche molto altro, proprio a favore di persone che per svariati motivi hanno minori possibilità.
Ribadisco quanto ho già detto: se io giocassi a calcio non potrei certo vedermela con Maradona. Così mi è parso Ascari, inserito in una gara con atleti professionisti. Insulti? Proprio no, non fanno parte della mia etica, della mia serietà e della mia educazione.
Se è stato ammesso a correre dagli organizzatori è una loro scelta. Se gli hanno chiesto di fare un giro e poi fermarsi…anche questa è una loro decisione. E una loro responsabilità. Mi rammarico di non essere stato informato, sarei stato il primo a dare il giusto merito a chi comunque fa sport”.