Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mag 07, 2018 1299volte

Londra, dalla gioia alla tragedia alla farsa

Il percorso 'short' Il percorso 'short' The Sun - R. Mandelli

I nostri lettori sono già abbondantemente informati di quanto accaduto alla maratona di Londra:

  • dalla piena soddisfazione esternata da Riccardo Solfo

http://www.podisti.net/index.php/cronache/item/1296-london-marathon-super-con-tifo-da-stadio.html

che senza mezzi termini ricava, dalla sua lunga esperienza internazionale, l’affermazione perentoria

“questa, credetemi, è stata veramente super in tutto, non solo nel caldo. Con 40.255 classificati (nuovo primato dopo i 39.487 del 2017) e un percorso che è stupendo, oltre ad essere tra le sei Major la terza più partecipata dopo le due americane New York (50.641 nel 2017) e Chicago (44.511), per me che ho corso più volte anche Berlino e New York, vi dico che Londra, quella che ho portato a termine io in questo fine settimana, non ha rivali sommando i tre fattori principali: pubblico, percorso, organizzazione”

(personalmente io darei qualche punto in più a Berlino, sia per l’accesso davvero ‘democratico’ alle iscrizioni, sia per come è gestito l’arrivo, compresi spogliatoi docce e massaggi per tutti: ma va benissimo anche il parere di Solfo)

  • alla tragedia raccontataci da Roberto Annoscia

http://www.podisti.net/index.php/notizie/item/1284-tragedia-alla-london-marathon-muore-noto-chef-inglese.html

Ci sono poi le curiosità, come quella dello spettatore locale che ha raccolto un pettorale caduto a un atleta e ha tagliato il traguardo, con tanto di medaglia addentata (e nulla mi toglie dalla mente che fosse un atto premeditato: uno non si presenta a vedere una corsa vestito di tutto punto da atleta, se non ha intenzione di correrci dentro).

Ma adesso siamo alla farsa, alla resa dei conti che trasforma certe prestazioni stupefacenti in quello che realmente valgono: per dirla in inglese, in shortcuts (letteralmente ‘tagliacorto’) a opera di imposter (la traduzione è superflua) ovvero Speedy Gonzales che corrono fast as a tiger.

In queste ore, il maratoneta italiano più famoso oltremanica (e pure sulla stampa non solo pugliese) è un barese di 59 anni, Sabino Rinaldi, addirittura presidente della Asopico Runners, 3h32 in maratona (ma sei anni fa), 1h51 nell’ultima mezza maratona ufficiale documentata (Bari 2016); che però due settimane fa a Londra si è superato, registrando 3h19.

Purtroppo per lui, anche a Londra ci sono giornalisti stile Rodolfo Lollini, che annusano i tempi sospetti e li sezionano, giovandosi anche di colleghi podisti sorpresi o scottati dalle prestazioni altrui: così, alcuni giornalisti del “Times”, messi sull’avviso da un atleta italiano, un coetaneo di Rinaldi arrivato terzo di tutti gli italiani nella stessa categoria, mentre il secondo, per batterlo, risultava aver corso la seconda metà in 1h 04. Sono così partite le indagini, confortate da una bella mappa del percorso e dalla verifica dei punti di controllo (ogni 5 km, oltre che alla mezza): qui Rinaldi era passato sulle 2h15, salvo poi innestare il turbo e superare oltre 1150 coetanei nel secondo tratto. Dove però il percorso della maratona compie un ricciolo allettante che consente di risparmiare una quindicina di km percorrendone sì e no due…

Al termine dei controlli sono emerse 5 o 6 prestazioni ‘strane’, pubblicate sul “Times” di domenica 6 maggio, e presto rimbalzate sul “Daily Mirror”, sul “Sun” e sulla stampa italiana: un irlandese, certo O’ Connor, che addirittura correva per una raccolta fondi di beneficenza, risulta aver corso 14 km in 15 minuti, e si giustifica coll’aver soccorso una persona e poi essere ripartito “verso dove andavano gli altri”; un altro dice che era ammalato e voleva finire la gara a ogni costo. E così via.

Il nostro Rinaldi ha dichiarato di aver corso per divertimento senza guardare l'orologio (forse non ha guardato bene nemmeno le frecce direzionali…).

Il direttore della maratona di Londra ha preannunciato un altro interrogatorio, questa volta ufficiale, al termine del quale se l’atleta non saprà dare una spiegazione convincente, dovrà restituire la medaglia.

Chissà se Rinaldi ci legge e vorrà spiegarci come sono andate le cose…

3 commenti

  • Link al commento Fabio Marri Venerdì, 11 Maggio 2018 11:43 inviato da Fabio Marri

    ll discorso si allarga molto. L'ultima riga del commento di Milan si può riferire equamente tanto alla Fidal quanto (anzi, di più) all'organizzazione del Passatore, che non è "rassegnata" ma pienamente consenziente con chi corre in auto. Se dovessero classificare solo quanti fanno 100 km a piedi, vatteli a pescare i mirabolanti numeri di partecipazione! Come ho scritto altre volte, una 100 km dove tutti gli arrivati hanno corso solo a piedi è la Biel/Bienne (CH), dove le auto sono semplicemente vietate e la scorta in bicicletta è ammessa solo su parte del percorso e previa punzonatura della bicicletta.

    Rapporto
  • Link al commento Venerdì, 11 Maggio 2018 07:24 inviato da Giovanni Milan

    C'è poco da disquisire, Rinaldi non è il primo e non sarà certo l'ultimo ad accorciarsi il percorso durante le gare podistiche.
    Al Passatore poi è diventato fenomeno di massa, non parlo ovviamente dei podisti veloci ma delle retrovie, con rilassanti passaggi in auto tra una sgambettata e l'altra specie di notte. I podisti dal naso lungo tra l'altro si offendono anche, quando li prendi in castagna. Il comitato organizzatore è ormai rassegnato, impermeabile e quasi irritato alle proteste dei podisti che sgobbano e sudano. "Se la natura umana è quella......"
    Quando accertato l'imbroglio è forse la Fidal che dovrebbe intervenire, per altro è sempre così ligia su altri versanti, ad espellere dall'organizzazione questi affiliati indegni e forever. Va detto che quasi nessuno è disposto a tagliare il ramo dell'albero sul quale è seduto. Amen.

    Rapporto
  • Link al commento Fabio Marri Giovedì, 10 Maggio 2018 23:56 inviato da Fabio Marri

    Nella serata di giovedì 10 si è diffusa (http://www.fanpage.it) la versione di Rinaldi, il quale dice di essersi consultato col suo avvocato (come diceva Azzeccagarbugli a Renzo, "voi spiegateci le cose come sono andate, pensiamo poi noi a imbrogliarle"). Ritirata la prima versione (riportata dai giornali) del "non ho guardato l'orologio", adesso si passa a "Ho inteso ritirarmi dalla gara, ma dovevo comunque portarmi all'arrivo per ritirare i miei oggetti personali e la medaglia, che è di partecipazione e non di piazzamento”.
    Ah, la medaglia è di partecipazione? allora perché non la danno nel pacco-gara? Ah, per ritirare gli oggetti personali bisogna passare dal traguardo e sulla linea di rilevamento del chip?
    Rinaldi ha aggiunto che "l'organizzazione della maratona avrebbe semplicemente potuto e dovuto squalificarlo, non avendo transitato su tre passaggi obbligatori, che il microchip doveva rilevare”.
    Sta a vedere che se uno passa col rosso la colpa è del vigile.
    Per chi volesse divertirsi di più, segnaliamo il commento di Linus e altri a Radio DJ
    https://www.deejay.it/news/maratona-di-londra-59-barese-prende-la-scorciatoia-beccato/561334/

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina