Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mar 20, 2018 Alexio D'Alessio 422volte

Ladispoli (RM) – 36^ Correndo nei Giardini

D'Alessio al traguardo D'Alessio al traguardo Foto di Gianfranco Bartolini

Dopo un anno sabbatico torna questa manifestazione che si svolge nella ridente cittadina balneare del litorale laziale e che rappresenta una delle più longeve corse podistiche di Roma e provincia.

Partecipo per la quarta volta a questa gara, il mio primario obiettivo è migliorare il 43’52” del 2016 o cercare di correrla a 4’20” di media, ma non sarà facile dato che sembra una domenica autunnale e le previsioni meteo non promettono nulla di buono.

Mi raduno con altri tre compagni di team per qualche chiacchiera e le foto di rito; a poco meno di mezzora dallo start, mentre piove a dirotto, ci cambiamo in macchina dove rimaniamo fino a dieci minuti dallo start.

Fortunatamente, a pochi minuti dal via, smette di piovere e in alcuni momenti uscirà pure il sole, ma quando sarò al 8,5km riprende a piovere.

Alle 10 puntuali avviene lo start: la prima parte di gara, circa 2,4 km, è un andata/ritorno verso il centro di Ladispoli, con giro di boa in Piazza Rossellini, dove l’unica difficoltà è il cavalcavia del fosso Sanguinara.

Mi faccio prendere la mano e, dopo il primo km di poco sopra i 4’/km, il secondo a 4’15”, so che devo alzare il ritmo, dato che penso di non averne fino alla fine.

Verso il 2,4 km, si ripassa in verso opposto sulla linea di partenza, dove c’è anche un rilevamento intermedio; dopo circa 1 km di asfalto, ci immettiamo in circa 800 metri di sterrato che costeggiano l’oasi WWF di Palo e che ci portano nella località di Marina di San Nicola, con ampi tratti fangosi e pieni di pozzanghere, in cui l’equilibrio è abbastanza precario.

Il percorso che affrontiamo prevede poche curve e tanti stradoni: fino ad arrivare al ristoro posizionato appena dopo il 5° km, in cui mi fermo un attimo per abbeverarmi.

Il passaggio al cartello dei 5km avviene a 4’16” di media; le due leggere salitelle mi aiutano a non esagerare e a mantenere un passo più o meno costante.

Negli ultimi 2,6 km ripercorriamo in senso opposto il percorso dai 2,4km ai 5 km; quindi ripassiamo sullo sterrato dove è posizionato il cartello dell’8°km; decido di “difendermi” in questo tratto e cercare di recuperare qualche posizione nell’ultimo km asfaltato.

Appena dopo la piccola stazione di Palo Laziale è posizionato il segnale del 9° km; decido di andare a sensazione senza vedere il gps, fin quando non mancano 2-300 metri, dove, con un’accelerata, riesco a superare tre-quattro runners e a concludere nel real time di 42’36”, ad una media di 4’16”, classificandomi al 110°posto assoluto sui 625 arrivati.

I vincitori risultano essere: Emiliano Catullo (Fiamme Azzurre Movimento e Sport ASD), che vince in 34’29”; prima delle donne, nonché 63^ assoluta, è Carla Mazza (A.S.D. Piano ma arriviamo) in 40’19”.

Un bel percorso ed un’ottima organizzazione, con un bel zainetto come pacco gara, unito ad un sacchetto alimentare.

Un consiglio agli organizzatori: sarebbe bello un passaggio sul lungomare, magari dopo la svolta in piazza, si potrebbe tirar dritto verso il mare ed effettuare 4-500 metri di lungomare.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina