Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Dic 10, 2017 Sandro Bottelli 167volte

Ammazzinverno a Suno e Gravellona

Il centro di Suno Il centro di Suno Foto del Comune di Suno

Gravellona

Un cremonese a Gravellona. Era di passaggio. Qualcuno lo ha informato della corsa, lui ci ha provato e ha vinto. Massimo il suo nome, Corrado il cognome, o forse il contrario. Quelli che lo hanno inseguito hanno detto che andava come il vento. Al secondo posto Alessandro Lacqua, senza l'apostrofo, terzo il più noto Stefano Cerlini, giovane ingegnere gravellonese che, per chi non lo sapesse, è stato tra i protagonisti del recente Tour des Gèants, il Giro dei giganti della Valle d'Aosta, corsa di pazzesca difficoltà sulla lunghezza di 300 chilometri. Dopo Cerlini, a Gravellona, Luca Mazza quarto e Gabriele Grazioli quinto. Notato tra gli altri anche Gianni Morandi, il sindaco podista di Gravellona, che ha approfittato per dare un'occhiata all'area del costruendo asilo nido che sorgerà presto poco lontano dal Circolo Arci da dove è partita ed anche arrivata la corsa, ottava tappa dell'Ammazzinverno. I partecipanti sono stati 276, comprese molte donne la più veloce delle quali è stata Manuela Stoppini, 23 anni, ossolana di Bannio Anzino, sorella di Mauro, specialista della corsa in montagna. Alle spalle di Manuela si sono  piazzate nell'ordine Antonella Pangallo, l'ucraina Sanda Opayets, Annalisa Diaferia e Loretta Gualtieri. Novità del tracciato la presenza (molto gradita) di un tratto campestre a metà corsa, da una idea dell'organizzatore gravellonese Vanni Besutti. Dimenticavamo: dopo il Tour des Gèants Stefano Cerlini si è concesso una settimana di vacanza durante la quale è convolato a nozze. Congratulazioni e auguri.  

Amin profeta in patria 

Amin Dakhil, studente 18enne, è di origine marocchina ma da alcuni anni vive a Suno. E proprio a Suno, ieri mattina, nel gelo polare, ha colto un successo importante nella nona tappa dell'Ammazzinverno, presenti 377 concorrenti. Per vincere, Amin ha dovuto precedere un quartetto di grandi firme condotto da Andrea Medina, già secondo lo scorso anno, che comprendeva anche l'infermiere borgomanerese Giuseppe Antonuccio, il fondista Gabriele Zeffiretti di San Maurizio d'Opaglio, da poco uscito dal letargo invernale, e Carlo Carlini di Paruzzaro. En plein degli stranieri che hanno vinto la tappa maschile con il citato Amin e pure quella femminile con la tenace Sanda Opayets, ucraina, residente alla frazione Artò di Madonna del Sasso. Alle spalle di Sanda l'immancabile Annalisa Diaferia di Borgomanero, ancora seconda, quindi Simonetta Montis (da poco trasferitasi proprio a Suno) e a chiudere la top five Ilaria Billo e Daria Rinolfi. Appuntamenti di questa settimana: Paesi in corsa venerdì 15 a Maggiora (km 6, ore 20); Corsa di Babbo Natale sabato 16 a Gargallo (km 6, ore 15); Ammazzinverno ad Invorio Superiore domenica 17 (km 7, ore 9,30).

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina