Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Apr 15, 2018 Vittorio Camacci 133volte

Ascoli Piceno – 26° Memorial Mimì Angelini

Una fase della gara Una fase della gara Foto jant.it

Un'organizzazione confusionaria e incompetente, sotto un'egida con connotazioni arcaiche, ha contraddistinto la 26^ edizione del "Memorial Mimì Angelini", rovinando la festa di quei 180 irriducibili appassionati che ancora onorano questa corsa su strada di 10,800 chilometri, che si snoda nella campagna ascolana a nord-est della città, fino a raggiungere l'abitato di Vallesenzana.

La manifestazione è sempre stata un evento tipico e peculiare della città picena, con un nervoso e bucolico percorso, bello ed allenante, tra i colli a nord-est di Ascoli Piceno. E' qualcosa di più di una semplice gara, nata per onorare la memoria di un ragazzo amante dello sport ma è rimasta chiusa nell' ambito locale, con la pericolosità di auto sul tracciato e tanta confusione ed incompetenza tra gli addetti, con incroci pericolosi e mal sorvegliati da personale maleducato e svogliato (se non hanno voglia di fare un servizio, se ne stiano a casa!). 

Malgrado tutto la gara ha avuto un riscontro agonistico decente, infatti sull' ostico tracciato si è imposto  con facilità il giovane allievo sanbenedettese di Denis Curzi: Giammarco Scacchia in 38'04" in fuga si dall'avvio ed arrivato al traguardo con oltre due minuti di vantaggio sull'ascolano Vincenzo Mancinii e sull' assicuratore maltignanese Mirco Cassetta.

Tra le donne, ancora un bel  successo della professoressa locale Simona Ruggieri, che con il tempo di 44'38" si è messa nettamente alle spalle la giovane interprete Cecilia Capriotti (46'12") e la triatleta sambenedettese Maria Rita Falgiani (48'10").

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina