Stampa questa pagina
Ott 21, 2018 1591volte

El Mazoury e Straneo campioni italiani nella mezza maratona

podio maschile, da sinistra Cesare Maestri, Ahmed El Mazoury, Alessandro Giacobazzi podio maschile, da sinistra Cesare Maestri, Ahmed El Mazoury, Alessandro Giacobazzi

Si è corsa oggi la mezza maratona di Foligno, nell’occasione valevole quale campionato italiano sulla distanza dei 21097 metri. Al maschile si laurea campione italiano Ahmed El Mazoury (7° assoluto), col tempo di 1:04:03; secondo posto in 1:05:24 per lo specialista della corsa in montagna, Cesare Maestri (9° assoluto), che qui ha riconfermato buone capacità di correre veloce anche in pianura (personal best 1:04:48, Verona 2018). Chiude il podio Alessandro Giacobazzi (1:05:28 e 10° posto assoluto), una prestazione che gli vale il titolo nella categoria Under 23.

La gara è stata vinta da Onesphore Nzikwinkunda (1h02'15), davanti a Paul Tiongik (1:02:46) e Joel Maina Mwangi (1:03:17).

Bella prova di Valeria Straneo, che dopo un periodo difficile ha decisamente imboccato la via del ritorno: si laurea campionessa italiana, con l’ottimo crono di  1:12:04, secondo posto e davvero vicina alla vincitrice di giornata. Sara Dossena (5^ assoluta), ormai prossima alla maratona di New York, è seconda in 1:12:53; terzo posto per la siepista Isabel Mattuzzi (6^ assoluta), finalista al campionato europeo di Berlino.  All’esordio sulla distanza chiude con tempo davvero buono, 1:13:39.

Gara femminile vinta da Juliet Chekwel in 1h11'53, secondo posto appunto per Valeria Straneo e terzo per Cavaline Nahimana (1:23:23).

Buone prove di Gloria Giudici, altra atleta della nazionale di corsa in montagna, che realizza il record personale con 1:18:02 e Ivana Iozzia, classe 1973, naturalmente prima della sua categoria con il tempo di 1:19:38.

Prima nella categoria Under 23 è Clara Costadura (1:23:36).

Buono il percorso secondo il giudizio degli atleti, anche se dopo una prima parte scorrevole, dal km 12 diventava un po’ tortuoso. Bene accoglienza ed organizzazione, sempre secondo il parere di chi ha partecipato. Un dato statistico: sono 925 gli uomini classificati, e 272 le donne.