Stampa questa pagina
Apr 26, 2020 Toni Buleghin 418volte

El Maratonin de Toni Buleghin da Cavàrsare

In assione! In assione! Foto a sorpresa de Roberto Mandelli

25 aprile, festa di San Marco: e nu che semo citaìni de San Marco podemo festegiar con na corsa al’averto, ringrassiando el sior Zaia ch’el s’à dà el permeso de andar per campi lontano da casa!

Dove' saver che mì, dopo quela vitoria dela tapa al Giro d’Italia del ‘69, che poi i me g’ha squalificà per doping de sgnapa, ho regalà la bicicleta a una gentildona de la Busonera che le serviva per continuar el mester de pandèmia, e ho scominsià a corere a piedi; ho fato tute le edision de la maratona de la Serenissima, ma anca le corsete de le parochie de Papozze e de Smergoncin e tuto dintorno.

Solo che adeso co sto cornudo de Corona se doveva star in casa o al masimo andar a dosento metri, che per mì che sto a la Piantassa podevo rivar al masimo a la Cittadella Socio Sanitaria, che adeso xe meio de starghe lontan.
Ma finalmente el nostro Patron de la Region l’ha emanà una specie de edito de Costantin, e alora mì ho ciapà l’ocasion per recoverar el me giro de alenamento abituale, là a la Palude del Marice che xè un parco natural. Scoltème. Da la Piantassa son andà al bivio tra via Petarrca e via Tullio Serafin (el grande maestro del me paese, che na volta m’ha fato cantar insieme a Pavaroti ma poi m’à deto de smetere perché non piasevo a la Nicoleta); e poi arrivato all’Adige so andà a sinistra per via Umberto, poi ho pasà el fiume per rivar nel primo parcheto che finisse ne la Riviera Monte Grapa su l’altro fiume, el Gorzone. In quel parcheto no gera nesun (gnanca vigili), e così tranquilo tranquilo son arivà, traverso via Piave, soto l’altro ponte de l’Adige (queo groso per Piove de Saco), e son entrà nea Palude del Marice che la xè el più gran parco del nostro paese, tra el Gorzone e la gran curva che fa l’Adige.
El me Gipièse segnava già 4 km, e ho scominsià a corere liberamente, ostregheta. Tuto intorno a la Palude ghe xè la strada asfaltada, ma a mì m’è piasuo piutosto de andar dentro al boscheto e far tuti quei sentieri che ghè. E quanta gente ghe stava! A un serto punto su un prato averto ho contà nove persone e du cani, poi su una panchina ghe xera oto o nove ragasi che i fumava e i benediva quel dotor che dise che la nicotina sconfige il virus. Ma mi resto fermo a quel che diseva che el vin rosso xe la medesina miòre!
Ma la più interesante la xera na podista che la coreva quasi forte come mì, rossa rossa de caveli. Ghe so rivà drio, e ho visto che a la base dei cavei rossi ghe n’era tanti bianchi, e me son vegnudi in mente quei politichi che i parla de “ricrescita infelice”. Gh’o domandà se la voleva far na foto con mì, ma m’ha respondù che xera meio de no perché no se sa se i vigili de Zaia sono contenti de trovarla tanto lontana da casa (la veniva da la Petorassa).
Mì gh’o dito che se i vigili me fa la multa, mì ghe rido in fazza e se vedemo al tribunal che i me spiega cossa xela la prosimità; ma, a parte che nu gh’avemo Zaia e mica queo de Napoli, no gh’era vigili,e avemo continuà a girar ognuno per i so sentieri, incontrando ogni tanto de le copiete (adeso che i gh’à i genitori sempre in casa, per far el so sport preferìo i no pol altro che far atività motoria), una vecia che litigava co n’altra podista perché la gh’avea molà adrìo el can; ma per nostra consolassion gh’era anca un putelo che gh’avrà avù un ano e con mama e papà faseva i primi passi. Con lu se semo fati na foto; ma poi che sorpresa! Sovra l’arzene ghe stava Mandèli che m’a scatà tante foto e poi me le ha mandae: pecato doverne scegliere solo una, parché le meritaria un ingnite complesiva!
Intanto el me Gipièse el segnava sedese chilometri e alora son tornà indrio, son pasà soto el ponte e ho tacà via Piave: no avevo fato ristoro alora ho prolungà fino a l’osteria san Giusepe per un’ombra de vin bianco. Poi gh’ò pasà el ponte  e apena a l’inissio de via Umberto me son fermà da l’osteria in Cae che i me spetava fuori col biceroto de sgnapa, che ho combinà col ristoro solido de la Pastizzeria Celio.
Sérimo ormai a l’ultimo chilometro prima del traguardo de casa, indòe so rivà in do ore e sinquanta a la media de 8:10 a km. Oh, ma xera un trail!
I me grati pensieri vano al comendator Zaia, a Gino Bramieri e a l’altro mio compagno de corsete Gustavino Dell’Acqua. E a voialtri italiani che no sté soto el leon de San Marco (come ghe stava anca el Friul, che infati da lune lassa corere zascun in tuto el so comune!), ma sté soto la Lupa, digo: coragio, che fra un pocheto podaré anca vu corere a l’aria averta!

 
What do you want to do ?
New mail