Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Giovedì, 11 Ottobre 2018 12:24

TNA: sospeso in via cautelare Zmnako Hussein

Ottavo nel recente Salomon Running Milano, valevole come Campionato Italiano di Trail corto (25 km), Hussein Zmnako Wali Hussein, classe 1987, tesserato per l’Atletica Pavese, al traguardo in 1:14:21, è stato sospeso in via cautelare dal TNA per positività al Clostebol.

Di seguito il comunicato ufficiale:    

La Prima Sezione del TNA, in accoglimento dell’istanza proposta dalla Procura Nazionale Antidoping, ha provveduto a sospendere in via cautelare il sig. Hussein Zmnako Wali Hussein (tesserato FIDAL) riscontrato positivo alla sostanza Clostebol metabolita a seguito di un controllo disposto dalla NADO Italia al termine della Manifestazione di atletica “Campionato Italiano di Trail” svoltasi a Milano il 23 settembre 2018.

 

Pubblicato in Notizie
Lunedì, 17 Settembre 2018 23:16

Ridotta la squalifica di Federica Poletti

Sul sito dell'agenzia antidoping (NADO) Italia appare il seguente comunicato, con data 14 Settembre 2018
"La Seconda Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping accoglie parzialmente il ricorso proposto il 17 luglio 2018 dall'atleta Federica Poletti (tesserata FIDAL), avverso la decisione adottata dalla Prima Sezione del TNA il 6 giugno 2018, depositata con motivazione il 3 luglio 2018, nel procedimento a carico della stessa e, per l'effetto, le infligge la squalifica di 1 anno e 3 mesi con decorrenza dal 6 giugno 2018 e, detratto il presofferto, con scadenza al 7 luglio 2019". 
Dovrebbe essere stata riconosciuta la non intenzionalità dell'assunzione di una crema per la pelle, di cui l'atleta non conosceva i poteri dopanti.

Più pesante, ovvero alquanto clamorosa, la squalifica (chiamiamolo pure ergastolo!) di cui dice il comunicato di oggi 17 settembre:
"La Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping, nel procedimento disciplinare a carico del sig. Carmine Galletta (tesserato FIDAL – CSEN – FIGC), visti gli artt. 8 e 4.12.3 delle NSA, gli infligge la squalifica di 25 anni, a decorrere dal 14 gennaio 2040 e con scadenza al 14 gennaio 2065.  Condanna il sig. Galletta al pagamento delle spese del procedimento quantificate forfettariamente in euro 378,00".
Il galantuomo è un massaggiatore, attivo soprattutto nel ramo del ciclismo (due suoi 'clienti' si sono beccati 15 e 20 anni) ma non solo, già squalificato nel 2015 fino al 14 gennaio 2040 per "possesso di sostanze vietate e metodi proibiti , traffico e somministrazione di doping": 25 anni di squalifica! Avendo continuato nella sua attività si è beccato altri 25 anni, ora è squalificato fino 14 gennaio 2065, un record.

 

Pubblicato in Flash
Venerdì, 14 Settembre 2018 22:29

Altra squalifica: tocca alla Mulloni

Ancora una squalifica nel mondo del podismo, l’atleta F55 Giovanna Mulloni, al termine della Unesco City Marathon  del 25 marzo ad Aquileia, dove aveva vinto la sua categoria in 3h15’43”, è stata trovata positiva al Tibolone Metaboliti, un estrogeno molto usato dalle donne in menopausa.

La NADO Italia ha condannato l’atleta a un anno di squalifica (scadenza 24 marzo 2019), la cancellazione del risultato e il pagamento delle spese relative al procedimento pari a € 378.

La pena inflitta ha tenuto conto di diverse attenuanti: a) considerazione dell’assenza di colpa o negligenza grave (in questo caso la pena può andare dalla nota di biasimo a due anni), b) pronta ammissione della violazione da parte dell’atleta, con dimezzamento della pena prevista.

Ancora una volta va sottolineata l’impreparazione dei nostri podisti alla realtà del mondo agonistico, finché si corre per divertirsi con gli amici non ci sono problemi, ma quando si pretende di gareggiare a certi livelli bisogna conoscere le regole, o almeno chiedere lumi a chi possa o debba darli: il medico sociale, che ogni società ha l’obbligo di tesserare.

Pubblicato in Notizie

Cristina Pitonzo è stata squalificata per 4 anni a seguito della positività alla sostanza betametasone riscontrata dopo il controllo antidoping  disposto dalla NADO Italia al termine della Centochilometri di Seregno valevole come Campionato Italiano Individuale Km 100 assoluto e Master, svoltasi il 15 aprile 2018.

La Pitonzo (GS Maiano Fiesole) aveva concluso in prima posizione assoluta, campionessa italiana sulla distanza, in 8h32’16” davanti alla tedesca Julia Fatton, seconda in 8h48’06”: a questa punto la Campionessa Italiana Fidal di Ultramaratona 100km diventa Daniela De Stefano (Asd Corricastrovillari), inizialmente terza, ora seconda assoluta e prima italiana al traguardo in 8h48’43”. Federica Verno (Asd Marciacaratesi) è così terza in 8h52’39”.  

Questo il comunicato Nado:

La Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping, nel procedimento disciplinare a carico della sig.ra Cristina Pitonzo (tesserata FIDAL), visti gli artt. 2.1, 4.2.1.2 delle NSA, le infligge la sanzione squalifica di 4 anni, a decorrere dal 23 luglio 2018 e con scadenza al 22 maggio 2022, così dedotto il presofferto. Visto l’art. 10 delle NSA dispone l’invalidità del risultato sportivo eventualmente conseguito in gara. Condanna la sig.ra Pitonzo al pagamento delle spese del procedimento quantificate forfettariamente in euro 378,00.

Pubblicato in Notizie

A chi non secca di leggere sulle cronache che il tal personaggio, sebbene pluricondannato, era a piede libero ed ha commesso altri delitti? Qualcosa del genere è accaduto con Roberto Barbi. Allora... Ci è stato cortesemente mandato, dall’autore e dalla redazione di lamarcia.com, un documentatissimo articolo di Stefano La Sorda che parte dall’ultima (ultima?) sentenza emessa a carico del chiacchieratissimo maratoneta. Abbiamo chiesto e ottenuto il permesso di ripubblicarlo (dalla fonte https://deandreafausto.blogspot.com/), ed eccolo qua.

Personalmente ricordo quella volta in cui Calcaterra si rifiutò di salire sul podio nel quale stava anche Barbi, rientrato alle gare dopo aver scontato la prima squalifica ma, come si seppe dopo, già ricaduto nel vizietto di sempre. [F.M.]

 

La sentenza del 18-6-2018

“La Seconda Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping - visto l'art. 4.6.1 CSA, il quale prevede, in conformità a quanto disposto dall'art. 10.6.1.1 WADC, che NADO Italia possa sospendere una parte del periodo di squalifica "soltanto con il consenso" della WADA e della Federazione Internazionale competente, visto l'art. 11.2 CSA e visto il parere contrario espresso dalla IAAF e dalla WADA il 30 maggio 2018, impregiudicata ogni valutazione sull'esistenza di una fattiva collaborazione per l'accertamento di violazioni della normativa antidoping - respinge l'istanza di sospensione della sanzione presentata il 14 marzo 2018 dal sig. Roberto Barbi (tesserato FIDAL)”.

Il commento

Tragicomica: è questo l’aggettivo che calza a pennello con la vicenda di Roberto Barbi. Dopo la squalifica a vita del 2008 per terza positività al doping [vedi nota in fondo], era tornato all’attenzione a causa della trasformazione del suo “ergastolo sportivo” in sospensione di 15 anni; nell’aprile 2017 il TNA accettò la richiesta di sconto di pena, fissando al 9 marzo 2024 la fine della squalifica. Poi i fatti più recenti, con Roberto Barbi che si “suicida” violando l’art. 4.12.1 delle Norme Antidoping, perché partecipa e vince la 12^ Porretta Terme-Corno alle Scale 2017; di conseguenza il Tribunale Nazionale Antidoping gli infigge la pena prevista, ovvero il restart del periodo di squalifica con nuovo termine al 29 luglio 2032.

Storia finita? Macchè, poco tempo dopo l’ultima sanzione l’ex podista toscano rilascia una intervista assieme al suo avvocato, dichiarando di aver richiesto il reintegro immediato alle corse alla Procura Nazionale Antidoping.

Ed eccoci al  giorno in cui la seconda sezione del TNA ha valutato l’ultima richiesta di Barbi, rispondendo con un prevedibile “no grazie” a causa del parere negativo di WADA e IAAF. Sicuramente nasceranno discussioni tra giustizialisti e persone che lo rivorrebbero già in gara, ma qui occorre fare chiarezza e basarsi sui fatti e sui regolamenti.

Anzitutto le richieste di sospensione della squalifica vengono valutate in base all’art. 4.6.1 delle NSA (Collaborazione fattiva alla scoperta o all’accertamento di violazioni della normativa antidoping) e se nell’aprile 2017 il TNA ha ritenuto valida la collaborazione di Barbi (fattivamente o solo per incoraggiarlo), ieri invece non ha voluto premiarlo, dato anche il parere vincolante delle massime istituzioni sportive internazionali. Del resto, davanti ad una violazione delle norme così recente, come ci si poteva aspettare un atteggiamento diverso? Ma soprattutto, l’ex maratoneta ha rispettato i regolamenti durante il periodo di sospensione?

Verrebbe da dire di no, guardando a tutte le altre volte che Roberto Barbi ha partecipato (con strane modalità) a competizioni sportive durante la sua squalifica:

Maratona di Valencia 2011 (fatto già segnalato a suo tempo da podisti.net)

Qui Barbi era regolarmente iscritto e si classificò in posizione 580

Classifica: https://www.valenciaciudaddelrunning.com/wp-content/uploads/2014/06/clasificaciongeneralmaratonvalencia.pdf

 Video dell’arrivo in cui si vede anche Barbi: https://www.youtube.com/watch?v=Z7XzCmnF9s0

  

Festa del podista a Tavola di Prato (gara CSI) – 1 maggio 2016

Barbi partecipa iscrivendosi alla non competitiva, ma fa gara assieme ai primi anche se poi si ritira o non arriva con loro.

Pagina dove si possono vedere foto con Barbi alla partenza davanti al gruppo: https://www.lanazione.it/prato/sport/altri%20sport/festa-podista-tavola-1.2114345

  

Otto ore di Campano a Carmignano (Gara AICS) – 1 ottobre 2016

Qui Barbi era regolarmente iscritto (pettorale 559) e si classificò secondo nella 2 ore. 

Articolo che parla anche di Barbi con foto che lo ritrae in gara

 http://faccionotizia.gelocal.it/iltirreno/edizione-di-prato/carmignano/2016/10/05/otto-ore-su-e-giu-per-il-campano-vince-giusti/#2

 

 43^ Maratonina del Partigiano  a Bonelle di Pistoia (UISP) - 25 aprile 2017

Non si capisce se Barbi è iscritto o se è un “imbucato”, visto che nelle foto gli altri concorrenti hanno il cartellino attaccato alla maglia, mentre lui sembra non averlo; comunque fa gara assieme ai primi anche se poi si ritira o non arriva con loro.

Video della gara che riprende più volte Barbi

http://www.youreporter.it/video_BONELLE_Pistoia_ERMILI_SAID_VINCE_LA_43_MARATONINA

 

 Festa del podista a Tavola di Prato (gara CSI) – 1 maggio 2017

Ancora bis di Barbi, partecipa iscrivendosi alla non competitiva, ma fa gara assieme ai primi anche se poi si ritira o non arriva con loro.

Pagina dove si possono vedere foto e video con Barbi alla partenza davanti al gruppo: https://www.youtube.com/watch?v=2rkFI611s-Y&feature=youtu.be&t=46s&app=desktop

 

https://www.lanazione.it/prato/sport/festa-del-podista-ecco-foto-e-vincitori-1.3083663

 

L’art. 4.12.1 delle Norme Antidoping (Divieto di partecipare alle attività sportive durante il periodo di squalifica) parla chiaramente di divieto di partecipazione “ad una competizione o ad un'attività che sia autorizzata o organizzata da un Firmatario del Codice WADA, da un'organizzazione ad esso affiliata, da una società o altra organizzazione affiliata ad un’organizzazione affiliata a un Firmatario”, e tanto basta per capire che partecipare anche ad una non competitiva (che è una attività) organizzata da CSI, UISP o AICS (Enti di promozione sportiva sempre sotto il CONI che è il principale firmatario italiano del codice WADA) può portare a sanzioni da regolamento.

 Per questo l’ultima decisione del Tribunale antidoping è sacrosanta.

Rimane quindi un ultimo quesito per tutti gli amanti dello sport, visto che Roberto Barbi dopo la bravata della Porretta Terme-Corno alle Scale dichiarò “Non sapevo di non poter partecipare, neppure alle non competitive”: ma è davvero sincero o ci sta prendendo in giro?

 

Nota

 Violazioni antidoping accertate per Roberto Barbi

1996 Maratona di Firenze - Efedrina

3 mesi di squalifica

2001 Mondiali di Edmonton - EPO

Il primo caso assoluto di EPO riscontrato dalla IAAF, 4 anni di squalifica poi ridotti a 25 mesi

2008 Mezza di Mende (Francia) - CERA

squalifica a vita, poi ridotta con fine al 2024

 

2017 Porretta Terme-Corno alle Scale – Partecipazione durante il periodo di squalifica

fine squalifica spostato al 2032.

Pubblicato in Commenti e Opinioni

Il sito del CONI ha pubblicato oggi la seguente notizia:
La Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping, in accoglimento dell’istanza proposta dalla Procura Nazionale Antidoping, ha provveduto a sospendere in via cautelare il sig. Gianluca Tonetti (tesserato FIDAL), riscontrato positivo alla sostanza Triamcinolone Acetonide Metabolita a seguito di un controllo disposto dalla NADO Italia al termine della gara di Atletica “ Campionato Italiano Individuale Km 100 Assoluto e Master” svoltasi a Seregno il 15 aprile 2018.

Per saperne di più:

Gianluca Tonetti (Erba 1967) è un ex ciclista professionista (dal 1989 al 1993 e  dal 1999 al 2005), con due partecipazioni al Giro d'Italia e una alla Vuelta di Spagna, un terzo posto alla Coppa Agostoni e la vittoria del Trittico Lombardo 2001. Come podista, tesserato per il Team OTC Ssd Arl di Lurate Caccivio (CO), vanta tempi di 1.14 / 1.17 sulla mezza maratona,  2.37/2.40 sulla maratona (con partecipazioni recenti alle 42 di Verona, Abbiategrasso, Salsomaggiore ), ma soprattutto si è distinto alla Cento di Seregno, dove nel 2016 partecipò alla 50 km giungendo 6° in 3.20, e nei due ultimi anni andando in progressione: nel 2017 giunse  3° alla 100 km in 7.15, e quest'anno appunto 2° in  7.05:26, vicecampione d'Italia della specialità.

La sostanza dopante di cui sono state trovate tracce nel suo fisico è un corticosteroide,  solitamente usato contro le malattie infiammatorie e le tendiniti, in genere per iniezione intrarticolare che deve essere eseguita da un medico specializzato. È stata messa fuorilegge dal 2014: uno dei suoi principali beneficiari pare sia stato il ciclista inglese Bradley Wiggins  (Team Sky), vincitore nel 2012 del Tour de France, sei titoli mondiali, olimpionico in quattro Giochi consecutivi, e detentore del record dell'ora: Wiggins avrebbe usufruito di particolari esenzioni terapeutiche dovute alla presunta asma di cui soffrirebbe.

Tornando a Tonetti, segnaliamo che la Cento di Seregno si trova già priva della vincitrice femminile 2018, Cristina Pitonzo. Avanti un altro!

Quanto al tribunale antidoping, è di ieri la notizia della squalifica di dieci mesi della tennista Sara Errani, che giustifica il suo doping coi tortellini preparati dalla mamma.

Come diceva quello, spesso le tragedie finiscono in farsa.

Pubblicato in Notizie

La Prima Sezione del TNA, in accoglimento dell'istanza proposta dalla Procura Nazionale Antidoping, ha provveduto a sospendere in via cautelare Cristina Pitonzo (tesserata FIDAL) riscontrata positiva alla sostanza Betametasone a seguito di un controllo disposto dalla NADO Italia al termine della gara  “Campionato Italiano Individuale Km 100 assoluto e Master - La Centochilometri di Seregno” svoltasi a Seregno il 15 aprile 2018.
Qui, Cristina Pitonzo, tesserata per il G.S. Maiano, società di Fiesole (FI), aveva vinto il titolo italiano di specialità con il crono di 8:32:16, staccando in modo netto Julia Fatton (8:48:06) e Daniela De Stefano (8:48:43).

Pubblicato in Notizie

Un nuovo, clamoroso caso di doping scuote l’atletica mondiale: il keniano Asbel Kiprop, il dominatore dei 1500 metri, è risultato positivo all’Epo.

Il 28enne sarebbe stato “beccato” ad un controllo a sorpresa del dicembre 2017.

Kiprop nella sua carriera ha vinto l’oro olimpico a Pechino 2008 (ottenuto dopo la squalifica per doping – cera – di Rashid Ramzi del Bahrein) e tre mondiali consecutivi (Daegu 2011 –Mosca 2013 – Pechino 2015); 3’26”69 il suo personale sui 1500, nel 2015, terza prestazione all-time dietro il marocchino Hicham El Guerrouj (3’26”00) e lo statunitense Bernard Lagat (3’26”34).

Da segnalare che il keniano è gestito da Federico Rosa, il manager bresciano in passato coinvolto nella positività, sempre per epo, delle maratonete Jemina Sumgong e Rita Jeptoo.

Kiprop ha dichiarato : “Dicono che sarei risultato positivo? Sono stato sempre in prima linea nella lotta al doping, e perche rovinare così tutto quello che ho fatto dal 2007? Dimostrerò di essere pulito!”  

La positività, anticipata dal giornale inglese Daily Mail e in attesa di conferme dalla IAAF, vede Kiprop non presente nella lista degli atleti partecipanti alla prima tappa della Diamond League, il 4 maggio a Doha, per la prima volta dal 2010… 

Pubblicato in Notizie
Venerdì, 20 Aprile 2018 22:45

Roberto Barbi squalificato fino al 2032

Roberto Barbi accumula una nuova squalifica a seguito della partecipazione non consentita alla 12^ Porretta Terme-Corno alle Scale (BO) dello scorso 30 luglio 2017: in particolare, l’ex maratoneta toscano prima radiato per reiterato doping e poi in base al ricorso squalificato fino al 9 marzo 2024, prendeva parte alla suddetta 30 chilometri inserita nel calendario UISP, tagliando il traguardo competitivo.

Questa la sentenza: “La Seconda Sezione del TNA, in accoglimento della richiesta della Procura Nazionale Antidoping, dichiara sussistente la violazione dell’art. 4.12.1 CSA contestata al sig. Roberto Barbi (tesserato FIDAL) e statuisce che la squalifica pendente sullo stesso decorra nuovamente a far data dal 30 luglio 2017 (nuovo termine finale al 29 luglio 2032), in applicazione dell’art. 4.12.3 CSA. Condanna il sig. Barbi al pagamento delle spese del presente procedimento, che liquida in € 350,00.

La squalifica di Barbi, essendo nato il 25 marzo 1965, terminerà quando l’ex atleta avrà 67 anni.

Ecco la regola infranta da Barbi:

4.12.3 Violazione del divieto di partecipazione durante una squalifica.

Qualora l’Atleta o altra Persona violi il divieto di partecipazione di cui al comma 4.12.1, i risultati ottenuti a seguito di tale partecipazione saranno invalidati ed il periodo di squalifica originariamente comminato, dovrà ricominciare a decorrere dalla data della violazione. Il nuovo periodo di squalifica può essere ridotto ai sensi dell’articolo 4.5.2 se l’Atleta o altra Persona dimostra la propria assenza di colpa o negligenza significativa per la violazione del divieto di partecipazione. Sarà il CONI-NADO a determinare se l’Atleta o altra Persona abbia o meno violato il divieto di partecipazione e se sia appropriata una riduzione ai sensi dell’articolo 4.5.2. E’ possibile ricorrere in appello avverso tale decisione ai sensi dell’art. 32.

Qualora il Personale di supporto dell’Atleta o altra persona assistano un soggetto nel contravvenire al divieto di partecipazione durante il periodo di squalifica, l’Organizzazione antidoping avente competenza nei confronti di tale personale di supporto o altra persona dovrà procedere alla erogazione di sanzioni per violazione dell’articolo 2.9 relativamente all’assistenza di cui sopra.

Per completezza, segnaliamo anche che Matteo Giovannelli, del comitato organizzatore della Porretta-Corno alle Scale, in data 15 febbraio 2018 ha ricevuto da parte del Tribunale nazionale antidoping l'avviso ufficiale di archiviazione di ogni accusa per sé e l'organizzazione.

 

Pubblicato in Notizie

Il TNA (Tribunale Nazionale Antidoping) ha sospeso in via cautelare Federica Poletti, tesserata per il GS Fulgor Prato Sesia) dopo un controllo al trmine della 38^ Biella-Piedicavallo, dove l’atleta aveva chiuso in terza posizione in 1:23:50 alle spalle della vincitrice Giorgia Morano (1:17:57) e di Valeria Roffino, seconda in 1:18:18.

Questo il comunicato ufficiale: La Prima Sezione del TNA, in accoglimento dell’istanza proposta dalla Procura Nazionale Antidoping, ha provveduto a sospendere in via cautelare l’atleta Federica Poletti (tesserata FIDAL) riscontrata positiva alla sostanza Clostebol Metabolita a seguito di un controllo disposto da NADO Italia al termine della gara di atletica leggera “38^ Gara Podistica Biella - Piedicavallo” svoltasi a Piedicavallo il 25 marzo 2018.

Queste le dichiarazioni rilasciate dall’organizzatore, Claudio Piana: «Non mi aspettavo di avere un’atleta positiva. Di controlli ne fanno tanti e qualcuno cade nella rete. Poletti si è giustificata e io credo nella presunzione d’innocenza».

Sul profilo Facebook, Poletti scrive: «A fine gara ci chiamarono per il controllo antidoping, mi sottoposi senza problemi e con la coscienza pulita. Al termine tornai a casa tranquillissima anche perché più che pillola e ferro non assumevo. Alcuni giorni dopo mi chiamarono dalla procura antidoping di Roma dicendomi di essere risultata positiva al test antidoping per il Clostebol, steroide anabolizzante contenuto solo in pomata o spray cutaneo. Per me fu una doccia fredda: non riuscivo a capire il motivo, cosa avessi potuto usare, fino a quando dopo un sacco di ricerche notai che questa sostanza era contenuta in una pomata chiamata “Trofodermin” che usavo per la cura di un brufolo infiammato, mai avrei pensato di doparmi con una crema. Non ci sono parole per descrivere il mio stato umorale. Per me è un momento difficile da superare, chi mi conosce sa che la forza la grinta e il sorriso non mi manca sia nelle vittorie che nelle sconfitte, cercherò di andare avanti a testa alta perché la coscienza ce l’ho pulita». 

 

Pubblicato in Notizie
Venerdì, 16 Febbraio 2018 13:11

Quattro anni di squalifica a Lahcen Mokraji

Lahcen Mokraji, atleta marocchino nato nel marzo del 1979 e molto noto in Italia, è stato squalificato per 4 anni in quanto, dopo un prelievo effettuato il 19 novembre scorso al termine della maratona di Verona dove si classificò al terzo posto, gli sono state riscontrate tracce di clenbuterolo.

Tesserato per l’Atletica Desio, nel suo palmares Mokraji vanta molte vittorie, come ad esempio la maratona di Reggio Emilia del 2011 e 2014, le mezze di Crema, Gualtieri, Trecate e tante altre ancora.

La squalifica di Mokraji decorre dal 12 febbraio 2018 e scadrà il 12 dicembre 2021 (è stato sospeso il 12 dicembre 2017).

 

I personali di Mokraji:

10.000 metri: 30’15”90 (Binasco 2012)

10 km: 29’59” (Cuneo 2014)

Mezza maratona: 1h01’37” (Ostia 2012)

Maratona: 2h12’29” (Reggio Emilia 2011)

Pubblicato in Notizie
Mercoledì, 24 Gennaio 2018 14:10

Quattro anni di squalifica per Michele Stingone

Michele Stingone, classe 1994 e tesserato per il Caivano Runners, è stato squalificato 4 anni con decorrenza 23 gennaio 2018 e con scadenza 22 gennaio 2022 per aver eluso un controllo antidoping (art. 2.3 e 4.3.1 delle Norme Sportive Antidoping). Stingone dovrà inoltre pagare 378 € per le spese del procedimento.

 

I primati di Michele Stingone:

5.000: 14:24.00 (Napoli 2017)

10.000: 29:51.05 (Castelporziano 2016)

10 km su strada: 30:40 (Telese 2016)

Mezza maratona: 1:06:48 (Verona 2017)

Maratona: 2:26:25 (Verbania 2016)

Pubblicato in Notizie

Situazione comica e imbarazzante quella venutasi a creare nel corso dei campionati indoor russi svoltisi a Irkutsk: all’arrivo della Rusada (l’agenzia russa dell’antidoping) 36 atleti su 200 se la sono svignata prima che i medici preposti potessero fermarli per il controllo. Una dozzina di loro, il giorno dopo, ha presentato un certificato medico, gli altri invece non hanno dichiarato nulla come scusante.

A quanto pare il doping in Russia continua ad essere una piaga da combattere con più armi possibili.

 

Pubblicato in Notizie

Il marocchino Lhoussaine Oukhrid, tesserato per il Caivano Runner, è stato squalificato quattro anni per l’assunzione di Epo. Era stato trovato positivo ad Agropoli lo scorso 15 ottobre durante il campionato italiano di mezza maratona nel quale Oukhrid era arrivato terzo.

La squalifica decorre dal 16 gennaio 2018 con scadenza 30 ottobre 2021.

 

Questi i personali di Lhoussaine Oukhrid:

5.000 – 13:41.79 (Rovereto 2012)

10.000 – 28:56.8 (Carate Brianza 2012)

10 km su strada – 28:56 (Cuneo 2013)

Mezza maratona – 1:02:41 (Piacenza 2015)

Maratona – 2:12:04 (Firenze 2015)

Pubblicato in Notizie
Sabato, 16 Dicembre 2017 22:36

Mokraji e compari, sotto a chi tocca!

La Prima Sezione del TNA ha provveduto ad accogliere, in data odierna, un’istanza di sospensione cautelare proposta dalla Procura Nazionale Antidoping, in relazione all’atleta straniero Lahcen Mokraji (tesserato FIDAL), riscontrato positivo al Clenbuterolo a seguito di un controllo effettuato da NADO – ITALIA il 19 novembre 2017, al termine della manifestazione di atletica “Campionato Italiano Assoluto Individuale Master Marathon”.

(da nadoitalia.it)

Commento di Sebastiano Scuderi

E’ un vecchia immagine, ma sempre efficace: il cane che morde un uomo non fa notizia, ma un uomo che morde un cane sì.
Mi si è riproposta nel leggere le ultime notizie sul doping, ne dobbiamo parlare ancora o no?
Gaetano Di Franco, baldo giovane 24enne, secondo agli Italiani su pista sui 100 metri in 10”36 a Trieste, è stato squalificato per 4 anni dal 12 dicembre 2017 al 10 ottobre 2021 (è stato dedotto il periodo di sospensione cautelare) in quanto positivo al drostanolone e suo metabolita; leggendo Wikipedia si viene a sapere che è uno steroide anabolizzante usato per abbassare il colesterolo e nel trattamento di alcuni tipi di cancro, che conferisce massima definizione e densità muscolare.
Passano due giorni e leggo che Lahcen Mokraji M35, terzo assoluto alla Maratona di Verona, Campionato Italiano Master, in 2h19’47” è stato sospeso in via cautelare in quanto risultato positivo al clenbuterolo (“composto broncodilatatore, più precisamente una amina simpaticomimetica, utilizzato per ridurre il broncospasmo in alcune condizioni patologiche quali l'asma bronchiale”: particolarmente ‘asmatici’ risultano i ciclisti, regolarmente beccati come positivi, per finire con Froome vincitore di Tour e Vuelta, che per ‘curarsi’ usa il similare salbutamolo).
Per documentarmi sono andato a consultare il sito NADO Italia e ho trovato 29 pagine di squalificati di quasi tutte le Federazioni, Enti di Promozione, e non tesserati. E’ un museo degli orrori.
Francesco Bassano M45 positivo a narandrosterone, noretiocolanolone – testoterone e metaboliti, ed eritropoietina ricombinante, squalificato per 4 anni dal 3 luglio 2017 al 3 maggio 2021.
Antonio Farina, classe 1987, sospeso in via cautelare dal 10 settembre 2017 per presenza di benzoilecgonina, ecgonina metilestere e cocaina.
Valeria Cirielli F40 sospesa fino al 24 dicembre 2017 per presenza di clenbuterolo. 
Lhoussaine Oukhrid terzo al Campionato Italiano di mezza maratona ad Agropoli in 1h03’09”, positivo alla eritropoietina ricombinante.
Martina Del Rosso squalifica di 4 anni fino al 22 ottobre 2020 positiva al meldonium.
Mi fermo qui, lo schifo ha raggiunto il livello di guardia.
E allora la risposta alla domanda iniziale è: sì, ne dobbiamo parlare; finché le persone oneste volteranno la faccia dall’altra parte non si riuscirà a respirare aria pura, quell’aria pura che mi entra nei polmoni quando faccio la mia ora di corsa, sempre più lenta data l’età, ma sempre a testa alta.

Pubblicato in Commenti e Opinioni

Abbiamo già parlato del caso Moletto, che il 16 luglio, dopo una gara di sky race, non si era presentato al prelievo antidoping  perché aveva degli impegni e non voleva perdere tempo a cercare il luogo dove recarsi (cfr. Doping e controlli pubblicato tra i commenti il 24 luglio).

Ieri il tribunale della NADO (National Anti Doping Organizations) ha discusso la causa ed emesso la sentenza: squalifica di 4 anni a partire dal 4 dicembre 2017, scadenza il 3 dicembre 2021.

Le motivazioni sono chiare e semplici: violazione delle Norme NSA art.2.3  e applicazione dell’articolo 4.3.1

Articolo 2.3: eludere il prelievo di campioni biologici.

Articolo 4.3.1: In caso di violazione dell’articolo 2.3 il periodo di squalifica sarà pari a 4 (quattro) anni.

Tuttavia qualora l’atleta sia in grado di dimostrare che la violazione delle norme antidoping non è stata intenzionale (come da articolo 4.2.3) il periodo di squalifica sarà di 2 (due) anni.

 

E’ interessante andare a leggere l’articolo 4.2.3. Il termine intenzionale identifica quegli atleti che barano.

In parole povere, secondo la sentenza l’atleta sapeva che la sua condotta poteva costituire la violazione di una norma antidoping, ma ha manifestamente ignorato quel rischio.

E’ una brutta conclusione di una leggerezza gravissima: chi vuole affacciarsi al mondo dell’ atletica di vertice deve assumere un comportamento da professionista.

In un mio precedente articolo ho auspicato un salto culturale dell’Atletica italiana con la divisione dell’attività su tre livelli: Professionisti, Semiprofessionisti e Dilettanti. Chissà quando e se mai ciò capiterà: intanto chi ha velleità da atleta professionista si informi sui suoi doveri oltre che sui suoi diritti.

Pubblicato in Commenti e Opinioni

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina