Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mar 27, 2020 12916volte

Emma Quaglia, atleta e medico, due punti di vista importanti

Emma Quaglia in azione ai mondiali di Mosca 2013 e nel suo studio medico Emma Quaglia in azione ai mondiali di Mosca 2013 e nel suo studio medico

Nata nel 1980, Emma è stata una delle più forti maratonete italiane: probabilmente è più conosciuta per questa specialità eppure nel corso della sua lunga carriera non si è fatta mancare nulla. Pista indoor e outdoor, cross, strada e, più recentemente, la corsa in montagna. Invece non sono molti a sapere che questa maratoneta ha al suo attivo 3 titoli italiani sui 3.000 siepi; i risultati più prestigiosi a livello internazionale sono un 6° posto ai mondiali di maratona (Mosca 2013) e l’oro europeo a squadre (Zurigo 2014). I suoi personali: maratona 2:28:25, mezza maratona 1:12:36.

Si parla quindi di un'atleta élite, ma l’idea di incontrarla non era focalizzata sulla sua carriera, bensì di incrociare le sue due attività, quella di atleta e quella di medico. Già, perché quello che non tutti sanno è che Emma Quaglia è medico sportivo, peraltro si è formata nella specialità della fisiopatologia respiratoria, come dire, siamo molto nei dintorni dei problemi causati dal maledetto coronavirus. Ecco quindi che scambiare due chiacchiere con lei mi è parsa un’ottima idea.

Buongiorno Emma, la prima domanda di questi tempi è quasi scontata: tutto bene dalle tue parti?

Ciao Maurizio, si, grazie, tutto bene, compatibilmente con la grave situazione che mi tocca prima di tutto come persona, poi come medico e solo dopo come atleta.

Partiamo dalla cosa più facile, l’atletica: tu hai diritto ad allenarti perché parte del gruppo atleti di interesse nazionale. Ci riesci? Lo chiedo perché non mi pare sia così facile.

No infatti, non lo è. Sono tuttavia fortunata perché non vivo nel centro della mia città (Genova), poco lontano da casa mia ci sono i boschi, non sarei un problema né per me, né per gli altri. Però scelgo di stare più vicino possibile, faccio dei tratti praticamente sotto casa, non è il massimo ma può andare.

Ecco, parliamo proprio di questo, come ci si allena di questi tempi? Consigli?

Beh, dovrei dire che fondamentalmente … non ci si allena, si può fare solo attività fisica di conservazione, e questo vale per tutti, atleti e podisti in genere. E’ essenziale mantenere il benessere fisico; chi pratica regolarmente sport di base ha un sistema immunitario migliore rispetto al sedentario (per non confondere le idee, di certo questo vale meno nei giorni che seguono una maratona, ma solo in questa specifica situazione e per pochi giorni), diminuire o addirittura azzerare l’attività fisica non è una buona idea.  Poi non sono da trascurare gli aspetti psicologici, la depressione può essere una roba seria. Speriamo che finisca in fretta, altrimenti nel dopo coronavirus, indiscutibilmente oggi il problema più grande ed urgente, ci sarà ancora…tanto da fare i per i medici.

Come medico tu cosa stai facendo?

Chiaro che lo studio è chiuso, i certificati di idoneità possono attendere. Mi sono messa volentieri a disposizione della ASL di competenza così come della protezione civile. Sono fortunata rispetto ad altri colleghi che operano davvero in prima linea, ed ai quali rivolgo un sincero ringraziamento per quanto stanno facendo. Aggiungo che la sanità italiana è di ottimo livello, si sta affrontando la situazione con competenza e professionalità e questo fa ben pensare che ne usciremo.  

Invece, inevitabile la domanda, sempre come medico cosa ne pensi in merito a correre… insomma, fare attività motoria?

Se ci sono delle leggi vanno rispettate, questo è un fatto. E’ tuttavia innegabile che l’attività fisica sia fondamentale, per tutti, non solo per gli atleti. Non lo dice solo Emma Quaglia, bensì l’organizzazione mondiale della sanità (OMS); il movimento, ai diversi livelli, è il miglior farmaco naturale di cui si dispone; tante malattie possono essere prevenute e anche combattute grazie ad un’adeguata attività motoria, tra queste sovrappeso/obesità, diabete, ipertensione arteriosa. Ma l’attività è anche molto utile a mantenere un benessere psichico, fondamentale in questo periodo.

(Ndr: leggi qui una comunicazione dell’organizzazione mondiale della sanità, World Health Organization, pubblicate il 20 marzo)

ULTIME INDICAZIONI SUL CORONAVIRUS

Purtroppo di questi tempi chi corre è nel mirino….

Mi ritengo una persona equilibrata, condanno gli eccessi di qualunque genere essi siano: hanno sbagliato quelli che hanno continuato a correre in gruppo, così come quelli che si facevano apericene di gruppo (ma con questi ultimi è … più complicato prendersela). Purtroppo la tensione è salita molto, tensione che ognuno scarica secondo il proprio … personale metro di valutazione. Certo la campagna scatenata sui social e tra la gente contro chi corre, o anche semplicemente passeggia per ragioni di salute, è decisamente insensata, non ha giustificazioni. Eppure mai come in questo periodo “muoversi” aiuterebbe tanto.

Grazie Emma, e buone corse. Anzi, no, adesso non si può dire.

Grazie a te

 

 

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

4 commenti

  • Link al commento Domenica, 29 Marzo 2020 11:18 inviato da Andrea Testa

    Bell'articolo,. condivido sperando che questo insensato odio verso chi corre abbia una fine.

    Rapporto
  • Link al commento Maurizio Lorenzini Sabato, 28 Marzo 2020 15:30 inviato da Maurizio Lorenzini

    Antonia: grazie, mi raccomando, abbi cura di te.
    Agazzani: ciò che scrivi "correre senza essere visti" dimostra oltre ogni dubbio la paura che una certa stampa e i social sono riusciti incutere. In realtà si può correre, se pure con notevoli limiti e non ovunque.
    Controlla qui le ordinanze, sono diverse secondo la zona di residenza:
    https://www.podisti.net/index.php/notizie/item/5934-facciamo-il-punto-regione-per-regione.html
    (attenzione, sono del 20 marzo, con tutti i cambiamenti che ci sono stati le cose potrebbe essere diverse, anche perché ogni comune fa quello che vuole).
    Un altro suggerimento è quello di contattare le stazioni locali dei carabinieri e dei vigili (sono poi quelli che ti farebbero la multa) chiedendo loro come interpretano la "prossimità". Nella mia regione, la Lombardia, è consentito stare in "prossimità" della propria abitazione.

    Rapporto
  • Link al commento Sabato, 28 Marzo 2020 13:33 inviato da agazzani

    per chi abita in centro al paese e impossibile andare a correre senza essere visti, anche faccio solo giro del mio isolato rischio di essere denunciato o segnalato alle forze dell'ordine.

    Rapporto
  • Link al commento Venerdì, 27 Marzo 2020 13:25 inviato da Antonia

    Maurizio ciao , ho trovato il tuo articolo molto interessante e utile !

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina