Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Maurizio Lorenzini

Maurizio Lorenzini

appassionato di atletica, istruttore Fidal e runner

SELEZIONE DI FOTO QUI - CLASSIFICA GENERALE (PDF) - 27 febbraio 2022. Clima ideale oggi a Treviglio per correre forte, infatti risultano diversi personal best un po’ in tutte le categorie.

Tra gli assoluti sono tre gli uomini a correre sotto i 66 minuti, con Ahmed El Mazoury (Atl. Valle Brembana) che col tempo di 1h05:07 la spunta in volata …per un secondo sul compagno di team Nicola Bonzi, che peraltro arriva molto vicino al personale di 1h04:51 (Cremona 2021). Terzo Andrea Soffientini (Dinamo Sport, 1h05.51), una gara attendista la sua: più volte ci sono stati strappi e attacchi, che ha lasciato “correre” per poi rimontare fino al terzo posto. Interessante la prestazione del quinto classificato, Michele Sarzilla, campione italiano di triathlon sprint 2021: ha chiuso col tempo di 1h06:05, che rappresenta il suo nuovo record personale (precedente 1h06.57, Trecate 2021).


La gara femminile presenta riscontri cronometrici apparentemente peggiori, ma se si pensa che a vincere è stata Claudia Gelsomino, classe 1969, cambia un pochino la prospettiva. L’atleta del P.B.M. Bovisio Masciago vince in 1h20:16, davanti a Elisabetta Manenti (1h21:22, Atl. Pianura Bergamasca) ed ad un'altra SF50 che oggi ha portato il suo personal best a 1h21:57 (precedente Arezzo 2021, 1h22:36).


Un record è stato battuto oggi a Treviglio, infatti l’Atletica Valle Brembana ha realizzato il tempo di 5h35, con 4 atleti nelle prime dieci posizioni (e molti altri nelle prime 30), migliorando il precedente di 5h50:35 che apparteneva dal 2015 al C.S. San Rocchino. Il regolamento prevedeva un premio alle prime cinque società per somma dei cinque migliori tempi realizzati. Secondo posto per l'Azzurra Garbagnate, 6h03'.


Si è tornati a correre a Treviglio dopo due anni, per curiosità è stata la prima gara lombarda annullata nel 2020 a seguito dell’esplosione della pandemia. Ero presente e ricordo ancora patron Giovanni Bornaghi che alle 7 del mattino riceve un sms dal sindaco dove gli dice di annullare tutto. Era fine febbraio e proprio in quei giorni è iniziato il calvario per noi tutti. Sono stati comunque tanti a ricordarsi di quanto valesse la pena correre questa mezza, 711 i classificati (erano stati 818 nel 2019), direi un ottimo risultato che premia la passione e la perseveranza sua e di tutto lo staff dell’Atletica Treviglio.



Ordine d'arrivo maschile:

1 EL MAZOURY AHMED - ITA, ATL. VALLE BREMBANA 1:05:07
2 BONZI NICOLA ITA, ATL. VALLE BREMBANA 1:05:08
3 SOFFIENTINI ANDREA - ITA, A.S.D. DINAMO SPORT 1:05:51
4 PALAMINI MICHELE - ITA, G. ALPINISTICO VERTOVESE 1:06:02
5 SARZILLA MICHELE - ITA, CUS INSUBRIA VARESE COMO 1:06:05
6 ALBANO RUDY - ITA, ATLETICA SALUZZO 1:06:10
7 SONZOGNI PIETRO - ITA, ATL. VALLE BREMBANA 1:06:44
8 TOGNI MANUEL - ITA, ATL. VALLE BREMBANA 1:08:21
9 MORCHID MOHAMMED - ITA, ATLETICA WINNER FOLIGNO 1:08:44
10 MERLI LUCA - ITA, S.A. VALCHIESE 1:09:14


Ordine d'arrivo femminile:

1 GELSOMINO CLAUDIA - ITA, P.B.M. BOVISIO MASCIAGO 1:20:16
2 MANENTI ELISABETTA - ITA, ATL. PIANURA BERGAMASCA 1:21:22
3 ANGELINI SIMONA - ITA, ATL. PARATICO 1:21:57
4 GELMI LUISA - ITA, G. ALPINISTICO VERTOVESE 1:23:02
5 BUZZONI IVONNE - ITA, CARVICO SKYRUNNING 1:25:15
6 COTELLI CRISTINA - ITA, ATL. PARATICO 1:25:36
7 TERRANEO GIOVANNA - ITA, A.S.D. MARCIACARATESI 1:25:48
8 DI MARTINO IVANA - ITA, CANOTTIERI MILANO 1:26:52
9 BIROLINI LARA - ITA, ELLE ERRE ASD 1:27:32
10 COLONETTI ALICE - ITA, BRACCO ATLETICA 1:28:07

 

22 febbraio 2022. Si riparte verso la 25^ edizione, dopo la forzata astinenza con ancora più entusiasmo e voglia di fare. Torna la classica mezza maratona, gara nazionale Fidal livello bronze su percorso omologato e certificato.

Una delle novità del 2022 è la LIONS TEN, abbiamo mandato in pensione la vecchia 8 chilometri,  portandola ad una distanza più “rotonda” e maggiormente nelle corde dei runner. Resta tuttavia la possibilità per tutti di partecipare, con la modalità della non competitiva. Presente anche una 4 chilometri, anch’essa aperta a tutti.

Confermato il principio che ha sempre caratterizzato la manifestazione: la raccolta fondi da destinare a progetti specifici e mirati, un atto di solidarietà ma anche promozione dello sport come attività di aggregazione.

A breve seguirà la presentazione completa dell’edizione 2022.

ISCRIZIONI APERTE QUI

IL SITO DELLA MANIFESTAZIONE

20 febbraio 2022.  Il percorso si conferma molto veloce, vincono Asrar Abderehman (2h04:43) e Alemu Megertu (2h18:51), entrambi col record della manifestazione.  Ma Siviglia ancora una volta porta bene ai colori italiani; dopo Eyob Faniel, che nel 2020 con 2h07:19 ha realizzato il record italiano sui 42.197 metri, altri connazionali trovano le condizioni per migliorarsi.

A cominciare da Daniele Meucci, l’ingegnere toscano del C.S. Esercito, che a quasi 37 anni si migliora abbattendo il muro delle 2 ore e 10 minuti, chiude infatti in 2h09:25 (precedente Barcellona 2021, 2h10:03). Bene Daniele D’Onofrio (Fiamme Oro), che si porta a 2h11:43, migliorando di oltre due minuti il precedente primato (Sovicille 2021, 2h14’07). Ma forse il risultato più sorprendente è quello di René Cuneaz (CUS Pro Patria), che sigla un notevole 2h12:48, polverizzando il risultato di Francoforte 2016 (2h15’32). Ancor meglio Stefano La Rosa (C.S. Carabinieri), che con 2h11:24 sfiora di 6 secondi il personale e realizza la terza miglior prestazione in carriera ma soprattutto ottiene il minimo per il mondiale 2022 di Eugene (USA).

Nella gara femminile dominio etiope: dopo Alemu Megertu sono classificate in quest’ordine Sisay Meseret Gola (2h20:50) e Yeshi Kalayu Chekole (2h21:17).

Anche nella gara maschile sono gli atleti etiopi a primeggiare: primo, secondo e quarto posto. Questo il podio: Asrar Abderehman (2h04:43), Adeladlew Mamo (2h05:12), Ghirmay Ghebreslassie (2h05:34, Eritrea).

SELEZIONE DI IMMAGINI DEL FOTOGRAFICO RACEPHOTO (QUI)  -  CLASSIFICA GENERALE (QUI) - Mustafà Belghiti e Camilla Grassi sono i vincitori della 17^ edizione della mezza del Castello, in una giornata splendida ed in condizioni ottimali, come provano i numerosi personal best realizzati.

20 febbraio 2022. Sono riprese le gare, finalmente e non da oggi, credo che tutti quelli che amano correre, gareggiare, debbano ringraziare tutti gli organizzatori che con coraggio ci forniscono questa possibilità, appunto mettendo in piedi le gare, nonostante tutto.

A cominciare dall’Atletica Vittuone, dove Pietro Guerrato ed il suo efficiente staff hanno messo in piedi questa 17^ edizione. Sono stati premiati in termini di partecipazione? Tutto sommato direi di no, sono 501 i classificati, a fronte dei 547 iscritti, un calo piuttosto netto rispetto all’ultima edizione, quando furono 870 i finisher.

Eppure oggi chi ha scelto questa mezza è stato premiato perché ad un percorso davvero scorrevole (a mio avviso questa è una delle mezze più veloci in Italia) si è aggiunta una giornata perfetta dal punto di vista meteorologico. Organizzazione sempre ottima, ma questa non è una novità. Molto bella la medaglia, che rappresenta in pieno il simbolo della manifestazione, il castello di Cusago; complimenti a chi l’ha pensata così.



Gara maschile combattuta tra Mustafà Belghiti, un giovane in crescita appena accasatosi con la ASD Dinamo Sport, e Michele Belluschi (Grottini Team); nella prima parte di gara è Belluschi a dare il ritmo, poi è stato Belghiti a prendere l’iniziativa. Gara che si risolve al km 16, con un decisivo allungo di quest’ultimo, che poi chiude vincendo in 1h08:26, nemmeno troppo lontano dal suo personale di 1h07:46. Secondo posto per Belluschi (1h08:37) che lo tiene sempre “a tiro” ma senza riuscire a raggiungerlo. Terzo gradino del podio per Francesco Mascherpa (1h10:15) e quarto per Loris Mandelli (Atletica Carugate,1h10:29), che dopo un periodo un po’ disgraziato, causa infortuni, lentamente sta tornando competitivo a questi livelli.

Gara femminile che vede la vittoria di Camilla Grassi, in 1h28:03; seconda Lucia Tessa Burr (Urban Runners, 1h29:00) e terzo per l’atleta DK Runners, Cecilia Sabbadini, col tempo di 1h29:18.


Ora avanti con le prossime gare, purtroppo diversi gruppi sportivi lamentano una parziale mancanza di tesseramenti per il 2022, eppure è difficile sostenere che non ci sia la ripresa, e le gare ormai abbondano.

Invito comunque gli organizzatori a fare ancora meglio la loro parte, pubblicizzando e promuovendo al massimo le proprie gare; tagliare questi costi nella prospettiva di cali di partecipazione rischia di ottenere proprio questo risultato, per mancanza di un’adeguata comunicazione.

SELEZIONE DI IMMAGINI DEL FOTOGRAFICO RACEPHOTO (QUI) 


 

19 febbraio 2022. Il percorso della mezza maratona di Ras al Khaima si conferma come uno dei veloci al mondo, ma di certo aiutano i budget che ogni anno vengono messi a disposizione degli atleti; ma questo lo vediamo dopo, prima spazio ai protagonisti.  Vince in 57:56, nuovo record della gara, il fenomeno ugandese Jakob Kiplimo, che corre per la terza volta sotto i 58 minuti. Secondo e terzo posto keniani con Rodgers Kwemoi (58:30) e Kenneth Renju (58:35). I primi sette atleti hanno corso sotto i 59 minuti.

Gara femminile anch'essa di alto livello: vince e realizza il record della gara con 1:04:14 l'etiope Germawit Gebru. Seconda la keniana Hellen Obiri (1:04:22), terza la connazionale Sheila Chepkirui (1:04:36). Qui sono sette le atlete ad aver chiuso sotto 1:06.

Scrivevo del montepremi, che chiaramente incide non poco nelle scelte degli atleti. Il primo posto valeva circa 12.000 euro, ma la presenza di bonus "a tempo" e in caso di record della gara (realizzati entrambi) portano i vincitori a superare 20.000 euro. 

QUI IL DETTAGLIO DEL MONTEPREMI

 

 

 

Sabato 2 luglio la 7.a edizione della Primiero Dolomiti Marathon, l’US Primiero propone il nuovo Vanoi Trail di 16K, la 42K, la 26K e il Family Trail; domenica 3 luglio la passeggiata gastronomica tra Mezzano e Imer.

Iscrizioni online con prezzi agevolati fino al 28 febbraio. 

Nei boschi del Parco Naturale Paneveggio-Pale di San Martino esiste un perfetto equilibrio tra uomo e natura. Qui le attività dell’uomo si intersecano e condividono lo stesso spazio con le varie specie animali che popolano il territorio tra cui il cervo, simbolo del Parco dichiarato patrimonio dell’Umanità Unesco nel 2009.

Agili come i cervi scatteranno il 2 luglio i runners che prenderanno parte alla 7.a edizione della Primiero Dolomiti Marathon in Valle di Primiero.

L’US Primiero ha in programma ben quattro suggestivi percorsi (42K, 26K, 16K e 6.5K) di diversa difficoltà, uno dei quali rappresenta la novità assoluta di questo 2022. Si andranno a toccare le località più affascinanti della valle, luoghi significativi e ricchi di storia per tutta la comunità di Primiero. Uno su tutti l’antica Villa Welsperg, in Val Canali, costruita nel 1853 come residenza estiva dei conti Welsperg e che ora è sede del Parco Naturale Paneveggio-Pale di San Martino. Questa location unica ospiterà la partenza del percorso Marathon di 42 km che presenta un dislivello positivo di 1243m e negativo di 1543m, il tutto incorniciato da panorami incantevoli come le Pale di San Martino e la vista spettacolare sulla catena del Lagorai. Le bellezze non sono finite e al Lago di Calaita, piccolo lago alpino naturale della Valle del Lozen, si raggiungerà il tratto più alto del percorso (oltre 1600 metri), per poi addentrarsi lungo i sentieri che portano nella Valle del Vanoi e a Passo Gobbera. Successivamente si attraverserà l’iconico ponte tibetano lungo il sentiero della Via Nova situato tra Passo Gobbera e Fiera di Primiero, sede di arrivo della gara.

Il percorso di 26 km è altrettanto spettacolare, ha un dislivello positivo di 448m e negativo di 1198m e scatterà dal noto centro turistico di San Martino di Castrozza fino a Fiera di Primiero, ripercorrendo parte del tracciato marathon. La novità è il nuovo Vanoi Trail di 16 km con un dislivello positivo di 368m: lo start è fissato a Zortea in Valle del Lozen, mentre l’arrivo sarà sempre a Fiera di Primiero. Si salirà fino ai caratteristici masi del Lozen e la strada si unirà poi agli altri due percorsi. Infine, ci sarà il Family Trail di 6.5 km nei dintorni di Fiera di Primiero, adatto per famiglie, nordic walker, giovani e meno giovani che vogliono passeggiare tra i boschi e prati in un ambiente al 100% naturale.

Per riprendersi dalle fatiche delle gare, il giorno successivo l’US Primiero propone la passeggiata gastronomica ‘Par le canisele de Medan e Imer’ che partirà proprio da Mezzano, borgo fra i più apprezzati d’Italia per la sua architettura rurale, per poi proseguire fino a Imer, un altro piccolo tesoro della Valle di Primiero tutto da scoprire.

Le iscrizioni alle gare sono disponibili ad una quota di 37 Euro per la 42K, 32 Euro per la 26K, 30 Euro per la 16K fino al 28 febbraio, mentre la tariffa del Family Trail rimane fissa a 15 Euro fino al 26 giugno. 

Info: www.primierodolomitimarathon.it

 

 

 

 

SERVIZIO FOTOGRAFICO DI ROBERTO MANDELLI

13 febbraio 2022. Anche in questa ultima prova, la quinta, del 40° Trofeo Monga non c’era traccia del classico “smud and fatigue” che in genere contraddistingue le prove di corsa campestre; o meglio, fatica tanta ma di fango nemmeno l’ombra, del resto non piove da lungo tempo. Quindi terreno che più secco non si può, e nemmeno gelato, si correva bene anche con le scarpe da strada.

Miglior tempo assoluto tra gli uomini under 60 di Nicolò Borona (Atl. Casorate), 21:24, a seguire Francesco Lazzari (Atletica Marathon Almenno), 21:29 e Alessandro Asperti (Pod. Due Castelli), 21:30.

Nella categoria over 60 è Michelangelo Morlacchi (Runners Bergamo) a vincere la gara in 15:46, davanti ad Alberto Tassi (Atl.Lumezzane), 16:11 e Marco Torrente (G.S.Zeloforamagno), 17:00.

Tra le donne, in gara unica, invece prevale l’inossidabile Nives Carobbio (Atl. Paratico), 17:08, che alla faccia dei suoi 55 anni lascia indietro tutte. Seconda posizione per Anna Patelli (Atl.Casazza), 17:32, terza per Nadia Calvi (Atl.Paratico), 17:35.

Il Trofeo Monga, come in tutte le precedenti prove (Pioltello, Bolgare, Cittiglio, Torre de’ Roveri), prevedeva la distanza di 4 chilometri per tutte le categorie femminili; la stessa per allievi e over 60. Per tutti gli under 60 invece previsti 6 chilometri. Giri di circa due chilometri. Percorso modificato a Pioltello rispetto alle precedenti edizioni, ma sostanzialmente sempre attorno al centro sportivo dove è di casa la società organizzatrice, Athletic Team Pioltello. Prime centinaia di metri su fondo erboso piuttosto irregolare, poi la solita salitina ed bel passaggio nel boschetto; arrivo lateralmente alla pista di atletica.

Ultima prova che quindi definiva la classifica finale di società: vittoria dell’Atletica Paratico, sia al maschile che al femminile, grazie soprattutto alla tappa a Bolgare, da loro eletta come campionato sociale; questo spiega la “novità” rispetto alle precedenti edizioni, di norma appannaggio dei gruppi sportivi di Milano e dintorni.

La classifica maschile, prime cinque posizioni, con relativo punteggio

1)Atletica Paratico 3407 2)G.S. Zeloforamagno 3120 3)La Michetta 1929 4)Runners Bergamo 1840 5)Canottieri Milano 1716

La classifica femminile, prime cinque posizioni, con relativo punteggio

1)Atletica Paratico 1040 2)Athletic Team 954 3)Atl.Gavardo 490 4)Canottieri Milano 407 5)G.S. Zeloforamagno 397.

 

SERVIZIO FOTOGRAFICO SU ENDUPIX (QUI) - CLASSIFICA GENERALE (pdf) - 2 Febbraio 2022 - Una prima vera edizione che i numeri e i tempi dicono abbia portato a casa dei buoni risultati: 576 atleti classificati nella competitiva (600 iscritti) e 121 nella non competitiva ASI, sfiorato il muro dei 30 minuti nella gara maschile.

6 febbraio 2022. Trasferire i buoni risultati della Stramagenta qui a Castano Primo non era poi così facile, ma la passione e la perseveranza del patron Davide Daccò, unite a consolidate capacità organizzative, hanno avuto la meglio. Si ricorderà che da queste parti (16 chilometri è la distanza che separa Magenta da Castano Primo) si correva una gara molto cresciuta nel tempo, la Stramagenta, miseramente uscita dal calendario per ragioni (politiche?) che ancora oggi appaiono poco comprensibili.

Ma non è più il tempo delle discussioni: si è ripartiti con questa bella 10 chilometri su strada, certificata Fidal.


Gara maschile che vede i principali favoriti Marco Giudici (Sport Project VCO), Luca Ursano (Atl. Vomano) e Michele Fontana (Aeronautica) correre insieme i primi 7 chilometri, ma al termine di un tratto in salita discretamente impegnativo è Ursano a rompere gli indugi ed operare un allungo che risulterà decisivo, rendendo inutili i tentativi di rientrare di Giudici e Fontana che arrivano in quest’ordine.

Tra le donne prendono subito un minimo vantaggio Debora Palenza, Elisa Pastorelli e Serena Mattavelli, che lo manterranno sino alla fine. Non lontana Claudia Gelsomino, neo primatista italiana di mezza maratona categoria SF50, quarta classificata.


Ordini d'arrivo Femminile:

1) Debora Spalenza (Fanfulla Lodigiana), 36:46
2) Elisa Pastorelli (Atl. Lecco), 36:51
3) Serena Mattavelli (Amici dello Sport), 36:59
4) Claudia Gelsomino (PBM Bovisio Masciago), 37:13
5) Simona Angelini (Atl Paratico), 37:17



Ordine d'arrivo maschile:

1) Luca Ursano (Atl. Vomano) 30:14
2) Marco Giudici (Sport Project VCO) 30:20
3) Michele Fontana (Aeronautica) 30:22
4) Mohammed Morchid (Atl. Winner Foligno) 31:03
5) Michele Belluschi (Grottini Team) 31:36

Tra i cosiddetti “amatori” spesso si realizzano tempi di grande valore; stavolta è stato Gabriele Beltrami, campione italiano 2021 sui 5000 metri, categoria SM45; è 13esimo assoluto, col tempo di 32:14!

Il percorso: un giro unico complessivamente veloce, sede stradale piuttosto ampia, zero traffico automobilistico. Qualche ondulazione che in genere non rallenta più di tanto, eccezion fatta per una salita di circa 300 metri intorno al km 7, ma semmai è il passaggio del ponticello sopra il canale Villoresi che fa perdere qualche secondo. Tuttavia guardando i tempi degli atleti élite ma anche quelli di molti amatori viene da dire che qui si può correre forte.
Da rivedere la zona partenza, in particolare nella prospettiva di un aumento dei numeri; invece bene il resto della logistica (ritiro pettorali, controllo accessi, area premiazioni, etc.), difficile avere di meglio.

 

 SERVIZIO FOTOGRAFICO SU ENDUPIX (QUI) 

 

30 gennaio 2022. Dopo la prima edizione corsa nel giugno 2021, causa problematiche covid, si torna alla data “giusta” per questa 10 chilometri. Già, data giusta perché sostituisce a tutti gli effetti quella che una volta si chiamava Stramagenta, una bella gara che si correva proprio ad inizio febbraio, arrivata ad oltre mille partecipanti salvo poi naufragare sotto i colpi del covid ma ancor più della scarsa volontà e disponibilità degli amministratori locali.

QUI ULTIMA PUNTATA DI UNA BRUTTA VICENDA

Questa Castano Race, organizzata dalla ASD New Run Team e Podistica Castanese,  è gara nazionale Fidal livello bronze, su distanza certificata ed omologata; un giro unico che promette di essere molto veloce. Prevista anche la stessa distanza in modalità non competitiva.

Partenza (ore 09.40) ed arrivo nella pista di atletica situata in via Mantegna (area feste). Consigliabile ritirare il pettorale già il giorno precedente, onde evitare assembramenti e perdite di tempo causa code.

Si ricorda che per gareggiare è necessario il green pass rafforzato, che significa avvenuta vaccinazione anti Covid oppure guarigione dall’infezione, non è possibile quindi gareggiare con il solo test antigenico o molecolare. Necessario consegnare l’autocertificazione per il ritiro del pettorale:

https://www.newrt.it/CastanoRace10k/autocertificazione-covid.html

Montepremi in denaro per i primi/e cinque atleti/e, 80 premi per le categorie e 5 per le società più numerose.

 PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI

 

PRIME IMMAGINI QUI (POI SERVIZIO FOTOGRAFICO SU WWW.ENDUPIX.NET)
CLASSIFICA PDF QUI
- 30 gennaio 2021. L’olandese Jessica Oosterloo e Marco Moletto vincono la prima edizione di questa mezza maratona di Novara, organizzata in tempi record dalla ASD Circuito Running. Un problema sul percorso ha condizionato la gara maschile, quantomeno quella di Antonino Lollo e Marco Moletto, che al km 7 si trovavano in testa alla gara e per un errore hanno dovuto percorrere oltre un chilometro in più. La circostanza non ha demotivato Moletto, che anzi ha trovato uno stimolo in più per spingere a tutta e addirittura andare a vincere. Diverso per Lollo, certamente infastidito per l’inconveniente ha trasformato la sua gara in allenamento a ritmo medio, non passando la linea di arrivo probabilmente per manifestare il suo disappunto. Peccato per il campione italiano di maratona (Reggio Emila 2021, 2h16:22), mi spiace davvero, anche perché mi risulta fosse in forma.



Secondo posto per Paolo Orsetto, categoria promesse, col tempo di 1h10:18, vicino al suo personale di 1h09:54. Terzo per Marco Mazzon, che invece realizza il suo personal best portandolo a 1h10:36.    

Spicca, ma non è una novità, la vittoria nella categoria M50 di Andrea Massimiliano Milani (Atl. San Marco), che chiude in 1h13’41.                                         

Gara femminile che si è risolta verso il km 10, quando la Oosterloo ha staccato Claudia Gelsomino (recente il suo primato italiano di categoria F50, mezza di Cittadella, 1h19:05) ed è andata a vincere in solitudine. Da qui in avanti non è cambiato nulla. Seconda la Gelsomino, terza Sarah Aimee L’Epee e appena giù dal podio Roberta Vignati, che tuttavia può consolarsi col primato personale di 1h23:02.


Il percorso: non ho potuto correrlo, ahimè, la mia autonomia è molto limitata di questi tempi. Ho fatto un lungo tratto a piedi e soprattutto ho raccolto quante più opinioni possibili da chi ha partecipato, ricavandone generalmente delle buone opinioni. Forse qualche tortuosità di troppo e qualche incrocio che meritava un presidio più accurato, ma sostanzialmente un tracciato di gara da considerarsi valido.

Il mio personale giudizio sulla manifestazione è complessivamente positivo, in particolare conoscendo le vicissitudini che gli organizzatori hanno dovuto affrontare: prima un improvviso ed inaspettato cambio di percorso, a tre settimane dalla gara, poi il cambio di colore causa Covid, da giallo ad arancione, ad una settimana dalla gara. La giornata, stupenda, ha certamente aiutato, tuttavia in caso di maltempo era previsto un piano B, che prevedeva l’eventuale utilizzo del palazzo dello sport.

Sulla mezza maratona Fidal 754 iscritti e 666 classificati, certamente non hanno partecipato alcuni podisti per mancanza del green pass rafforzato (la notizia dell'obbligo è arrivata una settimana prima della gara).  


Classifica Maschile (primi cinque)

1- Marco Moletto (Atletica Saluzzo), 1h09:03

2- Paolo Orsetto (Atletica Vercelli), 1h10:18

3- Marco Mazzon (G.P. A.T.P. Toprino), 1h10:36

4- Robert Britton (Climb Runners), 1h10:43

5- El Medhi Maamari (Circuito Running), 1h11:32

Classifica femminile (prime cinque)

1- Jessica Oosterloo (LSV Invictus), 1h19:14

2- Claudia Gelsomino (PBM Bovisio Masciago), 1h20:08

3- Sarah Aimee L’Epee (Atl. Settimese), 1h22:59

4- Roberta Vignati (Free Zone), 1h23:02

5- Romina Casetta (G.S.R. Ferrero), 1h23:21


 

VIDEO

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina