Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

×

Avviso

No Images or Galleries Found

Se tutti gli scioperi riuscissero come quello proclamato dal Coordinamento podistico modenese, ci sarebbe da invitare l’immortale Roncarati, e i suoi senescenti compagni di strada, a proclamarne tanti altri ancora, per dare una sferzata di vitalità ad un movimento altrimenti ripiegato su se stesso: quasi 350 competitivi sono probabilmente un record in queste contrade; e almeno un migliaio di iscritti alla non competitiva, sia pure al prezzo ‘scandaloso’ di 2 euro, sono all’incirca gli stessi numeri che di questa stagione popolano le corse di quartiere, dove l’iscrizione è gratuita.

Nella settimana precedente la corsa, noi tesserati per buona parte delle società del Coordinamento avevamo ricevuto avvertimenti di questo tenore: “Rendo noto a tutti che la gara podistica del 17/12 domenica non ha i crismi x essere riconosciuta dal coordinamento podistico modenese di cui facciamo parte anzi viene consigliato di non partecipare. Non sara' presente la tenda, non si effettueranno le iscrizioni, la societa sara’ assente. Chi non riesce ad astenersi dal partecipare non si iscriva come XXX ma come libero”.

Dunque, una gara non cresimata: quali erano i “crismi” mancanti? Anzitutto, direi, l’uscita della società organizzatrice “Modena Runners” (che ha rilevato l’organizzazione dalla storica società San Donnino) dal Coordinamento. Eppure, quando a organizzare le corse sono i vari gruppi alpini o parrocchiali o partitici, non si sta a sindacare.

Ah già, ma c’è una colpa di cui alpini o parrocchie o partiti non osano macchiarsi: elevare il prezzo di iscrizione a 2 euro, contro il calmiere di 1,50 imposto dai roncaratiani. Addirittura senza offrire nessun pacco gara, cioè niente mezzo chilo di pasta da 23 centesimi, ma – oggi - solo il cappellino di Natale distribuito col pettorale.

Altre colpe ancor più gravi: non prevedere le premiazioni di società, quelle grazie a cui certi presidenti si presentano al termine della gara con pacchi di pettorali acquistati in prevendita e mai utilizzati, ma che garantiscono prosciutti e mortadelle.

E, suprema manifestazione di sfiducia: porre il ristoro finale in un locale chiuso, cui si accedeva solo mediante esibizione del pettorale. Fine insomma degli approvvigionamenti a sbafo da parte di chi si fa vedere sul luogo delle gare solo davanti al tavolo dei ristori, nemmeno a quello delle iscrizioni: il Coordinamento vi vuole bene, Modena Runners no.

Dunque, sciopero! Annunciata la mancanza delle tende sociali (uno dei vanti del podismo modenese, qui meglio che di quello reggiano), diffidati i tesserati dal partecipare: si è preferito lasciare una domenica vuota, che si aggiunge agli annullamenti delle settimane precedenti (che ne è della quarantennale Sfetleda dell’8 dicembre? Che sarà della altrettanto longeva corsa di Savignano? Dove è finita la competitiva nazionale della Madonnina?), piuttosto che soggiacere alle odiose pretese di un gruppetto diparvenus che disprezzano il mezzo secolo di sapienza elargito dagli organizzatori della fu-Corrimodena e della fu-Modena/Pavullo.

Aspetto patetico della cosa: nei giorni precedenti, alcuni podisti modenesi che non sono mai andati oltre il fiume Samoggia perché il Coordinamento non lo prevedeva, cercavano informazioni su come si arriva a Castelmaggiore (BO), la località più vicina a Modena (quasi 50 km) dove si corresse. Chissà se ci sono andati, per scoprire che la competitiva costava 15 euro (contro i 5 di San Donnino) e la non competitiva 2, come è di norma a Bologna e Reggio; e se hanno fatto i conti della benzina consumata.

Il sottoscritto, memore di un analogo diktat del Coordinamento nel 1995, quando venne emanata lafatwa contro la prima edizione del “Modena corre con l’Accademia” (e io ci andai – oggi ci vanno tutti i Coordinati!), da spirito libero è andato anche a San Donnino, convinto di parcheggiare nel solito parchetto, stavolta più che sufficiente. Invece, mannaggia, la segnaletica indirizzava a un parcheggio a circa 500 metri dal via, perfettamente organizzato ma già quasi pieno (e molte auto erano ai cigli delle strade).

Insomma, c’era il pienone. Niente tende? Senza girare per tutta l’area, io ho visto le tende di quasi tutte le principali società modenesi, Madonnina, Guglia, MdS, Interforze ecc., perfino una di Bologna! Più molti cani sciolti, compresa almeno una dozzina di compagni di società che hanno trovato ospitalità da qualche parte. E non è mancato il patrocinio di Csi e Uisp, cioè i due terzi del Coordinamento.

San Donnino - Campaz Mudnes

Foto di Stefano Morselli e Nerino Carri - CLICCA QUI PER IL SERVIZIO COMPLETO

Il dubbio dei partecipanti era uno solo: ma davvero noi da due euro potremo correre solo i 5 km del Christmas o Family Run, mentre i 10 saranno riservati ai competitivi? Il volantino recitava così, ma poi, sia per una sorta di autorizzazione captata tra le parole dello speaker, sia perché non siamo ancora così cadenti da limitarci ai 5 km, al fatidico bivio 5/10 abbiamo quasi tutti svoltato per i 10, nonostante il ragazzino sbandieratore cercasse di instradarci dall’altra parte. Tutti o quasi col numero bene in vista: persino la stupenda signora vignolese e il suo compaesano spesso alieno dall’acquisto dei pettorali (nonché dal partire all’ora giusta) si facevano fotografare sorridenti alla partenza, con cappellino e pettorale.

Devo dire che l’ora di distanza tra le due partenze (entrambe, anche la non competitiva, marcate dal colpo di pistola) ha fatto sì che non intralciassimo la gara ‘vera’, come non l’ha intralciato il walking da 8 km, su un percorso diverso, perlopiù sterrato e – mi dicono – bellissimo. Fa un po’ pena, nelle gare normali, vedere i walkers pestare i loro bastoncini sull’asfalto; gli ‘eretici’ dei Modena Runners anche in questo caso hanno indicato un modo diverso di far correre o camminare la gente.

Per chi non gradisse le novità, il calendario modenese prevede che domenica prossima, vigilia di Natale, si torni nello stesso posto, San Donnino, per la camminata di quartiere a zero lire e con partenza libera (fenomeno oggi molto limitato, direi a poche decine di habitués); e la domenica successiva ci si riveda a 2 km da qua, a San Damaso, per un altro Quartiere su un percorso pressoché identico a oggi.

Sarà la rivincita di Roncarati?

Pubblicato in Commenti e Opinioni

Successo partecipativo per la "San Donnino Ten" con ben 305 atleti classificat nella competitiva, vittorie per Mahamed Moro e Francesca Cocchi che bissa il successo 2016.
La manifestazione che nel suo complesso portava il nome di "Christmas Run", ha visto lo svolgimento di tre manifestazioni in una, alle 09.00 è partita la Family Run sull distanza di 5 km. che in molti hanno allungato a 10 ripercorrendo il percoso della sucessiva competitiva, poi è stata la volta del 41° Campaz Mudnes, camminata per "Nordic Wolking" di 8 km., alle 10.00 l'evento cloud con la "San Donnino Ten" competitiva sui 10.000 mentri.
Mohamed Moro (Run & Fun) ha vinto allo sprint in 33'33" davanti al vincitore uscente Omar Stefani (Fratellanza Modena) in 32'34", terzo il diciassettene dell'Atletica Frignano Nicolo' Barbieri in 32'45".
Tra le donne dicevamo del bis di Francesca Cocchi (Corradini Rubiera) in 36'37", al secondo posto Francesca Giacobazzi (Atl. Frignano) in 37'12", terza Isabella Morlini (Atl. Reggio) in 37'44".
Nelle varie Categoria femminili vittorie per Chiara Bazzano (AF), Rita Bartoli (F35), Paola Poletti (F40), Simiona Prunea (F45), Carmen Pigoni (F50), Eugenia Ricchetti (F55), Marinella Bortolani (F60).
Nelle categorie maschili vittoria Eros Baldini (AM),Giuseppe Casula (M35), Roberto Bianchi (M40), Fabrizio Gentile (M45), Mohamed Errami (M50), Claudio Gelosini (M55), Antonello Satta (M60), Leandro Gualansri (M65 e prec.).

VIDEO DI NERINO CARRI

Ordine d'arrivo maschile:
1 1 1 32:33,1 MORO Mohamed RUN & FUN 1984 AM M
2 2 316 32:34,0 STEFANI Omar LA FRATELLANZA 1996 AM M
3 3 260 32:45,8 BARBIERI Nicolo' ATL. FRIGNANO 2000 AM M
4 4 33 33:01,0 ERRAMI Mohamed ATL. CASTENASO 1967 M50 M
5 5 75 33:04,0 BALDINI Eros CORRADINI RUBIERA 1994 AM M
6 6 259 33:18,5 ROSSI Davide ATL. FRIGNANO 2000 AM M
7 7 10 33:33,3 DE SANTIS Pietro A.S.D. FRANCESCO FRANCIA 1997 AM M
8 8 256 33:48,9 VERDI Gianmarco ATL. FRIGNANO 2000 AM M
9 9 79 34:15,6 VITALI Stefano EDERA ATL. FORLI 1984 AM M
10 10 279 34:17,5 BIANCHI Roberto PICO RUNNER 1973 M40 M

Ordine d'arrivo femminile:

1 29 2 36:37,4 COCCHI Francesca CORRADINI RUBIERA 1993 AF F
2 41 285 37:12,6 GIACOBAZZI Francesca ATL. FRIGNANO 1992 AF F
3 47 254 37:44,2 MORLINI Isabella ATLETICA REGGIO 1971 F45 F
4 57 295 38:14,8 BAZZANI Chiara ATL. FRIGNANO 1999 AF F
5 61 97 38:22,9 PRUNEA Simona G.S. ORECCHIELLA GARFAGNANA 1970 F45 F
6 65 57 38:46,7 BARTOLI Rita ATLETICA IMPRESA PO A.S.D. 1978 F35 F
7 73 324 39:24,2 THOMPSON Bethany Jane ATL. REGGIO 1980 F35 F
8 92 284 40:28,2 SERAFINI Giada ATL. FRIGNANO 1989 AF F
9 98 161 40:46,3 RICCHI Lucia MODENA RUNNERS CLUB ASD 1982 F35 F
10 103 180
41:08,7 DE GIOVANNI Chiara POLISPORTIVA PAVULLESE ASD 2001 AF F

Pubblicato in Cronache

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina