Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mar 19, 2018 Sandro Bottelli 538volte

A Cavallirio la 43^ Marcia delle Primule

Domenica 18 a Cavallirio si è svolta l'edizione numero 43 della Marcia delle primule, che aprì la più frequentata rassegna podistica di Novara e Vco, il 14 marzo del 1976. Una veterana delle non competitive inventata dal compianto Giacomo Calderini con il sostegno degli sportivi locali. Pioggia e freddo domenica scorsa, presenti 438 concorrenti. Dominio assoluto del clan dei Guglielmetti che hanno piazzato Claudio al primo posto della classifica maschile e la sorella Giulia in quella femminile. Mentre il più giovane Isaia Guglielmetti, 19 anni, ha strappato il quasi incredibile terzo posto alle spalle del citato Claudio e dell'alpino gargallese Paolo Giromini. A completare la top five Andrea Perinato e Marco Munerato. In campo femminile, dopo il successo di Giulia si sono piazzate le sorelle Letizia e Ilaria Zucca tra le quali si sono inserite Ilaria Billo e l'ucraina Sanda Opayets. Aggiornando l'anagrafe della famiglia Guglielmetti di Prato Sesia troviamo al primo posto Bruno di 65 anni (ex campione di ciclocross), mamma Romana di 56, quindi i figli Simone di 34, Francesco 33, Claudio 31, Monica 28, Giulia 25, Giorgia 22 ed Isaia di 19. L'unico a non praticare podismo è Simone da poco convolato a nozze. Per quanto riguardo il baby mini giro, passerella per giovanissimi, sulle colline di Cavallirio si sono imposti Fabio Carta e Monica Uccelli, Bruno Squillace e Silvia Signini, Tommaso Mattiazzo ed Elisa Fiandaca.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina