Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mar 08, 2018 Ufficio Stampa Evento 535volte

Galen Rupp pronto per la 44^ edizione della RomaOstia

Galen Rupp e Luciano Duchi Galen Rupp e Luciano Duchi Foto Ufficio Stampa Evento
Terzo alle Olimpiadi di Rio e trionfatore alla recente Maratona di Chicago, Galen Rupp è oggi a Roma per correre, domenica 11 marzo, la 44^ edizione della RomaOstia e per sfidare gli atleti africani, tradizionali protagonisti della mezza maratona più partecipata d’Italia. Questa mattina Rupp ha incontrato i giornalisti per raccontare i motivi per i quali ha scelto l’Italia e in particolare la RomaOstia. Inaugurando la conferenza stampa ha dichiarato: “Amo Roma e sono felice di essere qui. Il mio prossimo obiettivo è la Maratona di Boston, ma credo che la gara di domenica sia ideale per andare veloce e per prepararsi adeguatamente verso gli impegni che mi aspettano”. Hai studiato il percorso e i tuoi avversari? “Il percorso è molto lineare, mi piace. Per me che arrivo dalla pista non c’è il rischio che diventi monotono, al contrario, mi permetterà di esprimere al meglio le mie potenzialità. Degli avversari conosco i tempi sulla distanza, ma francamente non ho avuto modo di studiarne compiutamente la caratura tecnica. Sono convinto che sarà una gara di alto livello nella quale correrò per vincere e per andare più velocemente possibile. Avrò un pacemaker che mi aiuterà a fare il tempo e questo mi fa ben sperare… Vorrei battere il mio personal best. Nella mia testa esiste il record statunitense di mezza maratona con 59’43”. Se sono in forma? Certo che sì!”. Ad allenarti un mito del podismo, Alberto Salazar. Quanto è stato importante il tuo allenatore nella crescita come atleta? “Ho iniziato con lui al College all’età di 14 anni e a lui devo tutto. Se oggi ho raggiunto determinati risultati - e se ho vinto - gran parte del merito spetta proprio a Salazar”. Sei un idolo negli Stati Uniti. Oggi probabilmente l’unico atleta non africano in grado di battersi con possibilità di successo nelle gare di mezza e di maratona. Senti una qualche responsabilità in questa veste ? “Io penso ad andare forte, come del resto tutti i miei avversari. La corsa è uno sport duro, richiede grandi sacrifici e molto spesso ti costringe a pensare solo agli allenamenti e a fare tante rinunce. Gli atleti africani sono disposti, più di altri, proprio al sacrificio per lo sport trovando nello stesso un motivo di riscatto e di affermazione personale. Ma tutti possono, impegnandosi, ottenere grandi risultati”. Oltre a gareggiare cosa hai in programma per questo tuo soggiorno romano? “Roma è una città bellissima, voglio conoscerla meglio. Da cattolico desidero visitare la Basilica di San Pietro. Sono inoltre un gran divoratore di pasta, credo di essere nel posto giusto per soddisfare i miei desideri culinari”. Prima della chiusura dell’incontro, il Patron della RomaOstia, Luciano Duchi, ha rivolto a Rupp qualche domanda dichiarando: “Sono particolarmente felice della partecipazione di un atleta di questo spessore alla nostra gara. Mi ha colpito molto positivamente per la sua personalità e per la sua spontaneità nonostante la grande fama internazionale che lo accompagna. Questo, unitamente alla sua caratura tecnica, costituisce certamente un valore aggiunto per il nostro evento “.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina