Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Scadrà domani 15 febbraio 2018 alle 23:59 il termine ultimo per i podisti per richiedere l’iscrizione diretta alla 48^ edizione della Maratona di New York in programma il prossimo 4 novembre.
Se hai il minimo o se vuoi tentate la fortuna vai sul sito www.tcsnycmarathon.org

Le richieste d’iscrizione sono di 2 tipi, iscrizione a sorteggio (lotteria) e iscrizione con i requisiti prestazionali, con la novità delle limitazione dei posti a disposizione per chi non avesse ottenuto la prestazione in gare NYRR.

Per il sorteggio basta iscriversi entro il 15 febbraio ed attendere l'estrazione del 28 febbraio ; nel 2017 sono stati premiati con l'iscrizione il 17% degli iscritti al sorteggio, il numero è proporzionale al numero degli iscritti.

Per l'iscrizione garantita, i criteri sono stringenti, occorre avere una delle seguenti caratteristiche:

-   aver completato 15 edizioni della maratona di NY;

-   aver trasferito l’iscrizione 2017, già perfezionata, all’edizione 2018;

-   aver ottenuto le seguenti prestazioni (in uno degli eventi NYRR sotto elencati) nell’anno 2017:

Standard maschili:

Age*

Marathon

Half-Marathon

18-34

2:53:00

1:21:00

35-39

2:55:00

1:23:00

40-44

2:58:00

1:25:00

45-49

3:05:00

1:28:00

50-54

3:14:00

1:32:00

55-59

3:23:00

1:36:00

60-64

3:34:00

1:41:00

65-69

3:45:00

 

 

Standard femminili:

Age**

Marathon

Half-Marathon

18-34

3:13:00

1:32:00

35-39

3:15:00

1:34:00

40-44

3:26:00

1:37:00

45-49

3:38:00

1:42:00

50-54

3:51:00

1:49:00

55-59

4:10:00

1:54:00

60-64

4:27:00

2:02:00

65-69

4:50:00

2:12:00

70-74

5:30:00

2:27:00

75-79

6:00:00

2:40:00

80+

6:35:00

2:50:00

Saranno automaticamente accettate le iscrizioni solo di coloro che hanno ottenuto i tempi descritti nella tabella, in una delle seguenti gare NYRR:

NYRR Fred Lebow Manhattan Half 2017;
2017 United Airlines NYC Half;
2017 Half-Marathon femminile SHAPE;
2017 Airbnb Brooklyn Half;
2017 NYRR Staten Island Half;
2017 TCS New York City Marathon. 

Per gli altri deciderà il comitato organizzatore in base al merito ed alla data di inserimento della richiesta.

Per tutti gli altri, quindi per tutti coloro che non hanno i requisiti sopra esposti, non rimarrà che iscriversi attraverso le agenzie accreditate, non dimenticando di valutare anche l'offerta Podisti.Net, un'offerta che mai come quest'anno presenta un rapporto qualità/prezzo così favorevole, con volo diretto con Emirates (già fissati gli operativi dei voli) ed hotel a 700 metri dall'arrivo della maratona.
Per ricevere informazioni compilare la scheda che apparirà dopo aver cliccato sull'immagine seguente: 

 




Pubblicato in Notizie

Con l'arrivo dell'anno nuovo vogliamo completare, seppur in ritardo, il progetto che ha visto Podisti.Net e New Balance collaborare per la riuscitissima missione alla Maratona di New York 2017.
I nostri connazionali classificati sono stati poco più di 3000 unità, una vera apoteosi italiana, seconda solo, in termini numerici, ai padroni di casa.
Di seguito  elenchiamo i nomi dei primi italiani per ogni categoria: al primo ed alla prima di ogni singola categoria andrà in premio lo zainetto New Balance, per averlo l'interessato non dovrà fare altro che contattare Podisti.Net scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vuoi correre la New York City Maraton 2018? Compila la scheda di richiesta e ti manderemo il ns. pacchetto con volo diretto ed hotel a 600 metri da Central Park.

Per chi volesse rivivere le emozione dell'edizione 2017 ci sono le nostre bellissime foto QUI

 

Maratona di New York 2017


M18-19 Stefano Craviotto 03:46:27
M20-24 Edoardo Felici 03:00:03
M25-29 Francesco Puppi 02:25:35
M30-34 Domenico La Banca  02:35:48
SM35 Doriano Bussolotto  02:27:41
SM40 Luigi Vivian 03:31:59
SM45 Massi Milani 02:33:15
SM50 Alfred Mair 02:46:31
SM55 Giovanni Ranfone 03:22:18
SM60 Ferruccio Zani 03:17:22
SM65 Walter Bechini 03:20:47
SM70 Sergio Bartolini 03:47:37
SM75 Pasquale Del Prete 05:23:26
SM80-89 Bruno Marabese 06:23:47
     
F19 Matilde Vitali 05:35:11
F20-24 Giorgia Mancin  03:12:34
F25-29 NN  
F30-34 Sara Dossena 02:29:39
F35-39 Emma Quaglia 02:34:10
F40-44 Rossella Guariniello 03:07:01
F45-49 Ilaria Baccala  03:14:55
F50-54 Franca Fiacconi 03:20:21
F55-59 Paola Romana Ciapparoni 03:47:11
F60-64  Flavia Bosisio 03:55:23
F65-69 Rosa Pattis 04:10:23
F70-74 Eugenia Volontiero  05:49:11
f75-79 NN  


New Balance è un’azienda americana con oltre 100 anni di storia tuttavia, dal nostro punto di vista, quello del running, è particolarmente cresciuta in tempi relativamente recenti, lo si è visto attraverso la realizzazione di una gamma di prodotti completa, competitiva, in grado di soddisfare tutte le esigenze di chi corre. Poi, grazie ad opportune strategie ed investimenti, negli ultimi anni ha acquisito come title sponsor alcuni dei più importanti eventi internazionali, in primis New York e Londra, ma anche altre maratone importanti e partecipate, come Rotterdam e Siviglia, oppure Roma, per stare in casa nostra. Sempre per quanto riguarda l’Italia, nel 2015 c’è un passaggio fondamentale della sua presenza sul mercato nazionale, l’acquisizione di Gartner, il precedente importatore; di fatto New Balance Italia è una filiale diretta, con tutti i maggiori coinvolgimenti della casa madre in termini di investimenti e definizione di obiettivi sempre più ambiziosi. Il risultato, tra i tanti, è stato un notevole ampliamento della presenza sul campo, elemento che ha generato un notevole salto di qualità, attraverso la partecipazione alle manifestazioni di settore, la maggiore disponibilità di prodotti presso i negozianti e, infine, la realizzazione di 9 store monomarca, essenziali dal punto di vista dell’immagine del brand.

Pubblicato in Notizie

Dal 15 Gennaio e sino al 15 febbraio 2018, i podisti possono richiedere l’iscrizione diretta alla 48^ edizione della Maratona di New York in programma il prossimo 4 novembre.
Le iscrizioni rimarranno aperte sino al 15 febbraio sul sito www.tcsnycmarathon.org .

Le richieste d’iscrizione sono di 2 tipi, iscrizione a sorteggio (lotteria) e iscrizione con i requisiti prestazionali, con la novità delle limitazione dei posti a disposizione per chi non avesse ottenuto la prestazione in gare NYRR.

Per il sorteggio basta iscriversi sul sito sino al 15 Febbraio ed attendere l'estrazione del 28 febbraio 2018, nel 2017 sono stati premiati con l'iscrizione il 17% degli iscritti al sorteggio, il numero è proporzionale al numero degli iscritti.

Per l'iscrizione garantita, i criteri sono stringenti, occorre avere una delle seguenti caratteristiche:

-   aver completato 15 edizioni della maratona di NY;

-   aver trasferito l’iscrizione 2017 già perfezionata, all’edizione 2018;

-   aver ottenuto le seguenti prestazioni (in uno degli eventi NYRR sotto elencati) nell’anno 2017:

Standard maschili:

Age*

Marathon

Half-Marathon

18-34

2:53:00

1:21:00

35-39

2:55:00

1:23:00

40-44

2:58:00

1:25:00

45-49

3:05:00

1:28:00

50-54

3:14:00

1:32:00

55-59

3:23:00

1:36:00

60-64

3:34:00

1:41:00

65-69

3:45:00

 

 

Standard femminili:

Age**

Marathon

Half-Marathon

18-34

3:13:00

1:32:00

35-39

3:15:00

1:34:00

40-44

3:26:00

1:37:00

45-49

3:38:00

1:42:00

50-54

3:51:00

1:49:00

55-59

4:10:00

1:54:00

60-64

4:27:00

2:02:00

65-69

4:50:00

2:12:00

70-74

5:30:00

2:27:00

75-79

6:00:00

2:40:00

80+

6:35:00

2:50:00

Saranno automaticamente accettate le iscrizioni solo di coloro che hanno ottenuto i tempi descritti nella tabella, in una delle seguenti gare NYRR:

NYRR Fred Lebow Manhattan Half 2017;
2017 United Airlines NYC Half;
2017 Half-Marathon femminile SHAPE;
2017 Airbnb Brooklyn Half;
2017 NYRR Staten Island Half;
2017 TCS New York City Marathon. 

Tutti coloro che hanno ottenuto i tempi di qualificazione in gare diverse da quelle sopra elencate, non avranno la certezza di poter correre la NYCM, il comitato organizzatore, infatti, si riserva la facoltà di accettare solo una parte dei richiedenti, i posti verranno distribuiti in base al principio "chi prima arriva, prima alloggia".
Il Comitato organizzatore si prenderà sino a due settimane (dal 15/2 al 28/2) per verificare la veridicità delle prestazioni dichiarate nella scheda dai singolo candidati.

Coloro che si candidano con un tempo di qualificazione in gare non NYRR, dopo aver raggiunto il numero massimo di posti disponibili, rimarranno nell’elenco degli atleti con iscrizione non garantita.
Verrà preso in considerazione il tempo netto (da chip) e non il tempo dalla sparo.

Durante la finestra mensile 15/01 – 15/02, L’iscrizione alla procedure “non garantita” è gratuita, si pagherà il pettorale quando verrà perfezionata l’iscrizione.
I corridori che riceveranno la notifica che comunicherà loro la presenza dei requisiti, dovranno reclamare il loro posto perfezionando l'iscrizione. 

Per tutti gli altri, quindi per tuti coloro che non hanno i requisiti sopra esposti, non rimarrà che iscriversi attraverso le agenzie accreditate, non dimenticando, però, di valutare anche l'offerta Podisti.Net, un'offerta che mai come quest'anno presenta un rapporto qualità/prezzo così favorevole, con volo diretto con Emirates (già fissati gli operativi dei voli) ed hotel a 700 metri dall'arrivo della maratona.
Per ricevere informazioni compilare la scheda che apparirà dopo aver cliccato sull'immagine seguente:




Pubblicato in Notizie
Giovedì, 09 Novembre 2017 19:19

Storia della New York City Marathon

Elenco di tutti gli italiani sotto le tre ore postato online da Andrea Benatti su Atletica Live e rielaborato da Roberto Mandelli correggendo alcuni errori nei nomi.

NYM Italiani sotto le 3 ore (PDF)

La New York City Marathon si svolge la prima domenica del mese di novembre. Questa è la gara su strada più famosa del mondo per diverse ragioni: perché si corre a New York; perché milioni di persone la seguono sui marciapiedi e dalla finestre della città; perché è la più popolosa; perché ciascuno vi trova la sua personale motivazione.

L’ideatore  ne è stato Fred Lebow, nato ad Arad in Romania nel 1932 e deceduto all’età di sessantadue anni, quand’era il responsabile della più grande maratona e del più grande clubpodistico del mondo, il New York Road Runners, con 29˙000 iscritti. Nel mese di febbraio del 1990, Lebow apprese di avere un tumore al cervello, e i medici gli comunicarono che aveva ancora appena sei mesi di vita. Dopo tre anni di lotta contro il cancro, nel novembre 1993 egli prendeva parte alla “sua” maratona in compagnia di Grete Waitz.

Fred Lebow è rimasto nella mente di chi l’ha conosciuto direttamente come un uomo timido e un po’ schivo, con una memoria straordinaria e una meravigliosa disponibilità; con il suo cappellino colorato in testa e le sue scarpe da runner, trattava da pari a pari con gli uomini più importanti della terra; il suo cibo preferito erano le verdure. Lo si può considerare come l’inventore della maratona moderna e della maratona come fenomeno di massa. Con la sua voglia di correre e far correre, è riuscito a entrare fra le personalità di spicco dello sport di tutti i tempi.

 

ANNI SETTANTA 
La prima maratona di New York si svolse nel 1970, con al via appena 55 podisti, che coprirono il percorso girando intorno al Central Park, una realtà veramente antica e diversa rispetto a quella odierna; solo nel 1994 si arrivò a ben 27˙000 concorrenti, che attraversarono i cinque distretti di New York. La prima edizione fu vinta da Gary Muhrcke (USA), con il tempo di 2h31’38”. Non ci fu alcuna donna giunta al traguardo. Nella 2a edizione del 1971, fu un altro statunitense a imporsi tra gli uomini, Norman Higgings, con il tempo di 2h22’54”. Tra le donne, vinse un altro nome USA, Beth Bonner, con il tempo di 2h55’22”. Nel 1972 e 1973 tra le donne vince Nina Kuscsik (USA). Il 1974 è l’anno della famosa statunitense Kathrine Switzer (3h07’29). Ancora dominio statunitense tra gli uomini sino al 1982 e tra le donne sino al 1978. Bill Rodgers si aggiudica la gara newyorkese per quattro volte (1975-1979). Il 1978 è l’anno della prima vittoria della norvegese Grete Waitz, che nel 1978 per la prima volta con 2h27’33” vince con un tempo sotto le 2h30’.

 

ANNI OTTANTA
Lo statunitense Alberto Salazar vince tre volte (1980-1982). Di rilievo il suo 2h09’41” (1980), quando la Waitz vince con 2h25’42”. A rompere l’egemonia statunitense fu il neozelandese Rod Dixon, il quale nel 1983 vinse con il tempo di 2h08’59’’. Nel 1984 ci fu la prima vittoria europea, con l’italiano Orlando Pizzolato, che si ripeté l’anno dopo (1985), seguito nell’86 dal connazionale Gianni Poli. Nel 1987 giunse il primo successo maschile africano, con il keniano Ibrahim Hussein (2h11’01”).

Da segnalare che nelle prime venti edizioni della NYC, il miglior tempo fu quello di Salazar (2h08’12”7), ma il percorso poi risultò leggermente più corto della distanza convenzionale. Così, prima del 2h08’01” di Juma Ikangaa (Tanzania), nella 20^ edizione del 1989, il miglior tempo nel primo ventennio della NYC è stato quello di Rod Dixon (2h08’59”).

Tra le donne, la numero uno del primo ventennio è stata la norvegese Grete Waitz, vincitrice ben otto volte (1978-1981; 1983-1986). La sua serie fu interrotta dalla neozelandese Allison Roe (2h25’28’’8), nell’edizione ‘più corta’ del 1981.     

La partenza della NYC Marathon avviene alle 10.30 da Verrazano Bridge, ove si radunano i maratoneti, con la ripresa dell’ABC e proposta in mondovisione. Si passa nel Central Park e il traguardo è alla Tavern on The Green, ove il fotofinish riprende i maratoneti a braccia alzate, fieri, sorridenti, cui spetta al traguardo: un bacio, una medaglia, una bottiglia d’acqua minerale, la mitica stagnola sulle spalle. Più tardi si svolgono le premiazioni allo Sheraton. Il giorno dopo sui quotidiani newyorkesi appare l’elenco di tutti gli arrivati, un cimelio che ogni classificato conserverà come tra i più preziosi della propria avventura atletica. 

 

1985
Nell’edizione del 27 ottobre Orlando Pizzolato bissava il successo inaspettato dell’anno precedente, giungendo al traguardo davanti al gibutiano Ahmed Salah. Nella stessa gara, in campo femminile, Laura Fogli era 3^ (e 96^ assoluta), mentre Cristina Tommasini, alla sua prima esperienza sulla distanza, era 12^, con il tempo di 2h41’08”.

Alcune cifre e curiosità della gara newyorkese di quell’anno: erano iscritti alla maratona 19320 atleti, di cui 15925 uomini e 3305 donne. La fascia di età più rappresentata era quella dai 30 ai 39 anni, con 6˙563 maschi e 1˙466 femmine. C’erano 215 corridori dai 16 ai 19 anni, 41 dai 70 ai 79 anni, 4 uomini e nessuna donna oltre gli 80 anni. 5˙324 concorrenti erano alla loro prima maratona. Tra gli iscritti, 10˙453 erano sposati, 6514 celibi o nubili, 348 separati, 1˙138 divorziati, 326 conviventi, 2˙546 concorrenti correvano da più di 10 anni. Gli stati americani più rappresentati erano quelli di New York (7346) e il New Yersey (1841), seguiti dalla California (741) e dalla Pennsylvania (534); quelli meno il South Dakota (39), il North Dakota (6), il Wyoming (6), il Montana (9), mentre l’Alaska presentava 18 corridori alla partenza.

Tra le nazioni straniere, la Francia contava 911 iscritti, la Germania Ovest (504), la Gran Bretagna (499), il Canada (349), il Messico (294), la Norvegia (226), la Svezia (220); l’Italia con 193 concorrenti era all’8° posto. La categoria lavorativa più rappresentata era quella degli insegnanti (1˙102 iscritti), seguiti dai manager d’industria (965), dagli uomini di legge (954), dagli ingegneri (837), dagli studenti (712), dai ragionieri (639), dai dottori (569), dai titolari d’azienda (517), dai bancari (439), dai programmatori di computer (346), dai poliziotti (322), dalle babysitter (212 di cui 38 uomini e 174 donne), dai giornalisti (138), dagli artisti (137), dai pompieri (131), dai meccanici (122), dagli autisti (112), dai piloti d’aereo (78), dai preti (66), dai disoccupati (53), dagli uomini della FBI (50), dai baristi (50), dai parrucchieri (41), dai politici (19).

L’organizzazione della maratona comprendeva 30 unità mediche (una per miglio), 5˙000 volontari, 1˙500 ufficiali di gara, 1˙400 poliziotti, 24 terminali di computer, 177 autobus per il trasporto dei concorrenti. Erano a disposizione degli atleti 1˙000˙000 di bicchieri di carta, 77˙000 spille di sicurezza, 375 toilette portatili. Si sono resi necessari 63 litri di vernice per tracciare la linea blu che indicava il percorso di gara. Sono servite 28˙355 magliette, 1˙300 coperte, 19˙000 medaglie. Sono state rifiutate 22˙000 iscrizioni. Hanno portato a termine la gara 15752 concorrenti. Ultima classificata è stata la 35enne signora Galorza, che ha concluso la prova in 11h50’46”, con 2h13’ di distacco dal penultimo classificato, suo marito. Noel Johnson di ottantasei anni è stato il più anziano partecipante alla maratona; Mayme Bdera, di settanta anni, la più anziana. Il totale dei premi in denaro prevedeva 273˙800 dollari da spartire tra i primi 25 uomini e le prime 25 donne.

La gara era partita alle ore 10.45, con umidità dell’aria del 55% e una temperatura di 20 °C; l’umidità patita in gara penalizzava meno il vincitore Pizzolato di altri concorrenti, poiché questa è stata la sua “compagna” nei numerosi allenamenti svolti a Ferrara, quartiere generale suo e dei vari Magnani, Fogli, Pambianchi, Molinari, Conconi e scuola di maratona. Le condizioni avverse del tempo, nell’edizione del 1985, non hanno ostacolato il meritato successo dell’azzurro, che ha così glorificato una carriera piena di allori, frutto di sacrifici quotidiani, alimentati da un ovvio entusiasmo giovanile. Quelli di New York 1984-1985 non sono stati gli unici risultati di valore di Pizzolato, il quale ha vinto anche la medaglia d’argento ai Campionati Europei di Stoccarda sulla maratona, dietro all’altro azzurro Gelindo Bordin; ancora Pizzolato ha vinto alle Universiadi di Kobe sulla maratona oltre a numerose prove in Italia e all’estero. La maratona l’ha costruito come persona e alla sua famiglia trasmette l’entusiasmo del maratoneta, veloce e riflessivo.

Dopo le due vittorie consecutive di Orlando Pizzolato (1984 e 1985), un altro italiano vince la gara della Big Apple, nel 1986, Gianni Poli con 2h11’06”, mentre l’anno dopo è la volta del Kenya con Ibrahim Hussein in 2h11’01”. Il decennio si chiude con la vittoria del britannico Steve Jones (1988) in 2h08’20”, e del tanzaniano Juma Ikangaa (1989) in 2h08’01”.

 

ANNI NOVANTA
Nel 1990 vince il keniano Douglas Wakiihuri in 2h12’39”. L’inizio del decennio è favorevole al Messico tra gli uomini, che vincono con Salvator Garcia (1991) in 2h09’28, con Andrés Espinosa (1993) in 2h10’04”, German Silva (1994) in 2h11’21 e (1995) in 2h11’00”. L’egemonia messicana è interrotta dall’azzurro Giacomo Leone, che nell’edizione del 1996 vince con 2h09’54”. Tra le donne, nell’edizione del 1994, la keniana Tegla Loroupe, siglando il tempo di 2h27’37”, è stata la prima africana a vincere la gara newyorkese e anche la più giovane vincitrice della corsa, da quando questa si disputa attraverso cinque quartieri (Staten Island, Brooklin, Queens, Bronx e Manhattan). In quella 25^ edizione si segnalava l’italiana Emma Scaunich che, migliore italiana al traguardo (12^) con il tempo di 2h41’52”, era 1^a fra le over 40 e finiva 170^ nella graduatoria assoluta fra uomini e donne. Quattro gli italiani tra i primi 26 classificati: Salvatore Bettiol (9°), Gianni Poli (17°), Leandro Croce (18°), Giacomo Tagliaferri (26°).

Per i colori italiani nel 1998 giunge la vittoria della romana Franca Fiacconi, classe 1965, che vince con un buon 2h25’10”. Mentre tra gli uomini rivince per la seconda volta consecutiva il keniano John Kagwe in 2h08’45”. Nel 1999, è un altro keniano a prevalere, Joseph Chebet in 2h09’14”.

 

XXI SECOLO 
L’inizio del nuovo Millennio vede la vittoria del marocchino Abdelkhader El Mouzaziz  in 2h10’09” e della russa Ludmila Petrova in 2h25’45”. Il 10 aprile 2005 si è corsa la NY More marathon, la prima maratona newyorkese riservata alle donne, organizzata dal NYRR in collaborazione con la prestigiosa rivista americana More. La gara si corre tutta tra i colori primaverili di Central Park, con 3˙000 partecipanti da ogni parte del mondo.

Nell’ultimo decennio (2007-2016), tra gli uomini, c’è stato il dominio africano con Kenya, Etiopia ed Eritrea, come pure tra le donne a eccezione delle due vittorie di Paula Radcliffe (Regno Unito) nel 2007 e 2008, con tempi sempre sotto le 2h30’. Tra gli uomini il vincitore è solo due volte con un tempo sopra le 2h10’. Tuttavia rimangono gli Stati Uniti, in campo maschile, la nazione con maggior successi dall’edizione inaugurale del 1970 (14), in virtù dei 13 consecutivi, ai quali si è aggiunta nel 2009 la vittoria di Mebrahtom Keflezighi (2h09’14”). Al 2° posto il Kenia (13), seguito da Italia (4) e Messico (4). Tra le donne invece 10 vittorie per Norvegia e Kenya, seguiti dagli Stati Uniti (7) e dal Regno Unito (5). Giova ricordare che delle 10 vittorie norvegesi, 9 portano il nome di Grete Waitz, la prima donna nel 1978 a rompere l’egemonia statunitense.

Il record femminile della manifestazione è della keniana Margaret Okayo (2h22’31”) nel 2003. Mentre quello maschile è del keniano Geoffrey Mutai (2h05’06”) nel 2011. Nello scorso 2016, tra i 39˙098 italiani che hanno concluso almeno una maratona (di cui 32˙704 uomini e 6˙934 donne), 2708 erano a New York. La gara newyorkese, giunta alla 46^ edizione, ha avuto nel 2016 un totale di 51˙360 finisher, di gran lunga superiore ai 41˙708 di Parigi del 3 aprile e ai 40˙608 finisher di Chicago del 9 ottobre.

Con 2h07’51” il ventenne eritreo Ghirmay Ghebrselassie, campione del mondo a Pechino 2015 e 4° alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016, è stato il più giovane vincitore della storia della gara a livello maschile. Mentre tra le donne la keniana Mary Keitany con 2h24’26” ha vinto per la terza volta consecutiva con il più ampio distacco (3’25”) inflitto alla 2^ classificata dal 1984 in poi, riscattando così la mancata convocazione alle Olimpiadi di Rio.

 

CONCLUSIONE
Vincitori illustri hanno esaltato New York, quali il plurivittorioso Alberto Salazar, nelle prime edizioni, e gli italiani Orlando Pizzolato, con due vittorie, Gianni Poli, Giacomo Leone, Franca Fiacconi, la famosa Grete Waitz, Tegla Loroupe e tanti altri. Ogni atleta che calpesta le strade delle maratone appartiene alla famiglia dei corridori, e và giustamente sostenuto e applaudito come fanno i newyorkesi, nella loro città, in occasione della maratona della Big Apple. Nonostante un percorso non proprio velocissimo, per la non linearità del tracciato e il selciato non proprio ideale, a motivo del sostegno del pubblico lungo le strade  molti maratoneti riescono a conseguire lì tempi anche di rilievo. 

Pubblicato in Commenti e Opinioni

SERVIZIO FOTOGRAFICO - Tutti gli italiani nei primi 100 qui.
Sono Geoffrey Kipsang Kamworor e Shalane Flanagan a trionfare alla maratona di New York. Splendido esordio di Sara Dossena.

Gara avvincente, in particolare al maschile, con Kamworor che al 40° chilometro lascia la compagnia di Kipsang, Desisa e Berhanu per poi resistere al ritorno finale di Wilson Kipsang, che gli finisce vicinissimo.

Finale un po' a sorpresa nella gara femminile dove il pronostico, a favore di Mary Keitany, è stato sovvertito dall'americana Shalane Flanagan. La vincitrice, prima della gara, aveva annunciato che sarebbe stata la sua ultima maratona.

Ottimo esordio per Sara Dossena, con una seconda parte di gara, la più difficile, più veloce della prima. Finisce con un prestigioso 6° posto in 2:29:39 perdendo la 5^ posizione negli ultimi metri, come si puo' vedere nella sequenza fotografica di Stefano Morselli, è stata forse sorpresa dalla rimonta fulminante dell'americana.

Emma Quaglia, alla prima partecipazione alla maratona di New York, chiude in 2:34:10. 
Bene anche un altro esordiente in maratona, il campione del mondo di corsa in montagna Francesco Puppi, 2:25:35 il suo crono finale; secondo italiano Doriano Bussolotto, 2:27:41, terzo Alberto Mosca 2:28:01. Tutti gli italiani nei primi 100 QUI
(Foto Giancarlo Colombo/NYCM)

Pubblicato in Notizie
Mercoledì, 08 Novembre 2017 15:39

New York Marathon: gli italiani nei 100

SERVIZIO FOTOGRAFICO 

Nella classifica dei primi 100 uomini troviamo 19° Francesco Puppi in 2:25:35, 22° Damiano Bussolotto in 2:27:41, 23° Alberto Mosca in 2:28:01, 38° Salvatore Gambino in 2:31:12, 46° Luigi Vivian 2:31:59, 53° Massi Milani 2:33:15, 62° Marco Quaglia 2:34:30, 70° Domenico La Banca in 2:35:48.
In campo femminile Sara Dossena 6^ in 2:29:39, Emma Quaglia 14^ in 2:34:10, 28^ Gloria Giudici 2:47:30, 78^ Denise Cavallini in 3:00:02.
Nelle classifiche per categorie maschili l'Italia alza la testa con le prestazioni di Damiano Bussolotto primo nella 35-39 dove si registra anche l'ottimo secondo posto per Alberto Mosca, Luigi Vivian 3° nella categoria 40-44, Massi Milani 1° nella cat. 45-49, infine con il 3° posto per Antonino Russo nella cat. 70-74 in 3:54:55. 

Primi 100 uomini

1 5 Geoffrey Kamworor 2:10:53   Kenya KEN
2 4 Wilson Kipsang 2:10:56   Kenya KEN
3 7 Lelisa Desisa 2:11:32   Ethiopia ETH
4 6 Lemi Berhanu 2:11:52   Ethiopia ETH
5 10 Tadesse Abraham 2:12:01   Switzerland SUI
6 14 Michel Butter 2:12:39   Netherlands NED
7 3 Abdi Abdirahman 2:12:48 AZ United States USA
8 16 Koen Naert 2:13:21   Belgium BEL
9 442 Fikadu Girma Teferi 2:13:58 NY United States ETH
10 12 Shadrack Biwott 2:14:57 CA United States USA
11 11 Meb Keflezighi 2:15:29 CA United States USA
12 9 Jared Ward 2:18:39 UT United States USA
13 441 Senbeto Geneti Guteta 2:20:29 NY United States ETH
14 443 Birhanu Dare Kemal 2:21:30 NY United States ETH
15 18 Brendan Martin 2:22:36 NY United States USA
16 21 Harbert Okuti 2:22:46 NY United States UGA
17 19568 John Metui 2:23:40 CA United States KEN
18 549 Girma Segni 2:23:51 NY United States ETH
19 20 Francesco Puppi 2:25:35 CO Italy ITA
20 1025 Peter Le Grice 2:27:11   United Kingdom GBR
21 444 Abu Kebede Diriba 2:27:25 NY United States ETH
22 1031 Doriano Bussolotto 2:27:41   Italy ITA
23 462 Alberto Mosca 2:28:07   Italy ITA
24 1011 Enzo Yanez Jhonson 2:28:17   Chile CHI
25 1032 Jordan Tropf 2:28:19 MD United States USA
26 464 Matt Lenehan 2:28:26 CA United States USA
27 40 Fredrik Uhrbom 2:28:42   Sweden SWE
28 458 Benjamin Mears 2:29:12 CA United States USA
29 1022 Luc Schout 2:29:41   Netherlands NED
30 1010 Wojciech Kopec 2:29:47   Poland POL
31 446 Asier Cuevas 2:30:00   Spain ESP
32 548 David Saunders 2:30:05 NY United States USA
33 1154 Jake Kasperski 2:30:06 OH United States USA
34 447 Suleman Abrar Shifa 2:30:26 NY United States ETH
35 1118 Agustin Moreno 2:30:28   Spain ESP
36 1117 Kyle Larson 2:30:51 IL United States USA
37 460 Rafael Oliveira 2:31:03   Portugal POR
38 1068 Gambino Salvatore 2:31:12   Italy ITA
39 1107 Mark Sidebottom 2:31:24 PA United States USA
40 1019 Lane Boyer 2:31:26 TN United States USA
41 1024 Broderick Gann 2:31:33 NY United States USA
42 454 Phillip Falk 2:31:39 NY United States USA
43 474 Logan Sherman 2:31:47 TX United States USA
44 1357 Karl Augsten 2:31:51 AB Canada CAN
45 1415 Matthew Farkas 2:31:52 IN United States USA
46 1128 Luigi Vivian 2:31:59   Italy ITA
47 461 Mohammed El Yamani 2:32:30   France FRA
48 450 Gishu Dida Maco 2:32:46 NY United States ETH
49 1398 Jann Post 2:32:53   Norway NOR
50 468 Brent Woodle 2:32:55 TX United States USA
51 1373 Joseph Schnitter 2:33:05 NY United States USA
52 1039 John Campagna 2:33:08 NY United States USA
53 1060 Massi Milani 2:33:15   Italy ITA
54 1249 Glenn Lastennet 2:33:18   France FRA
55 476 Ole Kristian Heggheim 2:33:25   Norway NOR
56 459 Fredison Costa 2:33:44 FL United States BRA
57 557 Andrea Fraquelli 2:33:45   United Kingdom GBR
58 552 Ben Leese 2:34:03 NY United States USA
59 465 Hugh Parker 2:34:15 NY United States USA
60 1084 Zachary Meineke 2:34:22 WI United States USA
61 1221 Aaron Woodman 2:34:23   United Kingdom GBR
62 1042 Marco Quaglia 2:34:30   Italy ITA
63 1147 Greg Hutson 2:34:38 MO United States USA
64 1247 Recio Alvarez 2:34:39   Dominican Republic DOM
65 478 David Roeske 2:35:16 NY United States USA
66 1017 Yuji Wakimoto 2:35:16 MA United States JPN
67 483 Brendon O'leary 2:35:27 MA United States USA
68 480 Daniel Wallace-Periac 2:35:30 NY United States USA
69 1197 Daniel Kittaka 2:35:41 IL United States USA
70 1577 Domenico La Banca 2:35:48 SI Italy ITA
71 1224 Trond Smedsrud 2:36:06   Norway NOR
72 1200 Matthew Richards 2:36:23   United Kingdom GBR
73 1234 Andrew Fenske 2:36:27 IL United States USA
74 2447 Joe Viavattine 2:36:37 MN United States USA
75 456 Josh Baden 2:36:37 KS United States USA
76 1137 Hans Larsson 2:36:43   Sweden SWE
77 1280 Julien Galot 2:36:45   France FRA
78 473 Knox Robinson 2:36:46 NY United States USA
79 452 Brent Frissora 2:36:48 NY United States USA
80 457 Ryan Millar 2:36:49 NY United States USA
81 2030 Christopher Petroff 2:36:57 CT United States USA
82 18943 Elkin Serna 2:37:10   Colombia COL
83 1155 Ed Waller 2:37:15 MA United States GBR
84 1083 Ross Bain 2:37:15 ON Canada CAN
85 1455 Stephen Garner 2:37:18 MA United States USA
86 847 Stuart Haynes 2:37:23 NY United States GBR
87 1143 Laurent Michellier 2:37:31   France FRA
88 1821 Karel Burger 2:37:35   South Africa RSA
89 1036 Jamie Stroffolino 2:37:38 NY United States USA
90 1353 Michael Arnstein 2:37:41 NY United States USA
91 1423 Ryan Guldan 2:37:46 CO United States USA
92 554 Martin Huber 2:37:51 NY United States USA
93 563 Jeff Poindexter 2:37:51 NY United States USA
94 486 Cedric Hauben 2:37:53   Belgium BEL
95 1467 Ross Mackenzie 2:38:02   United Kingdom GBR
96 481 Jeffrey Redfern 2:38:05 DC United States USA
97 1034 Christopher Mutai 2:38:07 FL United States USA
98 1366 Mathew Moody 2:38:08 NY United States USA
99 471 Thomas McConville 2:38:11 NY United States USA
100 1079 Brett Burdick 2:38:20 IL United States USA

 

Prime 100 donne

1 108 Shalane Flanagan 2:26:53 OR United States USA
2 101 Mary Keitany 2:27:54   Kenya KEN
3 105 Mamitu Daska 2:28:08 NM United States ETH
4 102 Edna Kiplagat 2:29:36   Kenya KEN
5 126 Allie Kieffer 2:29:39 NY United States USA
6 120 Sara Dossena 2:29:39   Italy ITA
7 117 Eva Vrabcova 2:29:41   Czech Republic CZE
8 114 Kellyn Taylor 2:29:56 AZ United States USA
9 106 Diane Nukuri 2:31:21 AZ United States BDI
10 116 Stephanie Bruce 2:31:44 AZ United States USA
11 109 Buzunesh Deba 2:32:01 NY United States ETH
12 111 Christelle Daunay 2:32:09   France FRA
13 115 Aliphine Tuliamuk 2:33:18 NM United States USA
14 132 Emma Quaglia 2:34:10   Italy ITA
15 119 Serkalem Biset Abrha 2:34:23 NM United States ETH
16 123 Askale Merachi 2:36:38 NY United States ETH
17 118 Adriana Aparecida Da Silva 2:37:22   Brazil BRA
18 110 Jessica Augusto 2:37:33   Portugal POR
19 131 Belaynesh Fikadu 2:39:01 NY United States USA
20 122 Laurie Knowles 2:40:09 NC United States USA
21 494 Angela Ortiz 2:42:52 NY United States USA
22 112 Kaoru Nagao 2:44:26   Japan JPN
23 128 Kate Pallardy 2:44:48 NY United States USA
24 2391 Jeanne Mack 2:45:20 NY United States USA
25 135 Charlotte Karlsson 2:45:52   Sweden SWE
26 124 Beverly Ramos 2:46:45 PR United States PUR
27 125 Manuela Soccol 2:47:04   Belgium BEL
28 127 Gloria Giudici 2:47:30   Italy ITA
29 489 Rachael Keller 2:47:35 NY United States USA
30 492 Ana Johnson 2:49:37 NY United States USA
31 133 Amanda Marino 2:49:44 NJ United States USA
32 501 Francesca Delucia 2:49:59 NY United States USA
33 509 Samantha Creath 2:50:04 NY United States USA
34 490 Katarina Janosikova 2:50:05 NY United States SVK
35 4755 Anja Gruber 2:51:11 ID United States GER
36 1653 Tamara Sanfabio Rodriguez 2:53:01   Spain ESP
37 137 Marie-Ange Brumelot 2:53:02 NY United States FRA
38 4083 Randi Burnett 2:53:02 TX United States USA
39 502 Katie Moraczewski 2:53:19 MA United States USA
40 3238 Caitlyn Tateishi 2:53:38 DC United States USA
41 4036 Mia Behm 2:53:59 NY United States USA
42 3098 Diana Golek 2:54:42   Netherlands GER
43 2144 Holly Davis 2:54:52 FL United States USA
44 546 Camille Matonis 2:55:04 CT United States USA
45 6297 Ashley Benson 2:55:25 CA United States USA
46 136 Marisa Cummings 2:55:34 NY United States USA
47 140 Miranda Boonstra 2:55:36   Netherlands NED
48 545 Lizzy Gregory 2:55:39 CA United States USA
49 138 Susie Rivard 2:56:47 OR United States USA
50 764 Laura Heintz 2:56:56 NY United States USA
51 504 Jordan Snyder 2:56:57 NY United States USA
52 3626 Diana Bogantes 2:56:58   Costa Rica CRC
53 714 Jennifer Murphy 2:57:05 MI United States USA
54 530 Veronica Clemens Tysseland 2:57:10 CT United States USA
55 130 Alexandra Cadicamo 2:57:40 NY United States USA
56 2672 Sara Trane 2:57:49 FL United States SWE
57 5297 Julia Rhie 2:57:49 NC United States USA
58 5690 Andrea Cadavid 2:57:50 NC United States USA
59 2889 Kristen Leslie 2:58:08 OH United States USA
60 2000 Marie Schultz 2:58:23   Denmark DEN
61 2613 Mandy Dohren 2:58:26   United Kingdom GBR
62 3582 Eva Schiefloe 2:58:35   Norway NOR
63 5149 Julia Buford 2:58:36 IL United States USA
64 522 Mary Bida 2:58:50 NY United States USA
65 2150 Rachel Krasich 2:58:52 OH United States USA
66 2292 Meagan Boucher 2:58:56 VT United States USA
67 500 Alysia Dusseau 2:59:01 NY United States USA
68 702 Rebecca Carrasco 2:59:03 NY United States GBR
69 841 Erin Lamb 2:59:10 IL United States USA
70 491 Reilly Kiernan 2:59:16 NY United States USA
71 518 Brenda Hodge 2:59:23 PA United States USA
72 5807 Sara Lasker 2:59:36 VA United States USA
73 2839 Renee Lane 2:59:41   Australia AUS
74 3350 Florencia Estevez 2:59:43   Argentina ARG
75 535 Tammy Richards 2:59:46 VT United States USA
76 7528 Lauren Larson-Long 2:59:51 OH United States USA
77 5291 Magdalena Bialorczyk 2:59:56   Poland POL
78 2044 Denise Cavallini 3:00:02   Italy ITA
79 525 Danielle Sansonetti 3:00:05   Australia AUS
80 513 Lauren Dorsky 3:00:49 NY United States USA
81 2269 Laurence Yerly 3:01:18   Switzerland SUI
82 5287 Shalaleh Tarbiat 3:01:24 ON Canada CAN
83 5643 Melina Buck 3:01:26 NY United States USA
84 5206 Catarina Malmberg 3:01:28   Denmark SWE
85 534 Amber Dermyre 3:01:44 MI United States USA
86 3503 Kimberly Ridini 3:02:09 NY United States USA
87 5237 Meghan Houser 3:02:15 NY United States USA
88 7572 Jenessa Rose 3:02:39 CA United States USA
89 851 Emily Fox 3:02:41 NY United States USA
90 542 Sarah Macarthur 3:02:56 AB Canada CAN
91 531 Dara Lynn Filut 3:03:32 NY United States USA
92 1050 Amy Natalini 3:03:43 LA United States USA
93 6435 Liberty Thompson 3:03:46   United Kingdom GBR
94 2504 Karlyn Nieland 3:04:02 OR United States USA
95 5224 Chloe Austin 3:04:04 NS Canada CAN
96 523 Anastasia Voevodin 3:04:17 NY United States USA
97 8039 Yvonne Turi-Hodel 3:04:26   Switzerland SUI
98 7071 Leah Nichols 3:04:42 IL United States USA
99 7429 Allison Devereux 3:04:49 NY United States USA
100 517 Jennifer Betancourt 3:04:58 CA United States USA

 

Italiani maschi protagonisti nelle classifiche di categoria:

 

Men's Age Group: 18-19
1 Hugo Moulin (18), USA 3:13:31  
2 Danny Carpentier Balough (19), USA 3:14:04  

Men's Age Group: 20-24
1 Suleman Abrar Shifa (24) WSX, ETH 2:30:26  
2 Joseph Schnitter (24), USA 2:33:05  
3 Joe Viavattine (22), USA 2:36:37  

Men's Age Group: 25-29
1 Jordan Tropf (25), USA 2:28:19  
2 Matt Lenehan (26) STRV, USA 2:28:26  
3 Benjamin Mears (28) STRV, USA 2:29:12  

Men's Age Group: 30-34
1 Abu Kebede Diriba (30) WSX, ETH 2:27:25  
2 Enzo Yanez Jhonson (32) NEWB, CHI 2:28:17  
3 Luc Schout (30), NED 2:29:41  

Men's Age Group: 35-39
1 Doriano Bussolotto (36) NEWB, ITA 2:27:41  
2 Alberto Mosca (39), ITA 2:28:07  
3 Rafael Oliveira (37), POR 2:31:03  

Men's Age Group: 40-44
1 Fredrik Uhrbom (40) SPFK, SWE 2:28:42  
2 Asier Cuevas (44), ESP 2:30:00  
3 Luigi Vivian (43), ITA 2:31:59  

Men's Age Group: 45-49
1 Massi Milani (45) GOOG, ITA 2:33:15  
2 Ole Kristian Heggheim (45), NOR 2:33:25  
3 Gonzalo Martinez Munoz (45), ESP 2:39:57  

Men's Age Group: 50-54
1 Mohammed El Yamani (53) ADID, FRA 2:32:30  
2 Tim Meigs (51), USA 2:43:52  
3 Rafael Cueto (52), DOM 2:45:32  

Men's Age Group: 55-59
1 Roger Schnyder (55), SUI 2:49:53  
2 Denis Capoulade (55), FRA 2:50:22  
3 Vic Horne (55), USA 2:55:42  

Men's Age Group: 60-64
1 Dave Walters (62), USA 2:51:39  
2 Jon Cross (60), GBR 2:59:07  
3 Joe Standerfer (61), USA 3:04:33  

Men's Age Group: 65-69
1 Peter Camenzind (66), SUI 3:03:15  
2 John Woodnutt (65), RSA 3:19:53  
3 Battesta Albin (68), SUI 3:25:52  

Men's Age Group: 70-74
1 Jan Hazucha (74), SVK 3:34:14  
2 Albert Wieringa (71), NED 3:34:59  
3 Antonino Russo (72), ITA 3:54:55  

Men's Age Group: 75-79
1 Hernan Barreneche-Rios (78) NROR, COL 3:44:49  
 
Women's Age Group: 18-19
1 Georgina Hickey (19), USA 3:30:59  
2 Madison Keefer (19) LEUK, USA 3:53:02  

Women's Age Group: 20-24
1 Marie-Ange Brumelot (24) QDR, FRA 2:53:02  
2 Holly Davis (22), USA 2:54:52  
3 Camille Matonis (24) IMPA, USA 2:55:04  

Women's Age Group: 25-29
1 Kaoru Nagao (28), JPN 2:44:26  
2 Jeanne Mack (27) WBTC, USA 2:45:20  
3 Manuela Soccol (29) NEWB, BEL 2:47:04  

Women's Age Group: 30-34
1 Kate Pallardy (32) CPTC, USA 2:44:48  
2 Charlotte Karlsson (33) HASS, SWE 2:45:52  
3 Beverly Ramos (30) NEWB, PUR 2:46:45  

Women's Age Group: 35-39
1 Angela Ortiz (37) NBR, USA 2:42:52  
2 Ana Johnson (35) HHRT, USA 2:49:37  
3 Katarina Janosikova (37) HHRT, SVK 2:50:05  

Women's Age Group: 40-44
1 Laura Heintz (40) HHRT, USA 2:56:56  
2 Renee Lane (40), AUS 2:59:41  
3 Tammy Richards (43), USA 2:59:46  

Women's Age Group: 45-49
1 Miranda Boonstra (45) BRKS, NED 2:55:36  
2 Brenda Hodge (46), USA 2:59:23  
3 Magdalena Bialorczyk (45), POL 2:59:56  

Women's Age Group: 50-54
1 Eva Schiefloe (51), NOR 2:58:35  
2 Cathy Dawson (50), GBR 3:07:00  
3 Meghan Stothers (50), CAN 3:12:44  

Women's Age Group: 55-59
1 Denise Iannizzotto (55) NYF, USA 3:22:45  
2 Corinna Cortes (56), DEN 3:25:36  
3 Julie Luft (55), USA 3:29:08  

Women's Age Group: 60-64
1 Adelheid Noebel-Schultz (60), GER 3:35:33  
2 Gloria Huberman (60) NJM, USA 3:43:24  
3 Dolores Doman (60) SRS, USA 3:44:05  

Women's Age Group: 65-69
1 Joan Gerold (68), USA 3:36:14  
2 Sharlet Gilbert (66), USA 3:41:08  
3 Luisa Rivas (66), CHI 3:44:27

 

Pubblicato in Notizie

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina