Stampa questa pagina
Apr 06, 2022 Eleonora Bresciani 327volte

Ecco la mia Lake Garda 42

Rieccomi in griglia ... alla partenza della mia terza maratona. Sono a Limone, partenza sul lungo lago, alla mia destra sulla sponda opposta c'è il traguardo. Sì, perché questa maratona mi porterà da Limone, a Riva del Garda, mi farà salire fino a Arco per poi dirigersi verso Torbole, con arrivo a Malcesine.
So già che correrò in uno scenario unico, difficile da spiegare.

Il vento alle 9 è gelido, ma il sole sta arrivando! E siamo carichi, io, Manuela e Mauro, i miei compagni di corsa!
Si parte, si corre tra le vie del centro di Limone, si sale e si scende per i primi due chilometri, poi sulla ciclopedonale. Sotto di noi il lago.

Arrivo a Riva del Garda, al ristoro c'è mio figlio Andrea a farmi il tifo e a farmi notare che non sto vincendo perché sono già passate tante persone prima di me! Beata innocenza dei bambini che vedono le mamme come uniche vincitrici!

Abbandoniamo il lago per i prossimi 20 chilometri, intorno a noi solo montagne rese ancora più belle da una nevicata primaverile..
Rivediamo il lago al km 29, correndo sulla ciclabile lungo la spiaggia decidiamo che possiamo rinfrescarci un attimo, adesso il sole è davvero caldo.

Riprendiamo la strada, siamo ormai al lato opposto rispetto alla partenza.
Passano i chilometri ... al 38 vorrei come sempre essere da tutt'altra parte e penso che non correrò mai più!
39, 40, 41... siamo all'ultimo, ho un groppo in gola, mi viene da piangere e decido che adesso posso farlo, è quasi fatta!
Al 42esimo chilometro ho le ali ai piedi, accelero e volo! Eccolo di fronte a me! Adesso posso urlare di gioia, anche oggi ce l'ho fatta, io che parto sempre con la consapevolezza di non averla preparata abbastanza, pur sapendo che non è da sottovalutare, perché è lunga, è maledetta, è difficile, ma è la maratona ed è un viaggio così bello che vale sempre la pena intraprendere.

Come si dice sempre …  gambe/testa/cuore, anche oggi lo posso dire; dove non c'erano più le gambe e non c'era più la testa mi ha aiutato il cuore.