Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Nov 26, 2021 401volte

Eriku e Korir, doppietta keniana nella terza Abu Dhabi Marathon

Vince Titus Eriku Vince Titus Eriku Foto Khushnum Bhandari/The National

26 Novembre - Alle 5.45 locali, le 2.45 italiane, è partita la terza edizione della Adnoc Abu Dhabi Marathon (gara World Athletics Elite Label): come da pronostico, successo per il 29enne keniano Titus Ekiru che ha tagliato il traguardo in 2h06:13, comunque il peggior crono per il vincitore nella storia di questa manifestazione (2h04:04 nel 2018 di Marius Kipserem e 2h04:40 nel 2019 di Reuben Kipyego).

Infatti, nonostante la partenza all’alba, caldo e forte tasso di umidità hanno impedito di raggiungere tempi record.

Eriku detiene nel 2021 la migliore prestazione stagionale (e il miglior crono di sempre su terra italiana) con 2h02:57 ottenuto lo scorso 16 maggio a Milano.

Secondo posto per il tanzaniano Alphonce Simbu in 2h07:50, seguito dal campione uscente, l’altro keniano Reuben Kipyego, terzo in 2h08:25.

Eriku e Kipyego hanno subito preso la testa della corsa, guidando un gruppo di otto atleti. Al 15° km, raggiunto in 44:21, con il ritiro dell’ultimo pacer, Eriku ha aumentato il ritmo rimanendo in compagnia del solo Kipyego, passando alla mezza in 1h01:46; progressivamente, Eriku ha staccato anche l’ultimo rivale e, malgrado un rallentamento finale, ha vinto nettamente la maratona.  

Al 38° km Simbu ha viceversa rimontando Kipyego, che però è riuscito a resistere agli attacchi di Abel Kirui, mantenendo la terza posizione e precedendo di 21 secondi il connazionale.   

Queste le parole del vincitore: "E' stata una bella gara e sono molto contento di questa vittoria. La vittoria era la cosa più importante, oggi: questo era il piano quando ho discusso la strategia di gara con il mio manager. Spero di tornare l'anno prossimo e di riuscire a fare meglio”.

Successo keniano anche al femminile, con la 24enne Judith Jeptum Korir che, dopo essere stato sola al comando nella seconda metà del tracciato, si è imposta in 2h22:30, anche qui il peggior crono della storia della maratona (2h20:17 nel 2018 dell’etiope Ababel Yeshaneh e 2h21:11 nel 2019 della keniana Vivian Kiplagat).
Secondo posto per la portacolori del Bahrein (ma nata keniana) Eunice Chumba, in 2h26:01, seguita dall’ugandese Immaculate Chemutai, terza in 2h28:30.

Korir ha subito guidato il gruppo di testa, composto da cinque atlete, che al 10° km è passato in 33:24. Raggiunta metà gara in 1h10:27, sono rimaste al comando solo tre atlete: Korir, Wude Yimer e Eunice Chumba.
Ben presto, Korir ha staccato anche le due compagne di fuga, rimanendo sola e passando al 30°km in 1h40:21, con buone prospettive per stabilire il record del percorso. Ma, nel finale è stato netto il rallentamento: è tuttavia rimasta la soddisfazione del successo e per il miglioramento del personale di oltre quattro minuti.  

Classifiche:

Uomini
1 Titus Ekiru (KEN) 2:06:13
2 Alphonce Felix Simbu (TAN) 2:07:50
3 Reuben Kiprop Kipyego (KEN) 2:08:25
4 Abel Kirui (KEN) 2:08:46
5 Felix Kimutai (KEN) 2:10:48

Donne
1 Judith Jeptum Korir (KEN) 2:22:30
2 Eunice Chumba (BRN) 2:26:01
3 Immaculate Chemutai (UGA) 2:28:30
4 Abebech Afework Bekele (ETH) 2:29:43
5 Aleksandra Morozova 2:33:01

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina