Stampa questa pagina
Lug 27, 2022 Ufficio Stampa Evento 605volte

Castelbuono (PA) - Kipkemboi Too vince il 96° Giro; secondo l’azzurro Aouani

Isaac Kipkemboi Too Isaac Kipkemboi Too Foto Giovanni Certomà

26 Luglio - Superlativa, stellare, fantastica, così si può riassumere la 96esima edizione del Giro di Castelbuono, la più antica corsa su strada dell'era moderna in Europa disputatasi questo martedì sera come da tradizione, sulle strade della cittadina palermitana. I festeggiamenti per la Cursa di Sant’Anna tornavano per la prima volta in strada dopo il Covid nella sua integrità, e le emozioni non sono affatto mancate.

Nella morsa del caldo, la prima parte di gara si è rivelata di studio, per poi crescere di intensità e di livello con alcune azioni importanti come quella del burundiano Nzikwikunda (Caivano Runners), già vincitore nel 2018, che, nella speranza di puntare al bis, a metà gara ha imposto il primo cambio di ritmo che ha sgranato non poco il gruppo.

Così il burundiano nel dopo gara: "Dopo il trionfo del 2018, sono voluto tornare assolutamente a Castelbuono per provare il bis, e conoscendo il percorso in ogni dettaglio ho voluto provare una azione importante per fare selezione."

Azione che ha ridotto a quattro i pretendenti alla vittoria: insieme a lui erano lo spagnolo Benabbou, il keniano Kipkemboi Too, e il nostro Ilias Aouani a dire chiaramente di puntare al bottino pieno.

All'ottavo giro il sorprendente forcing del giovane keniano Isaac Kipkemboi Too metteva fine alle velleità di tutti con una progressione dirompente, salutando la compagnia e involandosi verso una vittoria più che meritata in 34.57.

Bravissimo l'azzurro Ilias Aouani (Fiamme Azzurre) che, dopo un momento difficile, reagiva nel migliore dei modi e infiammando tutti gli spettatori andava a centrare un fantastico secondo posto in 35.07 sfiorando quella vittoria italiana che manca da 33 anni oramai sulle strade castelbuonesi. Tanta fiducia per i colori azzurri nel vedere un Aouani cosi concentrato e in palla oramai pronto per i prossimi campionati europei di Monaco di Baviera.

A Nzikwikunda purtroppo non riesce la doppietta ma ottiene un terzo posto in 35.13, che in una gara storica e leggendaria come il Giro rimane sempre un risultato da portare negli annali.

Colori azzurri difesi egregiamente anche dal quinto posto di Italo Quazzola (Casone Noceto) e dal settimo di Pasquale Selvarolo (Fiamme Azzurre) divisi da soli tre secondi al traguardo.

Primo dei siciliani al traguardo Giuseppe Gerratana (Aeronautica) che chiude nei top 10 la sua prova più che positiva in 36.13. 

DICHIARAZIONI:

ISAAC KIPKEMBOI TOO: “All'inizio non mi sentivo troppo sicuro di me e quindi ho preferito controllare. Mi sono poi accorto che nel tratto in salita gli altri facevano più fatica di me e quindi ho cominciato a crederci. A due giri dal termine ho deciso che questo era il mio giorno e quindi ho dato tutto me stesso per centrare questo bellissimo risultato. Sono veramente contento di aver corso a Castelbuono: mai visto una simile accoglienza e festa. Spero col cuore di poter tornare”. 

ILIAS AOUANI: “Sono soddisfatto! Sono appena sceso da uno stage in altura e sono contento della mia prova: di solito soffro di più il caldo ma oggi sono andato bene soffrendo poco il clima. Gli africani sono andati forte ma io non ho mai mollato e sono riuscito a rimanere sempre nel vivo della gara. Agli Europei di Monaco mi metterò al servizio della squadra e spero di fare una bella prova. Cercherò di fare la gara migliore ma senza aspettative”. 

ANTONIO CASTIGLIA (Presidente C.O.): “E' andato tutto bene e io sono il più contento di tutti. Ringrazio tutto il mio gruppo per il fantastico lavoro, ringrazio gli atleti per lo straordinario spettacolo che ci hanno regalato anche stasera. Grazie a istituzioni e sponsor sempre al nostro fianco. Un ringraziamento particolare va a tutti i Castelbuonesi sempre così vicini alla nostra gara storica. Siamo tornati: la Cursa di Sant’Anna non si ferma. Che bella giornata di sport e festa a Castelbuono. Sono felice per il successo raggiunto: lasciatemi godere questo bellissimo momento”.