Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Fabio Maderna

SERVIZIO FOTOGRAFICO
La sala Consiliare del Comune di San Giorgio su Legnano si è riempita oggi per la conferenza stampa di presentazione della 63^ edizione del Campaccio in programma il prossimo 6 gennaio, che il World Athletics Cross Country Permit, il circuito della federazione mondiale di atletica, ha designato come 4^ tappa .
Come lo scorso anno la sala era divisa in due con una parte destinata ad accogliere i ragazzini della scuola media che poi sono stati grandi protagonisti, e con loro Walter Cecchin Sindaco di San Giorgio su Legnano.
A condurre la conferenza Gianni Mauri che ha subito lasciato il microfono al Sindaco che, dopo i saluti e ringraziamenti, ha ceduto il passo a Claudio Pastori, Presidente dell’US Sangiorgese, che ha salutato i presenti e, soprattutto, rivolto un apprezzamento per la presenza dei ragazzi. Poi un momento toccante con la consegna di una targa a Fiorino Mezzanzana per la sua dedizione alla causa sportiva e allo stesso Campaccio, tanto che anche il suo Comune, lo scorso 29 gennaio, gli ha conferito una benemerenza civica.
A questo punto i protagonisti sono diventati i ragazzi delle terze medie di San Giorgio che hanno presentato, non senza un po’ di emozione davanti al microfono, i loro lavori sulla storia del Campaccio e sui campioni, maschili e femminili, che hanno onorato la “loro” gara. La sorpresa finale però è stata una canzone rap scritta da una delle classi e presentata con un filmato dell’edizione 2018. Applausi per tutti!  
Nel suo intervento, Tito Tiberti, coordinatore organizzativo, ha annunciato che con un ulteriore, ma piacevole sforzo, la 63^ edizione del Campaccio avrà anche gare riservate alle categorie Esordienti.
A Marcello Magnani è quindi toccato il compito di svelare i nomi delle e dei protagonisti élite che il prossimo 6 gennaio si contenderanno la vittoria finale. Marcello ha sottolineato che ai nomi di oggi se ne potrebbe aggiungere ancora qualcuno nei prossimi giorni.
Tornerà a San Giorgio, dopo il 4° posto del 2018, Yeman Crippa che domenica scorsa a Lisbona ha conquistato il bronzo agli europei di cross. Altri italiani in gara Yohannes Chiappinelli oltre ai campioni di corsa in montagna come Cesare Maestri, Francesco Puppi e Xavier Chevrier.
La pattuglia straniera vedrà al via quattro etiopi: Lemecha Girma, Mogos Tuemay, Haile Telahun Bekele, primatista mondiale stagionale dei 5000m in pista, e il giovanissimo Tadese Worku (classe 2002). Sarà il recente primatista sui 5 km su strada, Robert Keter il portacolori del Kenia.
L’élite femminile vedrà ancora protagoniste Sara Dossena e Nadia Battocletti, protagonista di un fantastico bis ai campionati europei di cross under 20 a Lisbona.  Altre italiane in gara Martina Merlo, Ludovica Cavalli, Giulia Viola e Angela Mattevi, da poco laureatasi campionessa mondiale di corsa in montagna under 20.
Da Etiopia e Kenya arriveranno le protagoniste straniere tra cui la più quotata è senz’altro la keniana Margaret Chelimo Kipkemboi vicecampionessa mondiale nei 5000m a Doha. Sempre dal Kenia arrivano Eva Cherono e Gloriah Kite che dovranno vedersela con le etiopi Fotyen Hailu Tesfay e Elemitu Tariku.
Per finire, Gianni Mauri ha messo “i panni” federali portando i saluti della FIDAL e ha ricordato l’importanza delle gare campestri.
Dopo l’ultimo applauso, tutti a votare il miglior presepe fra quelli esposti, una cinquantina e tutti molto belli, nella sala attigua.

SERVIZIO FOTOGRAFICO
5 dicembre. E’ stato presentato presso il Comune di Villasanta, il 13° Allenamento di Natale targato Affari&Sport. Alla conferenza stampa hanno presenziato il Sindaco Luca Ornago e il Presidente e il Segretario di Gp Villasantese Elio Riboldi e Paolo Pizzaballa.
Il 14 dicembre a Villasanta sarà una grande festa che inizierà alle 11,00 con sedute di yoga e poi ginnastica rilassante e altri eventi che culmineranno, alle 15,00 con la partenza dell’Allenamento di Natale che quest’anno richiamerà almeno 1200 appassionati e che, dopo aver percorso la via principale di Villasanta, si “immergeranno” nel Parco di Monza per riemergere dopo circa 40-45 minuti di corsa tutti assieme, tapascioni e top, perché l’Allenamento di Natale è corsa in condivisione (parlo per esperienza diretta!)
Letteralmente “bruciate” le prime 500 iscrizioni e chi è riuscito verserà un contributo di 1 euro mentre per i successivi il costo è stato di 5 euro e parte di questa quota sarà devoluta all’Associazione San Vincenzo di Villasanta perché l’Allenamento di Natale è anche beneficenza.
Chi volesse ancora iscriversi deve effettuare la registrazione al seguente link: Trippus Event Solutions- Iscriviti qui.

Lunedì, 02 Dicembre 2019 23:54

Paderno Dugnano (MI) - 6° Eurotrail

SERVIZIO FOTOGRAFICO
Paderno Dugnano 1 dicembre. Per il sesto anno il Lago Parco Nord di Paderno Dugnano ha ospitato l’Eurotrail, la gara organizzata dall’Euroatletica2002 che quest’anno ha coinvolto poco più di 200 atleti nelle gare riservate ai “grandi” e circa 500 giovani e giovanissimi che hanno sfidato una giornata climaticamente difficile soprattutto quando sono iniziate le loro gare, mentre i master hanno gareggiato “quasi” all’asciutto.
Rinnovato il percorso, allungato a circa 5 km, che le donne e le categorie maschili dalla SM65 in su hanno percorso una sola volta mentre alle altre categorie maschili è toccato il doppio giro.
Partenza unica alle 9,00 per tutte le categorie e quest’anno Roberto Mandelli si è dovuto accontentare della solita scala perché la piattaforma mobile, utilizzata gli scorsi anni, non è stata fatta arrivare per non fare troppi danni ai prati del parco.
Come lo scorso anno, la gara femminile è stata dominata dalle giovani con Luna Giovannetti a tagliare per prima il traguardo in 20’33” con un ampio vantaggio su Susanna Marsigliani, la vincitrice della scorsa edizione, che ha portato a termine la gara in 20’49”. Al terzo posto Alessandra Arcuri, la seconda del 2018, in 22’06”.
Mentre arrivavano le protagoniste della gara femminile, una decina di metri “sotto” di noi transitavano gli uomini delle categorie dalla SM60 in giù che iniziavano il loro secondo giro. A proposito delle categorie maschili, il più veloce sui 5 km è stato Franco Possoni che ha tagliato il traguardo in 22’55”.
Manuel Molteni ha ribadito che l’Eurotrail è la “sua” gara iscrivendo per il terzo anno consecutivo il suo nome nell’albo d’oro, e quest’anno la vittoria è arrivata dopo 36’56” di gara. Ci ha provato a resistergli, ma poi si è dovuto inchinare allo strapotere di Manuel, Marco Broggi secondo in 37’35”. Sotto gli occhi del suo coach Giorgio Rondelli, al terzo posto si è classificato Alexis Canal Caceres in 38’25”.
Grande festa alla partenza e al suo arrivo per Oscar Jacoboni che ha festeggiato il suo 82° compleanno portando a termine i 5 km in 35’27”, MITICO!
Essendo posizionato in prossimità dell’arrivo, posso dire senza ombra di dubbio che quest’anno il km in più di percorso si è fatto sentire e in molti hanno tagliato il traguardo esausti; ma tutti, appena recuperato un po’ il fiato, si sono detti soddisfatti del percorso e della fatica fatta.
Mentre la pioggia aumentava di intensità si sono svolte le premiazioni, e poi via alla festa con le gare dei giovani.

Sabato, 30 Novembre 2019 12:10

Premiati i vincitori del 14° Corrimilano

SERVIZIO FOTOGRAFICO
29 novembre - Anche quest’anno è stato l’accogliente auditorium della B.C.C. di Milano, a Sesto San Giovanni, a ospitare le premiazioni del Corrimilano, il circuito di gare milanesi che ha chiuso la sua 14^ edizione.
Condotta da Rosanna Massari, alle 21,15 è stato dato il via alle premiazioni dei vincitori assoluti, vincitori di categoria e dei fedelissimi al circuito, oltre alle Società che si sono aggiudicate le speciali classifiche.
Dopo i ringraziamenti di rito è toccato a Claudio Valisa dare un’anticipazione sull’edizione 2020 del Circuito che stiamo studiando per allargare l’offerta di gare mentre, ed è già una certezza, la novità sarà che le gare della 15^ edizione saranno, ognuna per determinate categorie, campionati provinciali FIDAL Milano.
A proposito di FIDAL, alla serata hanno presenziato Luca Barzaghi, ex maratoneta azzurro e ora Consigliere Regionale, e Paolo Galimberti Presidente del Comitato Provinciale di Milano. Punzecchiati da Claudio Vallisa, ieri sera incontenibile, il loro saluto ai partecipanti ha poi scatenato un interessante dibattito con i presenti sulla Run Card e, soprattutto, sulla dannosità che la stessa ha per la sopravvivenza delle nostre Società sportive.
Sempre a loro è poi toccato l’onore di premiare i vincitori assoluti del Corrimilano 2019: “rompere il ghiaccio”, e salire per prima sul palco dell’Auditorium, è toccato ad Alessandra Cagliani, seguita da Elvira Marchianò, prima dell’incoronazione della regina 2019 del Corrimilano, Roberta Ghezzi.
Ovviamente tutte le fasi delle premiazioni sono state immortalate da RobertosuperclikMandelli mentre nei monitor, ai lati del palco, scorrevano le immagini preparate dal nostro RickyuomosocialPaternò, di tutti i protagonisti 2019.
Alessio Finolezzi ha aperto le premiazioni maschili, poi è stato chiamato Emiliano Ceraulo e in fine il re 2019 del Corrimilano, Paolo Donati.
Dopo le premiazioni dei vincitori assoluti è toccato alle Società vincitrici delle categorie di merito e di partecipazione; è seguita la “maratona” di premiazioni di categoria e di partecipazione.
Da parte del Corrimilano, un grazie ad Angelo Ceruti, da 14 anni al fianco del Circuito, a Ricky Paternò per la coinvolgente azione social e all’onnipresente RobertosupercliksudatoedistruttoMandelli (eh sì, ieri sera faceva un cicinin di caldo anche con il riscaldamento spento!) 
Alle 23 circa è calato il sipario sul 14° Corrimilano, l’appuntamento è con la 15^ edizione che speriamo davvero di poter presentare in una veste nuova. Il lavoro è già iniziato, abbiamo poco tempo per terminarlo.

La lunga corsa della 14^ edizione del Corrimilano, iniziata lo scorso 10 marzo al parco Sempione, si è conclusa il 27 ottobre in un altro parco milanese, quello di Trenno, che ha ospitato la rinnovata versione del Trofeo Montestella; alla fine, a iscrivere i loro nomi nell’albo d’oro del Circuito sono stati Roberta Ghezzi - per lei un “ritorno” dopo la vittoria del 2013 - e Paolo Donati. Per l’ex azzurro, dopo tanti piazzamenti nelle classifiche di categoria delle precedenti edizioni, è arrivata anche la vittoria assoluta. Entrambi fedelissimi al Circuito avendo partecipato a tutte e 9 le gare, Roberta ha ottenuto 5 primi e 4 secondi posti di categoria, mentre Paolo, nella sua, non ha avuto rivali con 9 vittorie di categoria su 9 gare.
Il podio femminile è completato dal secondo posto di Elvira Marchianò, già vincitrice del Circuito nel 2017, e da Alessandra Cagliani, terza. Con Paolo Donati saranno invece premiati Emiliano Ceraulo, secondo classificato, e Alessio Finolezzi, terzo.
L’incoronazione dei Campioni 2019, come già annunciato sulle pagine social del Circuito e sul sito, sarà il prossimo 29 novembre, presso l’auditorium B.C.C. di Milano in V.le Gramsci 194 a Sesto San Giovanni. Oltre ai vincitori assoluti, le premiazioni coinvolgeranno i vincitori di categoria, i fedelissimi del circuito e le Società per merito e presenze.

I vincitori di categoria del Corrimilano 2019 sono:

CAT

POS

COGNOME

NOME

SOCIETA'

SF

1^

PENSO

VALENTINA

ROAD RUNNERS CLUB MILANO

SF35

1^

DI STEFANO

VALENTINA

MARCIATORI DESIO

SF40

1^

MAZZEI

EMANUELA

CAMBIASO RISSO RUNNING TEAM GE

SF45

1^

MELLA

PAOLA

POL NOVATE

SF50

1^

DUMITRU

VICTORIA

ROMANO RUNNING

SF55

1^

PANEBIANCO

LORENA

GS ZELOFORAMAGNO

SF60

1^

GEROSA

LIDIA

ATLETICA CINISELLO

SF65

1^

ARNOLDO

MARINA

ATLETICA INTESA

SF70+

1^

BUSATTA

MARIA ANTONIA

S. CLUB LIB. SESTO

SM

1^

MANDELLI

LORIS

POL CARUGATE

SM35

1^

ZAMMARCHI

DAVIDE

RUN CARD

SM40

1^

BERNARDINI

LORENZO

ROAD RUNNERS CLUB MILANO

SM45

1^

MORALI

LUCA

GS OROBIE

SM50

1^

ROSA

MARCELLO

S. CLUB LIB. SESTO

SM55

1^

CAIROLI

GIUSEPPE

TEAM OTC SSD

SM60

1^

TORRENTE

MARCO

GS ZELOFORAMAGNO

SM65

1^

POSSONI

FRANCO

ROMANO RUNNING

SM70

1^

MECCA

VITO

EUROATLETICA 2002

SM75

1^

ROCCA

FERNANDO

PBM BOVISIO MASCIAGO

SM80+

1^

ANDREOLLI

REMO

ATLETICA CINISELLO

Saranno premiate le società vincitrici delle due classifiche a loro riservate, di merito e di partecipazione, e quest’anno, per la prima volta da quando sono stati istituiti, i due podi sono identici con le vittorie dei Road Runners Club Milano, dei secondi posti per il GS Zeloforamagno e dei terzi per l’Atletica Cinisello.
Il 29 novembre sul palco saranno chiamati anche i 31 fedelissimi del circuito che hanno corso tutte le 9 gare, ma anche i 32 che ne hanno corse 8 e i 34 che si sono fermati a 7.
In un anno difficile per le gare del Circuito, molte delle quali penalizzate da pessime condizioni climatiche, ma anche da un calendario gare super affollato, sono comunque stati 3567 i partecipanti totali, di cui 804 donne e 2763 uomini.
L’elenco completo dei premiati è disponibile sul sito www.corrimilano.org nella sezione dedicata alle premiazioni.
Per informazioni sulla serata Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.      

10 novembre - Se la memoria non mi inganna, mancavo da Busto (come spettatore si intende), da due anni e, se le previsioni meteo non fossero cambiate, probabilmente avrei saltato un altro anno. Non che mi fidassi al 100% delle nuove previsioni, ma la fiducia è stata ben riposta e il clima è stato perfetto.
Il Palascastiglioni, con i suoi spazi, è sempre una certezza e ha accolto comodamente i partecipanti sia alla Maratonina, che quest’anno spegneva le 28 candeline e per l’occasione era anche campionato provinciale di categoria, che alla 9,9 km non competitiva. A proposito di questa manifestazione, le migliorate condizioni metereologiche hanno dato impulso alle iscrizioni e ieri mattina chi si iscriveva - e non erano pochi in coda - doveva lasciare un contatto per ricevere l’ormai esaurita maglia.
Come al solito Busto accoglie i partecipanti della mezza con la giornata ecologica, ma come in passato non è un blocco rigido del traffico e qualche macchina in giro si vede lo stesso.
Poco prima delle 9,00 via Cadorna, a qualche centinaio di metri dal Palacastiglioni, si riempie dei partecipanti alla 9,9 km che entrano nelle griglie già predisposte per chi, mezz’ora più tardi, attenderà lo sparo della mezza maratona. In realtà alle 9,30 sono partiti i 'Maratonabili' mentre per la mezza si è dovuto aspettare qualche minuto: poi i quasi 1400 partecipanti si sono messi in “moto” sul percorso ormai collaudato con la sola variante del mancato passaggio sulla pista di atletica, a circa metà gara, per i lavori di ristrutturazione.
Mentre aspettavo la partenza ho incrociato Andrea Soffientini, vincitore dell’edizione n. 27 e reduce dalla vittoria di domenica scorsa nella maratona del Lago Maggiore, e gli ho chiesto se pensava di fare il bis; la sua risposta era stata “speriamo!”. Fra gli altri “famosi”, Giuseppe Molteni e Massimiliano Milani, l’atleta di casa reduce dalla maratona di New York dove è risultato il primo degli italiani.    
Dopo la partenza, mi sono spostato verso il 13° km, non lontano dal Palacastiglioni, e poco dopo la mezz’ora di gara il primo a passare è stato proprio Andrea seguito, come un’ombra, da un ragazzo che non conoscevo e che in un secondo momento ho scoperto essere Andrea Nervi, arrivato quarto nel 2018. Quando li ho visti passare mi sono chiesto se Andrea avesse smaltito la fatica della maratona tanto da resistere al suo avversario. Abbastanza staccata un’altra coppia formata da Giuseppe Molteni e Massimiliano Milani mentre da lontano li seguiva Mattia Parravicini.
La prima donna è passata accompagnata da un gruppetto di uomini e qualcuno intorno a me ha osservato come fossero ... poco cavalieri nel lasciare tirare a lei. Molto staccata è passata la seconda che, solo quando mi è stata vicina, ho riconosciuto essere Karin Angotti, la forte atleta pavese che domina praticamente tutte le gare della zona, corte o lunghe che siano, come ogni domenica, o quasi, ci racconta Claudio Baschiera. Passata la terza donna, a debita distanza da Karin, ho abbandonato la postazione tornando all’arrivo, dove sono giunto in tempo per vedere la volata trionfale di Andrea Soffientini che ha stroncato la resistenza di Andrea Nervi con un poderoso allungo. Per Andrea un crono finale di 1:09:00 (lo scorso anno il suo tempo fu 1:10:22). Secondo Andrea Nervi in 1:09:10 e terzo Giuseppe Molteni in 1:11:22, mentre Massimiliano Milani deve aver pagata la fatica di New York perché ha finito al 5° posto rimontato dal sempreverde Mattia Parravicini, 4°.
Al femminile la vincitrice della 28^ maratonina di Busto Arsizio è stata Melissa Peretti, già prima al 13° km, con il tempo di 1:20:35. Melissa negli ultimi 8 km ha mantenuto, se non addirittura incrementato, il vantaggio su Karin Angotti seconda in 1:25:17. Terza si è classificata Antonia Giancaspero e, ad essere sincero, non sono sicuro che fosse lei la terza passata al 13° km. Antonia ha chiuso la sua gara in 1:25:47.
Dalla classifica finale sono 1308 gli atleti che si sono messi al collo la medaglia ricordo, mentre lo scorso anno erano stati 1165.

L’Auditorium di Torre Generali ha ospitato questa mattina la conferenza stampa di presentazione della Generali Milano Marathon che il prossimo 5 aprile compirà vent’anni.
A condurre la conferenza stampa di presentazione che ha visto importanti partecipanti, Lucilla Andreucci che vent’anni fa fu la prima vincitrice al femminile della maratona milanese.
A fare gli onori di casa il Presidente di Assicurazioni Generali il Dott Gabriele Galateri di Genola che ha poi lasciato il microfono a Isabelle Conner, Group Chief Marketing Officier Generali, che ha avuto bellissime parole per Milano. E’ poi stata la volta del Presidente di RCS, Urbano Cairo che si è proposto per una frazione della staffetta, e del Sindaco di Milano, Beppe Sala che ha ricordato come le Olimpiadi invernali assegnate a Milano e Cortina forniranno la spinta a rafforzare gli impianti sportivi milanesi di cui ha ammesso l’attuale carenza.
Dopo gli interventi del Direttore della Gazzetta dello Sport Andrea Monti e di Paolo Bellino, Amministratore Delegato di RCS Sport che ha lanciato la sfida di arrivare a 20,000 iscritti alla sola maratona, è toccato ad Andrea Trabuio illustrare le novità del percorso 2020 che saranno:
- Una partenza più scorrevole con la possibilità per i runner di utilizzare, rispetto all’anno scorso, entrambe le dei bastioni fino a piazza Lega Lombarda;
- Minor impatto sulla viabilità e rete tramviaria con l’accorciamento del tratto di andata e ritorno fra via Buonarroti e via Washington;
- E’ previsto, intorno al 15^ km l’attraversamento di City Life con passaggio vicino al quartier generale di Generali;
- Sono stati allungati i tratti percorsi all’interno del Parco Portello e parco Sempione con il duplice obiettivo di ridurre l’impatto sulla rete stradale e allo stesso tempo valorizzare i polmoni verdi di Milano;
- E’ poi previsto, compatibilmente con la chiusura dei lavori, il passaggio sulla pista dell’Arena Civica che dovrebbe essere percorso per circa 300 metri in prossimità del 38° km di gara.
Confermato il Milano Running Festival da giovedì 2 a sabato 4 aprile. Sabato 4 si svolgerà la School Marathon dedicata ai giovanissimi mentre sempre più importanza rivestirà la Milano Relay Marathon e il suo charity program che lo scorso anno, è stato più volte ricordato durante la mattinata, ha permesso di raccogliere 1,3 milioni di euro.

SERVIZIO FOTOGRAFICO - Milano 20 ottobre - Si è corsa la 2^ CorriBicocca e l’edizione 2019, rispetto alla gara voluta l’anno scorso dall’Università Bicocca per festeggiare i suoi “primi vent’anni”, possiamo dire abbia mantenuto solo il nome e il Cus Milano come partner per l’organizzazione.
La prima grande novità è stata lo spostamento della manifestazione dagli spazi davanti all’ateneo al nuovissimo Bicocca Stadium che, inaugurato a fine settembre, è stato il centro della gara con tutta la logistica, dalla segreteria al deposito borse, dal ristoro agli spogliatoi, ospitata negli ampi spazi a disposizione che sono stati affollati dai 2500 partecipanti alle tre corse in programma: la 10k competitiva, la 10 e 5k non competitive, e la gara a squadre sempre sulla distanza di 5 km.
Nuovo anche il percorso di 5 km, con partenza in viale Sarca, che i partecipanti alla competitiva hanno dovuto compiere due volte mentre l’arrivo era per tutti sulla pista di atletica nuova fiammante.
Pessime le previsioni meteo alla vigilia, però  smentite dai fatti, tanto chesolo una leggera pioggia è caduta a tratti non disturbando particolarmente la voglia di divertirsi dei partecipanti, soprattutto dei non competitivi.
Partenza alle 10,00 per la 10 e la 5 km, mentre la gara a squadre è partita dopo circa 15 minuti.
Fra i partecipanti che si stavano scaldando nel pregara, spiccava la presenza di Giovanna Epis, l’atleta nazionale italiana, reduce dai mondiali di Doha: su di lei obiettivo puntato, quasi fisso, di RobertosuperclikMandelli.
Al termine del primo giro al comando della gara maschile è passato un terzetto di atleti che generalmente non frequentano le gare del milanese, mentre la Epis, che passava nelle prime posizioni assolute, era già saldamente al comando della gara femminile scortata dal rientrante Dario Rognoni (bentornato!).
La gara maschile si è decisa nel secondo giro col modenese Riccardo Tamassia che ha prodotto l’allungo decisivo accumulando un leggero vantaggio che ha poi mantenuto fino al traguardo, ha tagliato dopo 30’43” di gara. Secondo posto per Samuele Madolago in 30’55” e terzo posto per il più veloce del Cus Milano, Valerio Patanè, con un crono di 31’10”.
All’entrata in pista, Dario Rognoni si è scansato e ha lasciato che Giovanna si scatenasse nello sprint finale, che le è valso il sesto posto assoluto,  e quello di prima donna in 33’16”. Seconda, staccata di quasi tre minuti, Sarah Giomi (36’05”), che ha mantenuto la posizione per tutta la gara; terza Giulia Sommi arrivata in 40’00”.
Alla fine festa per tutti, compresi i 359 arrivati alla competitiva, a mio avviso un po’ trascurati dagli speaker più impegnati a intervistare i non competitivi tanto da non  annunciare nemmeno l’arrivo della seconda e terza donna.

Mercoledì, 09 Ottobre 2019 22:14

A Giussano (MB) il 1° Memorial Sergio Pozzoli

Sabato 19 ottobre l’Atletica Vis Nova Giussano, organizza il 1° Memorial Sergio Pozzoli una gara su strada di 10 km FIDAL. Alla gara è abbinata anche una Staffetta giovanile mista (4 x 800) le cui squadre dovranno essere composte da 1 ragazza, 1 ragazzo, 1 cadetta e 1 cadetto.
La Staffetta partirà alle ore 15,30 mentre la 10 km prenderà il via alle 16,30.
Il ritrovo, dalle 14,00, è presso il Centro sportivo “Stefano Borgonovo” in Largo Donatori di Sangue 6 a Giussano.
Per altre info e il regolamento completo www.atleticavisnovagiussano.it

Lunedì, 07 Ottobre 2019 22:04

Mantova – 25^ Mantova Half Marathon

6 ottobre - Il ritorno della Mezza Maratona a Mantova (mancava dal 2015) è stato un successo con il “sold out" dei pettorali (1200) già qualche giorno prima della chiusura delle iscrizioni.
Mantova, per i milanesi, non è proprio dietro l’angolo, ma quando in società avevamo compilato il calendario delle gare sociali non ci siamo lasciati sfuggire l’occasione di una gita mantovana, e infatti quasi tutti i miei compagni hanno approfittato della gara per raggiungere la città già il sabato e abbinare turismo e sport.
Io, per impegni, ho potuto raggiungere Mantova solo domenica mattina e non dovendo correre, ma solo supportare la squadra soprattutto nel post gara, me la sono presa comoda e quando sono arrivato le strade erano già chiuse: devo ringraziare un comprensivo agente della polizia locale che mi ha fatto accedere a un parcheggio al di là delle transenne fornendomi anche preziose indicazioni per raggiungere velocemente piazza Sordello, il cuore di tutta la manifestazione. Con i miei l’appuntamento era in zona deposito borse e quando, dopo le foto di rito, ho raggiunto la piazza, i primi della 10 km, in programma alle 8,30 e che ha fatto da cornice alla Mezza Maratona, erano già arrivati. Per la cronaca ad aggiudicarsela sono stati Fabio Lusuardi con il tempo di 35’36” e Isabella Morlini in 39’50”. In totale sono stati 142 a tagliare il traguardo di questa gara.
A proposito del traguardo, lo direi molto scenografico con l’arrivo appena al di fuori del porticato di Palazzo Ducale.
Il percorso di questa rinata mezza maratona si articolava su due giri quasi uguali, se si escludono i primi due km circa con passaggio sul Ponte di San Giorgio prima di immettersi nel giro da ripetere due volte e che toccava molti dei monumenti presenti in città, come Palazzo Te.
Mattinata nuvolosa e temperatura fresca alla partenza delle 9,30, poi però un tiepido sole ha riscaldato la piazza all’arrivo dei concorrenti, diciamo, meno veloci.
Essendo io fuori zona non avevo idea, vedendo chi si stava scaldando, se ci fossero dei favoriti, anche se una ragazza con il pettorale n 6 mi ha dato l’idea di essere una “forte”.
Il via è puntuale. Dopo aver visto sfilare tutti i partecipanti mi sono spostato con Roberto, compagno di squadra infortunato e quindi impegnato a tifare per la moglie Gloria,  all’imbocco del ponte di San Giorgio per il passaggio al secondo chilometro: e i primi a passare, con già un discreto margine di vantaggio, sono stati due atleti di colore, mentre alle loro spalle un gruppetto di italiani battagliava per la terza posizione. Con molto piacere ho poi notato che la prima fra le donne era proprio la n 6, Seraghiti, come ho letto sul pettorale.
Passati tutti i nostri compagni, ci siamo spostati in zona Rotonda di San Lorenzo (bellissima!) e lì abbiamo assistito ai passaggi dell’11° km e 20,5 km, circa, di gara.    
In entrambi i passaggi, al comando della gara, appaiati, i due ragazzi che erano passati al comando al secondo chilometro facendomi immaginare una volata finale negli ultimi metri di gara. Anche il terzo posto è sempre stato occupato dallo stesso atleta; stessa situazione anche per la gara femminile che è sempre stata saldamente nelle “gambe” della Seraghiti, così come il secondo e terzo posto sempre occupati dalla Cunico (bella cosa i nomi sui pettorali), e Darra.
La volata finale sulla rampa di circa 200 metri in ciottolato che portava all’arrivo di piazza Sordello, se la è aggiudicata Robert Kirui (Kenia) che ha vinto la 25^ Mezza di Mantova con il crono di 1:08:30 davanti al connazionale Alfred Ronoh (1:08:33) e a Marco Montorio, terzo in 1:11:42.
Al femminile, vittoria per Monica Seraghiti che ha portato a termine la sua gara in 1:22:16 mentre al secondo posto si è classificata Maurizia Cunico (1:25:06), e terza Elena Darra (1:31:01).
Alla fine, sono stati 1070 gli arrivati e per tutti un piatto di riso alla pilota, specialità mantovana, che aveva davvero un bell’aspetto. Al piatto di riso aveva diritto chi consegnava il buono  presente nel pacco gara. Bene, mentre aspettavo che ritirassero il loro piatto Davide e Gaetano, gli unici che non si sarebbero fermati poi a pranzo, in coda si sono presentati un uomo e una donna e quest’ultima, che avevo di fianco alle transenne a fare il tifo, ha candidamente dichiarato di aver perso il buono e alla domanda dell’addetta che ritirava i buoni:” ma hai corso?” ha risposto sicura ”certo!”. Credo che dalla mia faccia l’addetta abbia capito di essere stata presa in giro, ma ormai era andata.
Per quel che riguarda la gara, fra compagni e “commenti rubati”, direi che l’unica critica riguardi il ciottolato presente in molti tratti e che, mi è stato detto, si cercava di evitare con zig zag per accaparrarsi i lati “lisci” della strada ed evitarlo.
Il mio terzo tempo con compagni di squadra a gustare le specialità mantovane ha reso perfetta una bellissima mattinata di sport.

 

 

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina