Stampa questa pagina
Mar 01, 2020 8551volte

Espulso dall'Italia Yassine Kabbouri perché ritenuto pericoloso

Yassine Kabbouri alla Maratona di Reggio Emilia 2015 Yassine Kabbouri alla Maratona di Reggio Emilia 2015 Foto Morselli/Podisti.Net

Savignano sul Rubicone (FC) - Rilanciamo la notizia apparsa oggi sul quotidiano "Corriere di Romagna" in cui viene riportato che il 34enne podista marocchino Yassine Kabbouri è stato espulso venerdì 28 febbraio 2020 perché "persona pericolosa per la sicurezza pubbblica", il quotidiano riporta che la questura della provincia di Forlì-Cesena lo fa sapere in una nota, spiegando che su ordine del magistrato si è eseguito un provvedimento di "inammissibilità in area Schenghen" nei confronti dell'atleta.
Il Corriere di Romagna scrive che il profilo dell'uomo, riporta la nota della questura, era emerso "nell'ambito di un'indagine a carico di un suo connazionale" arrestato nel 2017 in quanto affiliato all'ISIS.
Alle notizie apparse sul quotidiano romagnolo, aggiungiamo noi che Kabbouri risultava regolarmente in Italia dall'autunno del 2019 per fini sportivi, risulta infatti tesserato per una società romagnola che naturalmente risulta estranea a tutta la faccenda.
Kabbouri viene regolarmente in Italia per gareggiare dal 2009, vanta primati di 2:18:31 sulla maratona (Reggio Emilia 2014), 1:04:15 sulla mezza maratona (Foligno 2015), 29:15 nei 10.000 su strada (Fiumicino 2010) e 8:44 sui 3000 siepi in pista.
Lo abbiamo visto correre nella Maratona di Reggio Emilia del 2011, del 2014 e del 2015.
Domenica scorsa ha gareggiato a Misano Adriatico dove è giunto 2° con un ottimo 29:26 nei 10.000 su strada.