Stampa questa pagina
Apr 18, 2020 3562volte

Correre con la mascherina è pericoloso: bocciate Sardegna e Lombardia

Le bandiere di Lombardia e Sardegna: regioni dove si corre solo con la mascherina Le bandiere di Lombardia e Sardegna: regioni dove si corre solo con la mascherina

Le disposizioni che in Lombardia, Sardegna e forse ci dimentichiamo qualche altra regione, obbligano i poveri runner a correre indossando la mascherina, non piacciono per niente agli specialisti di medicina sportiva. In un’intervista rilasciata ieri a www.unionesarda.it il dottor Alberto Macis è stato perentorio: "La mascherina è controproducente, se indossata durante la corsa o, comunque, durante l'attività motoria. Parliamo, naturalmente, di mascherine chirurgiche, che hanno lo scopo di proteggere gli altri dalla vaporizzazione del respiro di chi le indossa. I 'droplet', le goccioline che veicolano il virus, vengono bloccate, proteggendo le persone che stanno accanto". E Macis non è un tuttologo da talk-show televisivo, bensì un medico dell'Istituto di Medicina dello Sport della FMSI (Federazione Medico Sportiva Italiana) nonché Coordinatore Regionale Antidoping Sardegna della stessa FMSI. "Capisco che chi governa debba decidere facendo attenzione alla testa degli altri", prosegue il dottor Macis, "ma la mascherina crea problemi. Se, per esempio, la si indossa durante un test da sforzo, io medico sono protetto da eventuali vaporizzazioni. Ma chi si sottopone a sforzo, con la mascherina che copre naso e bocca, respira una quantità maggiore di anidride carbonica, rischiando di andare in alcalosi e quindi rischiando lo svenimento. Perché, in questo modo, si respira una miscela di CO2 (ndr: anidride carbonica) superiore a quella presente nell'aria".

La soluzione proposta da Macis sembrerebbe abbastanza semplice e per questa non servirebbero nemmeno conoscenze particolari: "Se si corre la mattina presto, è difficile incontrare altre persone. E il rischio si elimina comunque mantenendo la distanza di un metro dagli altri". Soluzione semplice, ma non abbastanza per chi governa queste regioni, malgrado in una di queste il responsabile del welfare sia proprio un podista…

1 commento

  • Link al commento Lunedì, 20 Aprile 2020 13:54 inviato da Fabrizio Sandrelli

    Anche a me la soluzione di poter correre la mattina presto
    (diciamo entro le 7?), con le dovute precauzioni, sembrerebbe ragionevole. Purtroppo, però, alla ragione pare che attualmente si preferiscano i
    proclami truculenti, le minacce da esagitati e anche, purtroppo, le vie di fatto (vedi quanto successo a Padova).

    Rapporto