Stampa questa pagina
Ott 29, 2020 2168volte

Maratona a 3’33” al chilometro a 60 anni

Maratona a 3’33” al chilometro a 60 anni Foto: www.corriere.it

Tommy Hughes, sempre lui. Questo irlandese è una nostra vecchia conoscenza e come il vino migliora invecchiando. Circa un anno fa si era divertito a battere il bizzarro record dei tempi sommati in maratona tra padre e figlio, riuscendo a restare sotto le 5 ore totali. Il figlio Eoin, all’esordio sulla distanza, aveva chiuso la sua prova in 2h31’30”, ma ci aveva pensato l’allora cinquantanovenne Tommy con il crono di 2h27’52” a salvare la baracca per un tempo combinato di 4h59’22” come avevamo raccontato in questo pezzo.

Quest’estate, in pieno lockdown, aveva partecipato alla gara virtuale sui 5000 metri organizzata dall’EMA (European Master Association) dominando la sua categoria con un ottimo 16’09”.

Avendo compiuto i fatidici sessant’anni, poteva forse esimersi dal conquistare il record sulla distanza regina? Domanda retorica a cui Tommy ha risposto presente in occasione del Lisburn Festival of Running Marathon, in Irlanda del Nord, svoltasi nello scorso weekend e corsa solo dai top runner, categoria a cui appartiene con pieno diritto.

Risultato finale: 2h30’02”. Immaginiamo si sarà arrabbiato con se stesso per non essere restato sotto le due ore e mezza. Record mondiale SM60 sbriciolato di 6 minuti e mezzo, a fare il paio col primato della mezza, conquistato un mesetto prima: 1h11’09”, anche questo non è un errore di stampa.

Insomma questo ragazzo diversamente giovane è un fenomeno e va ancora più forte di quando partecipava alle olimpiadi di Barcellona nel 92 o del suo personale di 2h13’59”.

Vabbè, adesso Vi lasciamo ed andiamo a fare il nostro allenamento di ripetute. Senza pensare troppo al fatto che magari i nostri ritmi equivalgono o probabilmente sono peggio di quelli di Tommy in maratona.

Rodolfo Lollini - Redazione Podisti.net

1 commento

  • Link al commento Sabato, 31 Ottobre 2020 08:46 inviato da conti italo

    ...pensare che, la FIDAL, sino agli anni 80, impediva di correre agli over 40 { salvo qualche raro autorizzato}....................................

    Rapporto