Stampa questa pagina
Mag 15, 2019 1627volte

Jesolo: campionato europeo o minestrone?

Il logo ufficiale della manifestazione Il logo ufficiale della manifestazione Foto: www.emac2019.fidalservizi.it/

Come molti di Voi forse già sapranno, Jesolo, Caorle ed Eraclea, dal 5 al 15 settembre ospiteranno i campionati continentali master. Bella rassegna di atletica in pista, nel cui programma sono previste anche prove cosidette non-stadia, ovvero corse su strada, come i 10 km e la mezza maratona. Anch’esse valide per l’assegnazione dei titoli europei. In occasione della recente visita dei dirigenti dell’European Master Athletics, arrivati sul litorale veneziano per un sopralluogo alle strutture, è stato approvato il regolamento della manifestazione. Regolamento che ci lascia alquanto perplessi per diversi motivi, in quanto le gare in questione saranno “open”, ovvero aperte anche ad atleti tesserati under 35, tesserati over 35 e tesserati Runcard "fuori-classifica".Togliendo poesia all’evento e creando a nostro avviso un minestrone che potrebbe minare la stessa equità competitiva tra i concorrenti.  

Facciamo una premessa: chi Vi scrive ha già partecipato a diverse edizioni di questi campionati in vari paesi come Francia, Danimarca e proprio l’anno scorso in Spagna, ad Alicante. Non per meriti specifici, in quanto non occorre conseguire un tempo o una misura minima di qualificazione, ma semplicemente per il piacere di partecipare con indosso la canottiera dell’Italia, contornato da atleti di altre nazioni, tutti con la maglia del loro paese di appartenenza. 

Quello che verrà fatto a Jesolo a settembre mi sembra però rovinare la poesia di una simile evento. Chi gareggerà si ritroverà a fianco anche corridori “normali”, come alla più normale delle gare, rompendo quello che considero un bellissimo incantesimo. Chi arriverà davanti, e vi posso assicurare che c’è gente che va forte ed è un piacere il vederli, magari sarà battuto da un under 35 fuori classifica, in un giorno che dovrebbe essere invece solo la festa dei master. Non parliamo poi dei tesserati over 35 e Runcard ovvero nelle fasce di età corrette per gareggiare, ma che non entreranno in classifica. I primi per loro scelta, infatti sarà possibile partecipare alla gara, ma pagando una quota ridotta si deciderà di non entrare in classifica. Insomma non basterà essere veloci per vincere, ma anche danarosi… Oppure, prendendola da un altro punto di vista, si può essere risparmiosi rinunciando però alle medaglie, il che è una specie di versione euro-FIDAL della partecipazione come non competitivo. Ah... la creatività italiana! I Runcard invece non potranno entrare in classifica per regolamento. Col rischio che qualcuno di questi signori magari arrivi davanti ad un master da podio, o comunque preceda qualcuno dei contendenti “ufficiali”. Imbarazzante.

Sempre sui Runcard ci sarebbe da scrivere molto altro, ma lo faremo in un articolo dedicato a loro e soprattutto alla FIDAL. Tornando a questi campionati vi è poi un aspetto legato all’equità competitiva. Chi mi assicura che un master non si faccia accompagnare per tutta la corsa da un atleta (regolarmente in gara anche se fuori classifica) che gli faccia la scia, gli dia il giusto ritmo e magari lo “alleni” anche? Oppure gli passi anche di nascosto una borraccia fuori dai punti di ristoro? Tanto i giudici non potranno vedere tutto. E sempre per il tema “roviniamo la gara a qualcuno”, vorrei ricordare che se si permette di partecipare ad un campionato europeo a un Runcard, sarà possibile anche che ci sia qualcuno all'esordio assoluto in gara. Senza alcuna preparazione (visto che le società non servono a nulla). Dunque nella foga e nell’inesperienza della partenza, o magari più avanti, potrebbe fare cadere qualcuno dei concorrenti veri.

A questo punto la domanda sorge spontanea e risulta retorica allo stesso tempo: perché lo hanno fatto? Semplice, per far cassa. Tristezza.