Stampa questa pagina
Giu 19, 2019 396volte

Recensioni: “Popoli in corsa” di Marco Patucchi

Marco Patucchi è un apprezzato giornalista economico che dal 1991 lavora a “La Repubblica”. Nella versione digitale serale del quotidiano, da qualche anno tiene anche una rubrica intitolata “Mappe”, dove può scrivere della sua passione, la corsa.

Con alle spalle già altre esperienze editoriali sportive, nelle 160 pagine di “Popoli in Corsa” -  Edizioni Correre – 18€, l’autore ha raccolto il meglio della sua produzione su “Mappe” dal 2012 agli inizi del 2016. Sono quindi contributi brevi, ognuno di due o tre pagine che consentono una lettura intermittente, anche se chi Vi scrive se lo è divorato tutto d’un fiato. Essendo gli scritti legati ai fatti del giorno, si potrebbe pensare all’effetto brioche, ovvero buona quando appena preparata e mangiata calda, un po’ meno se fredda e consumata in un secondo momento. Ma non è così. Salvo rare eccezioni, si tratta di personaggi o avvenimenti che anche se letti a distanza non perdono d’interesse.

Sono tanti gli atleti che vengono descritti, dai top runner a podisti amatori, organizzatori. Ognuno con una storia interessante o aspetti, anche tra i personaggi più famosi, che sono sconosciuti ai più. Vicende felici, altre insolite o purtroppo tragiche, bruscamente interrotte, magari sullo sfondo di avvenimenti o scenari globali come le guerre o le recessioni economiche. Il tutto partendo dall’ultimo fatto accaduto in qualche parte del mondo, ma anche a ricorrenze oppure dalla quotidianità dei runner comuni nel contesto di una Roma bellissima, visitata correndo. Talvolta la corsa è solo un tramite, ma non per questo meno efficace nel raccontare storie che meritano di essere conosciute. Talvolta Patucchi lavora anche di fantasia, confessandolo alla fine del pezzo, che è spesso ancora più godibile e verosimile.

Insomma un libro da leggere, magari alla fine di un allenamento, o da regalare a qualche amico con cui si corre insieme. Per poi commentarlo nelle uscite seguenti. Meglio se in occasione di una seduta tranquilla e non durante delle ripetute…