Stampa questa pagina
Set 13, 2021 613volte

Olimpiadi pareggiate e scuole primarie ancora senza corsa e scienze motorie

Olimpiadi pareggiate e scuole primarie ancora senza corsa e scienze motorie Foto: https://eurydice.indire.it/

Dopo l’anticipo dell’Alto Adige, oggi in molte regioni è partito ufficialmente l’anno scolastico 2021/2022. Riflettori tutti sul Green Pass e le procedure necessarie ad evitare se possibile, di trasformare le aule in nuovi potenziali focolai pademici.

Tutto molto giusto, però permettetemi di fare un passo indietro per ritornare alla calda estate sportiva italiana, foriera di diversi titoli europei o mondiali dal calcio maschile alla pallavolo femminile fino ai lusinghieri risultati degli azzurri persino nella Pesca al Colpo, la cui rassegna iridata è in corso a Peschiera (nome molto azzeccato) del Garda (BS). Senza ovviamente dimenticarci i trionfi a cinque stelle.

Insomma, siamo un paese di sportivi e dominiamo il mondo. Uscendo dal coro vorrei dire che le cose non stanno esattamente così. Alle Olimpiadi abbiamo fatto il record di medaglie, è vero, ma è il nostro record. Se guardiamo il piazzamento delle altre nazioni comparabili con noi, quindi non Cina, Russia o USA, bensì Francia e Germania, mi sembra che sostanzialmente abbiamo pareggiato. La tanto sfottuta Gran Bretagna ha totalizzato 22 ori e 65 medaglie in totale contro le nostre 10/40…

C’è ancora molto da fare, a cominciare dalla scuola. Però non mi sembra che il nostro CONIdottiero Malagò si stia agitando molto su questo fronte, troppo impegnato a cercare di recuperare la gestione delle pecunie tramite il controllo della società Sport e Salute.

Pazienza se l’anno scolastico ripartirà e scusate le maiuscole, anche quest’anno CON ZERO ORE DI SCIENZE MOTORIE ALLE SCUOLE ELEMENTARI, SENZA CHE CI SIA UN INSEGNANTE COMPETENTE. SIAMO IL FANALINO DI CODA IN EUROPA, come mostrato dalla tabella in copertina a questo articolo.

I nostri figli/nipotini non corrono, non fanno ginnastica, ma che effetti collaterali ci porteremo dietro a livello sanitario prima ancora che sportivo nei prossimi anni? Bambini immobili a casa e obesi. Le società sportive, a partire da quelle di atletica fanno già miracoli in queste condizioni.

Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.net