Stampa questa pagina
Giu 05, 2018 938volte

České Budějovice H.M.: vincono Traynor e Fisikovici, 3^ Console

Lilia Fisikovici, la vincitrice Lilia Fisikovici, la vincitrice Foto Organizzatori/IAAF

Terzo posto per Rosalba Console alla Mattoni České Budějovice Half Marathon, nella Repubblica Ceca, gara che si è corsa sabato scorso, 2 giugno 2018, alle ore 19.00.  

La fondista tarantina ha concluso in 1h14:38 alle spalle della moldava Lilia Fisikovici, prima in 1h13:20, e della ucraina Olha Kotovska, seconda in 1h14:14.

Tra gli uomini vittoria del britannico Luke Traynor in 1h03:42, seguito dall’ucraino Roman Romanenko, secondo in 1h04:05, e dall’austriaco Valentin Pfeil, terzo in 1h05:08.

Per la prima volta nella sua storia la Mattoni České Budějovice Half Marathon ha avuto un vincitore europeo, il tutto seguendo l’iniziativa EuroHeroes, che ha come obbiettivo lo sviluppo dell’atletica nel vecchio Continente e che ha quindi visto solo atleti europei d’élite a contendersi la vittoria.

La manifestazione, gara IAAF Road Race Gold Label, facente parte del Circuito RunCzec, ha registrato l’arrivo di 2179 finisher ed è stata affiancata dalla Mattoni České Budějovice Half Marathon Relay, gara non competitiva da correre in squadre da quattro atleti (3x5k + 1×6,0975k) e dalla 2RUN (10k + 11,0975k).  

La gara maschile ha visto sin dai primi metri il dominio di Traynor e di Romanenko, quest’ultimo già vincitore quest’anno della Mattoni Karlovy Vary Half Marathon, lo scorso 19 maggio. All’ultimo chilometro la risoluzione della sfida, con il britannico che ha lasciato il rivale e si è involato verso la vittoria tagliando il traguardo posto nella Náměstí Přemysla Otakara II, la piazza principale della città boema, da dove erano partiti. “Roman mi ha controllato per tutta la gara, ma sentivo di avere qualcosa in più da dare e alla fine sono riuscito a velocizzare un po'. Mi è piaciuta molto la gara; l'atmosfera è stata fantastica, con tantissimi spettatori lungo il percorso. Anche se il mio record personale è di due minuti più veloce, è comunque un buon tempo su questo percorso", le parole del vincitore.

La gara femminile si è invece risolta intorno al 17° chilometro, quando la Fisikovici ha avuto il coraggio di aumentare il ritmo, abbandonando le compagne di fuga, lanciandosi verso il successo. “Sono un po' confusa, ma sono davvero contenta. Al 17° km ho sentito che potevo accelerare un po', ho lasciato dietro le mie rivali e sono riuscita a mantenere il vantaggio fino al traguardo", le parole della vincitrice.

Sono ampiamente resistiti i record della corsa, il 59:49 maschile, stabilito nel 2012 dal keniano Daniel Chebii, e l’1h09:53 femminile, stabilito dalla connazionale Agnes Jeruto, lo scorso anno.

CLASSIFICA

Uomini

1. Luke Traynor (GBR) 1h03:42 
2. Roman Romanenko (UKR) 1h04:05
3. Valentin Pfeil (AUT) 1h05:08
4. Oleksandr Sitkovskyi (UKR) 1h05:37
5. Mick Clohisey (IRL) 1h05:40
6. Igor Olefirenko (UKR) 1h05:52
7. Luis Carlos Rivero (GUA) 1h06:37
8. Vít Pavlišta (CZE) 1h06:43
9. Mikola Nyzhnyk (UKR) 1h07:05
10. Joshua Rhys Griffiths (GBR) 1h07:21


Donne

1. Lilia Fisikovici (MLD) 1h13:20
2. Olha Kotovska (UKR) 1h14:14
3. Rosaria Console (ITA) 1h14:38
4. Sonia Samuels (GBR) 1h14:55
5. Kristýna Dvořáková (CZE) 1h16:44
6. Sviatlana Kudzelich (BLR) 1h18:01
7. Jenny Spink (GBR) 1h18:26
8. Marcela Joglová (CZE) 1h19:11
9. Stefania Leonitiadou (GRE) 1h19:24
10. Ivana Sekyrová (CZE) 1h20:58