Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Giu 25, 2018 Ufficio Stampa Evento 581volte

Cortina d’Ampezzo (BL) – 12° Lavaredo Ultra Trail

Una fase della gara Una fase della gara Foto Ufficio Stampa Evento

Lo statunitense Hayden Hawks (Hoka One One) conduce una gara in rimonta e dopo aver corso nelle posizioni di rincalzo, a circa metà tracciato mette la freccia e prende il comando tagliando il traguardo posto in Corso Italia con il tempo di 12h16’20’’.

In campo femminile la cinese Miao Yao, che domina tutta la prima parte di gara, subito dopo il rifugio Croda da Lago è  raggiunta e quindi sorpassata dall’americana Kelly Wolf. La Wolf si affaccia al rettilineo finale in perfetta solitudine andando a fermare il tempo in 14h37’00.

Una tre giorni intensa, quella ampezzana, cominciata giovedì pomeriggio con i 400 atleti della Cortina Skyrace. Da affrontare 20km con 1000m di dislivello positivo per scoprire dall’alto tutta la conca ampezzana. Forcella Zumeles, il punto più alto del percorso, è stata conquistata salendo faticosamente ripidi pendii erbosi e rocciosi; il panorama sulla Regina delle Dolomiti era incorniciato dal Cristallo, dalle Tofane, dalle Cinque Torri, con sullo sfondo Pelmo, Civetta e Marmolada; e un temporale ha reso la gara molto, molto più dura. 
Il rumeno Nicolae Balan e la statunitense Rachel Drake iscrivono il proprio nome nell’albo d’oro:  Balan ha corso praticamente tutta la gara in completa solitudine, lasciando ad Antti Parjanne (Finlandia), Ben Derrick (Australia) e Samuele Toscan contendersi i gradini più bassi del podio. Il rumeno ferma il cronometro in 1:40’58’’ mentre Antti Parjanne conquista la seconda posizione con 6’19’’ di ritardo, il podio è completato da Ben Derrick con il tempo di 1:47’44’’.
In campo femminile dominio assoluto per la statunitense Rachel Drake che con il tempo di 1:55’03’’ conquista la prima posizione davanti alla connazionale Yiou Wang e Ashley Hawks.
Sul rettilineo finale, incitata da centinaia di persone Yiou Wang ha dovuto stringere i denti per non farsi superare proprio negli ultimi metri dalla Hawks. Il tempo della Wang è di 1:57’09’’. 

Venerdì 22 sera tra due ali di folla è invece partita la prova principe da 120km (5800m D+). A incitare i 1600 trailer della 12^ edizione tanta, tantissima gente. Una coreografia unica, un’emozione intensa vedere lungo il rettilineo di partenza più di mille spettatori pronti a sfidare un freddo pungente pur di fare sentire il proprio affetto ai concorrenti. In griglia di partenza alcuni dei migliori interpreti a livello mondiale e il popolo del trail.
Il percorso? Quello di sempre, una cavalcata a fil di cielo che ha portato i concorrenti al cospetto di uno scenario unico. Li ha visti transitare a Federavecchia, presso il Lago di Misurina, le Tre Cime di Lavaredo, il lago di Landro, Forcella Lerosa, Ra Stua, la Val Travenanzes, Col Gallina, le Cinque Torri, il Passo Giau e la Croda da Lago. Luoghi resi magici perché toccati in momenti particolari come all'alba o al tramonto.

Pronti, via e il cinese Min Qi ha provato a sgranare il gruppo di testa. Il suo forcing iniziale ha però presentato il conto durante la notte facendolo slittare lontano dal podio. Lo spagnolo Pau Capell è quindi salito in cattedra. La vittoria dello statunitense si è decisa dopo la Malga Val Travenanzes quando mancavano poco più di 20 chilometri, Hayden Hawks ha chiuso la sua rimonta andando a conquistare la prima posizione. Prima posizione difesa dagli attacchi di Pau Capell e Tim Tollefson. Pau Capell (The North Face), che con la The North Face Lavaredo Ultratrail dallo scorso anno aveva un conto aperto (Pau Capell lungo la Val Travenanzes nel 2017 aveva avuto problemi allo stomaco costringendolo al ritiro) ha provato a rientrare su Hawks, ma alla fine ha conquistato un bellissimo secondo posto a soli 4 minuti dal vincitore. Il podio è completato da Tim Tollefson (Hoka One One).

Nella gara in rosa, una sola donna al comando, la cinese Mia Yao. Una impressionante prova di forza la sua. La cinese corre sino al passaggio di Passo Giau con dei ritmi elevati guadagnando quasi 10 minuti al passaggio precedente di Col Gallina. La cinese però nel tratto che portava al Passo Giau ha perso tutto il vantaggio, anzi si è fatta superare accusando subito due minuti di ritardo. La statunitense Kelly Wolf corre con la testa e con il cuore amministrando il vantaggio che sulla linea d’arrivo si attesta sui 15 minuti. La Wolf chiude con il tempo di 14h37’00’’ davanti alla Miao Yao, mentre Kathrin Götz è terza con 15h03’04’’.

Anche nella gara più breve, la Cortina Trail, gli Stati Uniti hanno monopolizzato i 48 chilometri con Zach Miller e con Hillary Allen. Miller, oltre a salire sul gradino più alto del podio, annienta il record precedente con il tempo di 4h20’24’’. Alle sue spalle due atleti italiani, Stefano Rinaldi e Christian Modena. 

In campo femminile dietro a Hillary Allen, che chiude in 5h19’20’, si classificano Irén Tiricz e Anna Kacka. Anabel Merino e Francesca Pretto sono rispettivamente quarta e quinta.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina