Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Set 20, 2018 978volte

Led Night Run ad Uboldo: chi ci capisce è bravo

Il simpatico logo della manifestazione Il simpatico logo della manifestazione

Sabato 15 Settembre ad Uboldo (VA) si è svolta la prima edizione della Led Night Run. Ad aggiudicarsi la gara è stato Andrea Soffientini (Azzurra Garbagnate), col tempo di 32’34” mentre in campo femminile vittoria di Silvia Marinoni (Cantù Atletica) in 38’10”.

Non conosciamo il numero dei non competitivi, ma la gara agonistica, al sito FIDAL Lombardia riporta solo 52 classificati e fra di loro non risulta Daniele Giudici (AVIS Seregno) che ci ha fatto pervenire questa testimonianza:

“Sabato sera io e la mia ragazza Silvana Novara siamo andati ad Uboldo. Io mi sono iscritto con grande entusiasmo a questa nuova gara competitiva FIDAL di 10 km! Silvana invece alla 5 km non competitiva. La partenza viene data da un giudice FIDAL che alza un braccio, fa partire il conto alla rovescia dal 5 e lo abbassa per il via! I non competitivi, piazzati dietro di noi, sarebbero dovuti partire 5 minuti dopo, ma nessun organizzatore ci divide o li ferma e tutti seguono a ruota la nostra partenza. Parto bene e i primi 3 km li tengo tra il 3'30" e 3'40". Davanti a me ho 11 atleti! Vengo raggiunto e affiancato da Brambilla, un ragazzo della non competitiva che conosco. Arriviamo assieme al km 3,9 alla fine di Via per Origgio, ad un bivio totalmente sguarnito di presidio.Non c’è nessuno che ci indichi dove andare. Proseguiamo, ma con nostra sorpresa, meno di 500 metri dopo, passiamo già all'intermedio del 1° giro in 15'26". Resomi conto del probabile errore di percorso proseguo, ma rallento vistosamente il passo per farmi raggiungere e superare da quelli che prima dell'errore erano davanti a me. Come dicevo prima sono circa 10/11 persone, ma da dietro arrivano solo i 3/4 della testa della corsa e nessun altro. Mi viene allora il sospetto che anche gli altri abbiano involontariamente tagliato e che i 3 o 4 abbiano invece corso sul tracciato giusto, in quanto preceduti dalla moto apripista. Al traguardo mi fermo subito prima del tappeto per non far scattare il chip e faccio presente ai giudici FIDAL che vorrei stare fermo 2 minuti per pareggiare il taglio involontario prima di oltrepassare il traguardo. Mi viene detto di non preoccuparmi e di venire avanti. Spiego ancora bene dell'incrocio non presidiato, che nei primi 2/3 km avevo davanti a me 10/11 concorrenti: vengo inserito al 12° posto assoluto e 2° di categoria SM40. All'arrivo molti altri atleti si lamentano di errori e disorganizzazione nel percorso! C'è una gran confusione e si mormora anche che forse la gara potrebbe essere annullata! Trovo Silvana e incredibilmente mi racconta che ad un certo punto, su un rettilineo in cui non c'era nessuna indicazione di svolta, vede passare in fondo alla strada, nella via perpendicolare, dei runners, che evidentemente stavano correndo su un percorso diverso dal suo. Raggiunta la fine della strada chiede quindi indicazioni al ragazzo del servizio presidio strada/percorso, il quale le spiega che in effetti era sul percorso sbagliato in quanto circa 100 metri prima avrebbe dovuto svoltare a destra. Al che lei gli fa presente che non c'era alcuna indicazione di svolta e lui gli risponde che era vero in quanto a quella svolta avrebbe dovuto esserci lui a dare indicazioni, ma che si era spostato per andare ad aiutare un collega che aveva avuto problemi con un'auto sul percorso, lasciando la svolta completamente sguarnita. Dopo circa mezz'ora però iniziano le premiazioni e con mio stupore e rammarico, nella mia categoria SM40 viene chiamato un altro al mio posto. Anche un altro vincitore di categoria viene ignorato! Lo facciamo presente e ci vengono dati frettolosamente senza spiegazioni due sacchetti premio non assegnati per la mancanza di atleti e atlete! Scopro solo in seguito, guardando le classifiche on-line, che i primi 8 del 1° giro intermedio, tra cui il sottoscritto, sono stati tutti squalificati! E tutto perchè in via per Origgio non era presente nessuno che ci indicasse il percorso corretto! Mi chiedo il senso di organizzare una gara ufficiale FIDAL per cosi pochi partecipanti (un centinaio tra competitivi e non!) senza neanche avere le capacità e le competenze di gestire un percorso cittadino di così breve lunghezza! Sabato sera dopo la gara ero molto arrabbiato, ora a freddo rimane il rammarico e la delusione per quella che avrebbe dovuto essere una nuova e luminosa manifestazione e che invece si è rivelata un'occasione mancata! Peccato!”

Ovviamente siamo a disposizione per pubblicare un’eventuale risposta da parte del comitato organizzatore. Facendo luce sull’accaduto, anche per giocare col nome della gara.

Articoli correlati (da tag)

1 commento

  • Link al commento Domenica, 23 Settembre 2018 23:01 inviato da Lazzati Marco

    Sono Marco Lazzati, presidente dell’Atletica Libertas Uboldo, che ha organizzato la Led Night Run del 15 settembre.
    Innanzitutto sento il dovere di ringraziare il Sig. Giudici per avere segnalato dove c’era stato il problema sul percorso, perché sinceramente, non riuscivo a capire come si potesse sbagliare percorso, anche perché dopo l’arrivo chiedendo a diversi partecipanti tutti mi avevano confermato che il percorso era ben segnalato, a parte un punto in zona cimitero.
    Comunque tengo a precisare che la sera prima abbiamo posizionato sul percorso una quarantina di persone e solo un’emergenza, stando a quanto dichiarato dal sig. Giudici, ha fatto spostare momentaneamente l’addetto al percorso creando un problema certamente non voluto e che riguardato solo una parte degli atleti.
    Riguardo le premiazioni, visto che i giudici hanno rilevato l’anomalia, non avremmo potuto chiamare per le premiazioni persone non classificate, per cui abbiamo pensato di dare un riconoscimento anche a quegli atleti non in classifica ma che sarebbero entrati comunque tra i premiati.
    Per concludere, riguardo al senso che abbia organizzare gare Fidal con così pochi partecipanti, devo dire che questa frase mi fa abbastanza male: in un “mondo” pieno di gare che di non competitivo hanno solo il nome, solo per risparmiare sulle tasse, assolutamente non esose, imposte dalla Fidal, sparare a zero su chi rispetta i regolamenti e cerca di promuovere il nostro sport in ambito locale questo non l’accetto. Sapevamo benissimo che la partecipazione avrebbe potuto essere scarsa, anche perché nel giro di 10 km da Uboldo c’erano 2 gare non competitive (Legnano Night Run venerdì sera e Strasaronno domenica mattina) che insieme raccolgono più di 6000 iscritti, senza contare che domenica mattina era in programma anche la Mezza di Monza. Nonostante ciò, grazie soprattutto allo sponsor della manifestazione che si è accollato di tutte le spese, abbiamo rischiato, e rischieremo anche il prossimo anno. Già fin d’ora vi invito, certo che le problematiche segnalateci quest’anno potranno esser risolte.
    Grazie per l’attenzione e scusatemi per la lunghezza del post.
    Buone corse a tutti!!!

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina