Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ott 27, 2022 Ufficio Stampa Evento 733volte

Alba (CN) – 13^ Ecomaratona del Barbaresco a Mascherpa e Magro

Rivince Mascherpa Rivince Mascherpa Foto Vincenzo Nivcolello

26 ottobre  - Domenica scorsa è andata in scena la tredicesima Ecomaratona del Barbaresco e del Tartufo Bianco d'Alba,  un'edizione bellissima che è andata a incastonarsi come un gioiello nel periodo più rilevante di vita del territorio, in festa per le vendemmie del suo prezioso vino Barbaresco e ad Alba per la sua Fiera del Tartufo Bianco.

Un evento come sempre ricco nei suoi punti tradizionali che lo caratterizzano e lo rendono unico, come la collocazione logistica ai piedi del Duomo della città di Alba, splendido punto di arrivo e partenza, le fasi pre-gara organizzate nel bellissimo Teatro Sociale e lo spettacolare percorso sulle colline vitivinicole degli splendidi comuni di Barbaresco, Neive e Treiso. Alla partenza e nel corso degli arrivi, spettacolo nello spettacolo, la presenza dinamica e coinvolgente della Fanfara dei Bersaglieri di Asti. 

Due come sempre i percorsi di gara, segnalati e presidiati dai numerosi addetti e volontari, affrontati con un meteo ideale da oltre quattrocento atleti giunti da Norvegia, Svezia, Finlandia, Francia, Germania, Svizzera, Slovacchia, Olanda, Giappone, Usa oltre che ovviamente dalla maggior parte delle regioni italiane.  Tra i dieci ristori dislocati lungo il percorso e all'arrivo, in evidenza nel comune di Barbaresco gestito dalla Proloco un "rifornimento" davvero speciale a base di vino Barbaresco servito nei calici. 

Nella gara regina, la 42 km, trionfo per il comasco Francesco Mascherpa (Runners Legnano), tra i favoriti della vigilia dopo la vittoria dello scorso anno e in gara con il pettorale numero 1, che nonostante un problema fisico riesce a centrare il bis, aggiudicandosi tra l'altro l'ambito trofeo d'artista realizzato quest'anno da Luigi Carbone.

Sul podio con lui, secondo, un altro lombardo, Fiore Moratto (U.S La Sportiva), mentre terzo si classifica Ilario Cirasella (Sportification Fossano) il quale, primo classificato della provincia di Cuneo, si aggiudica anche il trofeo Caduti 2° Reggimento Alpini, il gruppo di Cuneo presente alla gara di Alba per il secondo anno consecutivo, che ha allestito varie attività e posizionato persino una parete di arrampicata utilizzata con grande successo da praticanti e curiosi. 

Nella gara femminile la vittoria è andata all'atleta locale Eufemia Magro (ASD Dragonero) che corona un sogno della sua carriera disputando una grande prova che la piazza quarta nella classifica assoluta. Ha preceduto Elehanna Silvani (Azalai) e la terza, Stefania Cherasco (Dragonero) che vanta numerose partecipazioni e una vittoria nel 2013.

Sulla distanza di 21 km vince un raggiante Ghebrehanna Savio (Team Casa della salute 42195, società ligure), e precede il lombardo Ludovico Pedretti (Atl.Pavese) e il piemontese Stefano Avalle (Pod. Valle Varaita). 
Tra le donne, è prima un'atleta di casa, la bravissima Erika Testa (Gruppo Podisti Albesi), davanti a Martina Gioco (Runners Valbossa Azzate) e a Celeste Abrate (CB Sport Podistica Caramagna).

Ottima anche quest'anno la prova della leggenda del fondo, Odd-Bijorn Hjelmeset, il formidabile campione del mondo norvegese che passando dagli sci al diletto della corsa, si mette in gioco e coglie anche una brillante vittoria nella sua categoria.  

Il premio della Città di Aba, Club 42,195 Maratoneti Albesi, memorial Gennaro Piscopo, e consegnato dalla moglie, è andato a Eufemia Magro.

Tutti gli atleti al traguardo hanno ricevuto una maglia tecnica esclusiva, vino Barbaresco, e la medaglia celebrativa finisher. Dopo la gara, apprezzatissima è stata l'opzione collaterale, il pranzo “Piemonte in tavola”, servito ai tavoli con specialità enogastronomiche locali. 

La gara è stata diffusa su un maxi-schermo all'arrivo e con una diretta video streaming di oltre quattro ore sul web, con operatori al seguito e fasi aree dall’elicottero di gara, commentate sul traguardo da Paolo Mei, speaker ufficiale del Giro d’Italia di ciclismo, e in studio con ospiti, da Gianni Mauri, Presidente Fidal Lombardia.  Radio Alba, radio ufficiale dell’evento, ha diffuso la diretta on-air.

Al termine della lunga e emozionante giornata, Massimo Casagrande - presidente di Triangolo Sport e del Comitato Organizzatore - ha voluto ringraziare calorosamente i numerosi gruppi di assistenza e servizio sul percorso, polizia, protezione civile, radioamatori, alpini, pro loco, studenti e volontari, insieme a tutte le istituzioni, agli enti, aziende e sponsor che ogni anno rendono possibile questo straordinario evento.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina