Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ott 30, 2022 Ufficio Stampa Evento 1107volte

Roma – 9^ Corsa del Ricordo, trionfano Marteddu e Montagnin

La partenza La partenza Foto Ufficio Stampa

30 Ottobre - Dopo un anno di stop a causa della pandemia, quando la Corsa del Ricordo si è disputata in modalità virtuale, oggi Roma, nel quartiere Giuliano- Dalmata, ha potuto tornare a vivere le gioiose atmosfere di una gara diversa dalle altre, dai significati sportivi ma soprattutto storici e culturali. La manifestazione, ideata ed organizzata da Asi, con la collaborazione dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, e la collaborazione tecnica del GS Bancari Romani, ha vissuto la sua IX edizione per ricordare e commemorare sportivamente la tragedia delle foibe e l’esodo delle popolazioni italiane nel periodo successivo alla Seconda Guerra Mondiale.

Brividi sulla pelle quando le note dell’inno nazionale hanno preceduto la partenza, con le bandiere delle associazioni Giuliano-Dalmata, sventolate orgogliosamente dalle Associazioni davanti agli atleti pronti a partire.

Nonostante il ponte della festività dei Santi, al via si sono presentati oltre 400 atleti, in rappresentanza delle più importanti società podistiche romane, mentre sono stati numerosi gli atleti provenienti da ogni regione d’Italia, con una folta rappresentanza femminile che ha dato vita alla Corsa del Ricordo For Woman, una gara nella gara, riservata alle donne volta a porre l’accento sulla tematica legata alla violenza di genere e, più in generale, per dare risalto allo sport coniugato al femminile troppo spesso svilito rispetto a quello maschile. L’evento si è realizzato anche grazie al contributo del Dipartimento per lo sport - Presidenza del Consiglio dei ministri. Subito buono il ritmo di gara degli atleti di testa con un drappello che ha fatto la selezione prendendo un buon margine sul gruppone dei tanti partecipanti.

Nella gara maschile a tagliare per primo il traguardo l’atleta della Libertas Unicusano Livorno Tito Marteddu che ha completato l’impegnativo percorso, fatto di saliscendi all’interno del quartiere Giuliano-Dalmata e della Città militare della Cecchignola, con il tempo di 33:22. Alle spalle del vincitore Rafal Nordwing ‘il polacco di Roma’, alfiere della LBM, vincitore della VI edizione che ha tagliato il traguardo in 32:41. Terza piazza per Daniel Battaglia della Runners Ciampino, che ha chiuso in33:06.

Altrettanto entusiasmante la gara femminile che ha visto il successo della friulana Giulia Montagnin che ha concluso in 38:02. Al secondo posto un’altra nota conoscenza del podismo romano Paola Patta, punta di diamante della Podistica Solidarietà con il tempo di 38:12. Sul terzo gradino del podio Kalliopi Schistochili brillante mezzofondista della ASD Romatletica, che ha completato in 42:03.

A contorno della gara agonistica si è svolta una festosa non competitiva di 3 chilometri aperta a tutti che ha visto il successo tagliare per primo traguardo Roberto Bevilacqua davanti a Roberto Capostagno e Sergio Minella. Francesco Crudo e Carlo Daniele Dacron sono stati invece i migliori nella V edizione del Trofeo Tokyo di Marcia, tradizionale gara dedicata all’impresa dell’atleta fiumano Abdon Pamich che in Giappone vinse la medaglia d’oro Olimpica di specialità.

Fra le società premiate quelle che hanno portato il maggior numero di atleti: Bancari Romani, LBM Sport, Podistica Solidarietà.

A conclusione della gara è stato il momento delle commemorazioni con la deposizione da parte dei rappresentanti delle Associazioni degli Esuli di una corona di fiori ai piedi della stele dedicata alle vittime delle foibe e dell’esodo.

Numerose le autorità presenti fra le quali il Senatore Andrea De Priamo, Roberto Tavani e Fabrizio Ghera per la Regione Lazio, Federico Rocca e Ferdinando Bonessio per Roma Capitale, Claudio Barbaro, presidente nazionale di ASI (l’ente organizzatore dell’evento), Fabio Salerno Direttore Generale di Asi, che si è cimentato da atleta nella 10 km, Alessandro Cochi, uno dei promotori storici della Corsa del Ricordo e già delegato allo sport di Roma Capitale, Teresa Maria Di Salvo Presidente del IX Municipio, Flavia Cerquoni Assessore allo Sport del VI Municipio, Mario Cerasola consigliere del VI Municipio e, in rappresentanza delle Associazioni giuliano/dalmate, Donatella Shurtzel, Presidente del Comitato provinciale e Vicepresidente Nazionale ANVGD,  Carla Cace Presidente dell’Associazione Nazionale Dalmata, Marino Micich direttore del Museo Archivio Storico di Fiume.

Di seguito il resoconto delle gare concomitanti svoltesi in altre città, sotto la stessa egida (Ufficio stampa evento)

Quattro città, da nord a sud per la penisola, Trieste, Milano, Roma e San Vito dei Normanni accumunate da un evento sportivo, organizzato da ASI che è indubbiamente qualcosa di più di una gara podistica. La Corsa del Ricordo, con la collaborazione dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia è stata una festa di sport di grande coinvolgimento emotivo. Lo start è stato dato simultaneamente alle 9.30 in diretta facebook, ed ha visto la partecipazione di oltre 1000 atleti che hanno corso per passare una sana giornata di sport ma anche per ricordare e commemorare sportivamente la tragedia delle foibe e l’esodo delle popolazioni italiane nel periodo successivo alla Seconda Guerra Mondiale. Nel contesto della gara quest’anno è nata anche Corsa del Ricordo For Woman, una gara nella gara, riservata alle donne volta a porre l’accento sulla tematica legata alla violenza di genere e, più in generale, per dare risalto allo sport coniugato al femminile troppo spesso svilito rispetto a quello maschile. L’evento, realizzato anche grazie al contributo del Dipartimento per lo sport - Presidenza del Consiglio dei ministri.

 

L'atmosfera che si respira è strana: si percepiscono gioia e malinconia. La gioia perchè, anche nella grande Milano, finalmente abbiamo la Corsa del Ricordo, malinconia...impossibile non provarla. La maggioranza di chi ha vissuto la tragedia delle foibe e dell'esodo non c'è più, i riconoscimenti delle loro sofferenze sono arrivati, purtroppo tardivi. Le candele si sono spente una a una...ma la Corsa del Ricordo, come il Giorno del Ricordo, tardivi risarcimenti, sono arrivati ed oggi al bellissimo Parco delle Cave, a Milano, c'è gioia e c'è aria di festa.

Tanta gente, giovani e meno giovani, atleti e famiglie, atlete che, con la loro presenza hanno voluto onorare la nostra Norma Cossetto - donna e vittima di inaudita violenza – e perfino la bassottina Norma ha partecipato a questo evento a far capire che le tragedie si rivivono in molti modi.

Le atlete, dieci, con ottimi tempi, hanno concluso la gara La Corsa del Ricordo for Woman dedicata a Norma Cossetto e, non appena finita, hanno indossato la speciale t-shirt rosa realizzata dall'ASI per quest'importante occasione.

Il vincitore assoluto maschile è stato, il romano Domenico Liberatore della Podistica Solidarietà che ha chiuso con il tempo di 33:25, alle sue spalle Giuseppe Lucia, atleta della Insubria Varese Como che ha completato il percorso in 33:51, al terzo posto Andrea Ernesto Assanelli della Runners Milanco che ha chiuso in 34:29.

Nelle donne primo posto per Camilla Grassi (DK Runners Milano) che ha chiuso in 40:13,  al secondo posto Silvia Maria Pasquale (ASD Ortica Tem Milano) al traguardo in 40:52, Elvira Marchianò (Milano Atletica) è terza in 43:32.

 

A TRIESTE DOMINANO BELTRAME E GUIDOLIN

Nella quinta edizione dell’appuntamento di Trieste si sono sfidati in 200, tra atlete e atleti, sul Carso triestino. Sul tracciato di 9km (2 giri da 4,5km), con partenza e arrivo allestiti nei pressi della Foiba di Basovizza, hanno conquistato il successo Tobia Beltrame (Trieste Atletica) e Nicol Guidolin (Tornado). Tra gli uomini dopo una prima fase in cui i portacolori della Trieste Atletica, dominatori della manifestazione fin dalla prima edizione del 2017, hanno sgranato il gruppo Beltrame, specialista delle corse su strada, ha preso progressivamente il largo imponendo un ritmo impossibile da seguire per gli sfidanti. Il ventottenne professore di educazione fisica ha chiuso la sua fatica dopo 31’36” precedendo il compagno di squadra Fabio Vicig (32’11”), già secondo nel 2021, mentre il podio è stato completato dal triestino del Malignani Udine Giovanni Silli (32’35”). Si è dovuto accontentare della quarta piazza invece Daniele Torrico (Trieste Atletica, 32’53”), capace di iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro dell’evento lo scorso anno. Nella prova in rosa Nicol Guidolin si è resa protagonista di una cavalcata solitaria che le ha permesso di tagliare il traguardo a braccia alzate dopo 37’33” infliggendo distacchi abissali alle inseguitrici. Si è colorata d’argento la diciannovenne del Cus Trieste Giada Antonazzo (40’30”) che è riuscita a staccare nella seconda parte di gara la carnica Letizia Pugnetti (Carniatletica, 41’00”), terza all’arrivo.

A SAN VITO DEI NORMANNI VINCONO CARBOTTI E D’AGNANO

Nella prima edizione della Corsa del Ricordo di San Vito dei Normanni oltre 260 atleti, provenienti da diverse parti della Regione Puglia hanno preso il via in Piazza Leonardo Leo. Un notevole successo organizzativo per un evento fortemente voluto dall’amministrazione del centro pugliese. Toccante il momento della lettura della lettera dell’esule Rodolfo Decleva, scomparso nella giornata di ieri. Tutta la cittadinanza, il Sindaco Errico, il Consigliere delegato allo sport Cavaliere e tutti gli organizzatori si sono uniti al dolore che ha colpito la sua famiglia.

Nella gara maschile il successo è andato all’atleta laziale Pietro Carbotti dell’Atletica Colleferro che ha completato la gara in 36: 50 preceduto Andrea Petarra dell’Apuliathletica staccato di quasi due minuti (38:31). Terzo l’atleta della Asd MFR Brindisi, Gianluca Damasco che ha chiuso in 38:51.

Tra le donne splendida performance di Anna Maria D’Agnano (Folgore Brindisi) che ha tagliato il traguardo con il tempo di 46:35. Alle sue spalle Margherita Ligorio (Runners San Michele Salento) in 48:10. Chiude il podio Lorena Chezzi ((Altetica Mesagne) il 40:01.

 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina