Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Fabio Marri

Fabio Marri

Probabilmente uno dei podisti più anziani d'Italia, avendo partecipato alle prime corse su strada nel 1972 (a ventun anni). Dal 1990 ha scoperto le maratone, ultimandone circa 280; dal 1999 le ultramaratone e i trail; dal 2006 gli Ultratrail. Pur col massimo rispetto per (quasi) tutte le maratone e ultra del Bel Paese, e pur tenendo conto dell'inclinazione italica per New York (dove è stato cinque volte), continua a pensare che il meglio delle maratone al mondo stia tra Svizzera (Davos e Interlaken; Biel/Bienne quanto alle 100 km) e Germania (Berlino, Amburgo). Nella vita pubblica insegna italiano all'università, nella vita privata ha moglie, due figli e tre nipoti (cifra che potrebbe ancora crescere). Ha scritto una decina di libri (generalmente noiosi) e qualche centinaio di saggi scientifici; tesserato per l'Ordine giornalisti dal 1980. Nel 1999 fondò Podisti.net con due amici podisti (presto divenuti tre); dopo un decennio da 'migrante' è tornato a vedere come i suoi tre amici, rimasti imperterriti sulla tolda, hanno saputo ingrandire una creatura che è più loro, quanto a meriti, che sua. 

Domenica, 13 Settembre 2020 23:00

Trail dell’Abbazia, il coraggio di ripartire

Zola Predosa (BO), 12 settembre – Più o meno nel giorno in cui il Coordinamento podistico modenese annuncia che fino a fine dicembre non organizzerà più niente (e perché dovrebbe riprendere a gennaio? Si sta così bene in smart-no-working…), Zola Predosa aderendo alla ripartenza della Uisp regionale manda in scena un trail “light”, ridotto, rispetto al glorioso passato, a 7 km con 200 metri di dislivello, che conosce un successo impensabile. Il numero di partecipanti, originariamente fissato in 120 e già andato esaurito dieci giorni prima dell’evento, è stato elevato a 150: altra cifra bruciata ben prima della scadenza.

Perché così pochi, e perché così tanti? Nick Montecalvo, organizzatore principe (col fratello Daniele), neo-bi-papà e raffinato esegeta di scritti poetici spiegherebbe entrambe le cose: sono pochi perché le norme anti Covid suggeriscono la partenza individuale a cronometro, che inizialmente era programmata ogni 30 secondi per un’ora complessiva; poi l’intervallo si è ridotto a 20” (più che sufficienti), e ci siamo stati dentro in 150.
Ma sono tanti, gli iscritti (con rispetto parlando, il triplo dell’esordio del calendario Uisp nel reggiano), perché c’è voglia di correre, di scrollarsi di dosso le paure e il terrorismo dei guru da talk show, di andare a una movida finalmente sana, di spillarsi i pettorali senza pensare allo spillover. E perché la tariffa di iscrizione (5 euro solo corsa, con pacco-gara; 15 euro compresa la cena) è davvero minima: se penso che una settimana fa in provincia di Bologna l’unica cosa che il fatiscente coordinamento bolognese ha saputo proporre è stata una non competitiva al modico prezzo di 12 euro, avete capito.
Infine, c’è poco da discutere: Zola è bella, e l’epicentro, non del contagio ma della bellezza, è la zona dell’Abbazia (allietata, questo sabato pomeriggio, da un matrimonio con eccellenti musiche: così finalmente qualcosa va anche ai ristoratori ‘banchettisti’).

Perfetta l’organizzazione: parcheggio più che sufficiente a fianco del ritrovo; campo sportivo recintato dove si accedeva solo dopo verifica della febbre (non si sono fidati della misurazione fatta a casa dai genitori, come vorrebbe una ministra umorista che un mese fa voleva i banchi a rotelle), uno spazio sufficientemente largo e distanziato a misura più-che-droplet per lasciare singolarmente le borse; accesso al cluster (che non è un focolaio) delle partenze a gruppi di 20, cinque minuti prima della partenza individuale, con mascherine da togliere all’istante della partenza (un altro capoccia umorista vorrebbe che le tenessimo per 500 metri…), e che al traguardo ci vengono rimpiazzate da mascherine nuove dell’organizzazione.
In più, un bellissimo percorso, panoramico (foto 26-27) prevalentemente tra le vigne, con due salitine brutali (dai 67 metri slm della partenza si sale fino ai 183) ma brevi, prevalentemente erboso con erba rasata di fresco, spesso ombreggiato, ottimamente segnato, e col valore aggiunto delle fotografie ‘istituzionali’ di Jader e generosamente spontanee di Teida (più i fotografi locali, le cui immagini sono promesse come parte integrante dei servizi). Cosa voglio di più? Canterebbe non Ivano Fossati (vero Nick?) ma Lucio Battisti. Ah, il di più è il ristoro volante con grappolo d’uva offerto da Teida al km 4.

C’è perfino la bionda e affabile Simona Neri (foto 6-7-8, 10) a coordinare per l’Uisp i giudici d’arrivo; Nick è sul percorso (foto 39) e si occuperà poi di stendere e divulgare materialmente le classifiche. La temperatura del cielo (non la nostra: io ho 36,4 all’ingresso e 35,9 all’uscita) è sufficientemente calda per suggerire ad alcune signore di correre en deshabillé (foto 151-153, 168-169): arriveranno nell’ordine quinta e sesta, mentre la regina della corsa è Isabella Morlini, la cui castigata canottiera si presenta al traguardo tre minuti prima della seconda, Elisa Bettini, che a sua volta precede di poco Chiara Vitale (29 in tutto le classificate, 31:37 il tempo della vincitrice, che si colloca al decimo posto della classifica assoluta).

Gli uomini che arrivano in fondo sono 111: li regola, con un buon vantaggio, Riccardo Vanetti, ventisettenne, con 27:50, un minuto meglio di Fulvio Favaron, ventottenne e figlio d’arte. Insomma, tra i maschietti emergono nuove leve, mentre le signore vanno sul sicuro, ma alle spalle delle prime due emerge una ventottenne che, come si diceva una volta, potrebbe essere figlia delle suddette, ed è la seconda più giovane dell’intero lotto.

Premiazioni a ora di cena (si è cominciato alle 17, gli ultimi arrivano quasi alle 19); poi ci si accomoda appunto nell’ampia sala da pranzo, al modico prezzo che si diceva e con supplementi ancora più modici: per il mio bicchiere di barbera (ovviamente locale) e il sorbetto finale mi chiedono addirittura… due euro.

Insomma, la rinascita del podismo, messe da parte certe zavorre (torneremo sul discorso a ragion veduta) passa per iniziative come questa.

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

Lettera ricevuta a casa poche settimane dopo lo svolgimento della Swissalpine 2020 di Davos. Cfr. http://podisti.net/index.php/cronache/item/6345-davos-incorona-l-italia-e-da-una-lezione-all-europa-nonostante.html 

Complimenti di cuore per il tuo anniversario!

Carissimo, ci congratuliamo per la tua decima partecipazione alla Swissalpine!

Quest’anno è andata molto diversamente, ma con tanto coraggio, sudore ed emozioni siamo riusciti, insieme a te, a ottenere un gran successo.

Come ringraziamento per la tua fedeltà ricevi un piccolo attestato della tua ricorrenza.

Saremo particolarmente lieti se l’anno prossimo, sperabilmente senza Corona, potremo festeggiartiJ

Nel biglietto è inserito un distintivo da mettere all’occhiello, col logo della gara e il numero 10.
Proprio non immaginavamo che qualcuno tenesse conto delle volte che io e mia moglie siamo saliti a Davos, dal 1999 (pochi giorni dopo la nascita di Podisti.net) fino a quest’edizione travagliata eppure, nonostante tutto, confermata ed eseguita. Considerando che nel corso degli anni abbiamo sperimentato gare e distanze diversissime, dai 20 ai 78 km, anche con partenza e arrivo in località diverse da Davos.

Confesso che con questa partecipazione intendevo chiudere la serie: ma dopo questa lettera ho cominciato a ripensarci.
Mentre giunge adesso (28 agosto) la notizia che il fondatore e presidente della Swissalpine, Andrea Tuffli, all'età di 76 anni ha deciso di lasciare la cabina di regia, con decorrenza 1° gennaio 2021, a Tarzisius Caviezelgià impegnato da tempo con ruoli importanti nell'amministrazione pubblica e sportiva della zona. Sono già confermati gli eventi dell'ultima edizione "Corona permettendo"!); a breve partiranno le iscrizioni.

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

16 agosto - La notizia dell’ultimo trionfo della “nostra” Mihaela, primatista bulgara sulle principali distanze dell’ultramaratona (dalle 6 alle 24 ore, passando per i 100 km coperti un pelino sotto le 11 ore in una delle sue prime esibizioni sulla distanza, a Seregno nel 2015) viene da Vinnycja, in Ucraina, dove si è svolto il campionato nazionale ucraino delle 24 ore. Ebbene, come a volte succede anche in Italia, dove il campione nostrano bisogna pescarlo nelle retrovie dietro i vari ‘ospiti’ africani, così anche nella repubblica ex sovietica (ora indipendente e che ha siglato un accordo di collaborazione con la UE), a vincere non è stata una atleta locale ma una signora che ha famiglia e lavora nel settore informatico in Italia, per l’esattezza a Concorezzo (località già celebre per essere residenza di Roberto Mandelli, al quale queste righe devono molto e non solo per la fotocollage), dove è anche politicamente impegnata dopo la sua elezione, nel 2019, al consiglio comunale, tra le file della Lega che amministra il comune.

Parliamo di Mihaela Ivanova Englaro (quest’ultimo è il cognome coniugale acquisito), classe 1976, che l’anno scorso, oltre a vincere le elezioni, ha vinto anche qualche ultramaratona compresa nel Grand Prix IUTA, classificandosi alla fine terza nella graduatoria finale con 847 km percorsi in 13 gare.  Primi passi tra i Gamber de Cuncuress, poi il passaggio alle Bergamo Stars del presidente Zucchinali.
 Il 2020 è l’anno del Coronavirus, ma Mihaela è stata più forte anche di questo: il 2 febbraio si è piazzata alla 6 ore “Ippociok” nel ravennate; il 23 febbraio ha fatto un 4.08 alla maratona di Siviglia; dopo il blocco, appena ha potuto ha cominciato ad allenarsi per una 6 giorni, gara che non ha mai corso e nella quale calcola di superare i 600 km. Come fase, diciamo così, intermedia dell’allenamento, si è presentata a questi campionati ucraini (dove, evidentemente, governo di Kiev e federazione atletica hanno meno paura dei contagi), e domenica scorsa ha vinto totalizzando 193,684 km, che costituisce il suo primato personale (sulle 12 ore finora vanta 105,863 km). Ha vinto superando di 6300 metri l’ucraina Valentina Kovalska e di oltre 8 km la terza, Viktoria Nikolaenko: alle quali non è rimasto che tifare davanti alla tv per i loro campioni di calcio dello Shaktar Donetsk… Per la cronaca, la gara maschile è stata vinta da Volodimir Khanas con 215,879 km. Nella kermesse ucraina, durata dal 14 al 16 agosto e che comprendeva gare dalle 3 ore in su, si è svolta anche una 48 ore, vinta da Valeriy Shazhko con 314,737 km, e per le donne da Olga Stadnik con 261,804 km: insomma, se Mihaela si fosse ‘fermata’ in loco altre 24 ore, le bastava passeggiare ulteriori 68 km per vincere questo trofeo. Alla prossima!

Ricchissimo il carnet dell’atleta, come vedete dalla scheda allegata qui sotto (desunta dai siti IUTA e DUV), da dove balza agli occhi l’enorme progresso sulle 24 ore, quasi +30 km rispetto alla prestazione di otto mesi fa a Lavello. Si veda poi la grande esperienza internazionale in maratona, che ha portato Mihaela in giro per il mondo: non a ritmi insostenibili, ma diciamo piuttosto compatibili con le corse di lunghissima lena che appaiono il destino inevitabile della signora Englaro.

 

24H Road running

Year

Date

Race

Km

Overall

F

Cat.

2019

14-15.12

VI 24 ore di Lavello (ITA)

165.408

6

2

W40 1

2019

14-15.09

Lupatotissima 24 ore (ITA)

159.279

14

5

W40 2

2018

26 -27.05

IAU 24h EC Timisoara (ROU)

133.157

139

61

W40 23

12H Road running

Year

Date

Race

Km

Overall

F

Cat.

2019

13.04

Ultra Franciacorta – 12h (ITA)

105.863

22

6

W40 2

2019

17.03

Spring 360 - 12h (BUL)

55.090

31

9

W40 3

               

6H Road running

Year

Date

Race

Km

Overall

F

Cat.

2020

02.02

6 ore IppoCiok (ITA)

54.855

38

5

W40 2

2019

08.09

6 Ore Alto Adige - Südtirol (ITA)

60.863

17

5

W40 1

2019

24.08

BomboloRun (ITA)

57.945

11

3

W40 1

2019

03-04.08

6 ore per le vie di Curinga (ITA)

56.853

17

2

W40 2

2019

14.07

6 ore di Roma (ITA)

52.918

31

8

W40 5

2019

06.07

Sei ore de Conti (ITA)

49.735

75

17

W40 8

2019

05.05

6 ore del Parco Nord (ITA)

61.645

41

4

W40 1

2019

31.03

BI-Ultra 6/24H (ITA)

59.550

14

2

W40 1

2019

23.03

6 Ore Trail al Castello di Brescia (ITA)

50.400

27

9

W40 2

2019

24.02

6 ore con l'Abbraccio (ITA)

57.500

19

6

W40 2

2018

29.09

6 Ore di Azzano San Paolo (ITA)

51.920

31

5

W40 2

               

100 km running

Year

Date

Race

Time

Overall

F

Cat.

2018

08.09

WMA 100km, Sveti Martin (CRO)

11:14:39

132

56

W40 20

2015

22.03

100km di Seregno della Brianza (ITA)

10:59:49

60

7

W35 1

50 km running

Year

Date

Race

Time

Overall

F

Cat.

2019

17.11

Ultra K Marathon (ITA)

5:07:04

109

13

W40 4

2019

06.10

UltraRoma 50k (ITA)

4:46:20

120

15

W40 5

2019

25.04

50 km di Romagna (ITA)

5:19:05

607

86

W40 18

2019

03.03

Recordando - 50 km di Torino (ITA)

4:54:59

47

7

W40 5

2014

16.11

Ultra K Marathon (ITA)

5:11:59

106

12

W35 2

Marathon

Year

Date

Race

Time

Overall

F

Cat.

2020

23.02

Zurich Maratón de Sevilla 2020 (ESP)

4:08:10

7264

734

W40 175

2019

03.11

9^SPORTWAY Lago Maggiore Marathon (ITA)

4:07:14

219

29

W40 6

2019

27.10

5ª Rotary Marathon dei Navigli (ITA)

4:23:27

181

17

W40 6

2019

29.09

BMV Berlin Marathon (GER)

4:13:31

24910

5134

W40 923

2019

27.01

Fitbit Miami Marathon (USA)

4:02:26

681

124

W40 25

2018

14.10

Generali Munich Marathon (GER)

4:14:21

2558

388

W40 49

2018

18.03

Eroica 15-18 Marathon (ITA)

4:13:35

408

47

W40 10

2017

22.10

32^ Huawei Venicemarathon (ITA)

4:05:00

2967

381

W40 94

2017

08.10

Bank of America Chicago Marathon (USA)

4:09:17

13309

4256

W40 668

2017

03.06

ASICS Stockholm Marathon (SWE)

4:38:26

9434

2247

W40 459

2017

09.04

Schneider Electric Marathon de Paris (FRA)

5:59:00

41188

9768

W40 3185

2016

18.04

Boston Marathon (USA)

6:07:01

26594

12148

W40 1936

2015

01.11

TCS New York City Marathon (USA)

5:45:15

43730

17384

W35 2779

2015

12.04

NN Marathon Rotterdam (NLD)

3:53:23

4830

462

W35 87

2015

22.02

Vodafon Malta Marathon (MLT)

3:40:23

215

27

W35 4

2014

14.12

Honolulu Marathon (USA)

3:52:59

1101

201

W35 42

2014

30.11

31a Firenze Marathon (ITA)

4:01:02

4522

454

W35 107

2014

19.10

TCS Amsterdam Marathon (NLD)

4:01:27

5996

846

W35 155

2014

27.04

Maratona Sant’Antonio Padova (ITA)

3:56:41

949

68

W35 22

2014

23.03

20^ Maratona di Roma (ITA)

3:55:28

5372

424

W35 88

2014

16.02

Maratona San Valentino Terni (ITA)

4:05:34

332

46

W35 20

2013

08.12

18a Maratona di Reggio Emilia (ITA)

4:11:25

1768

181

W35 34

2013

17.11

Maratona Divina Pastora Valencia (ESP)

4:13:32

7853

542

W35 113

2013

07.04

13^ SuisseGas Milano City Marathon (ITA)

4:31:33

3018

294

W35 58

2013

03.03

10a Treviso Marathon (ITA)

4:21:41

2027

246

W35 51

30 km running

Year

Date

Race

Time

Overall

F

Cat.

2017

10.09

14a Monza21 Mezza di Monza – Formula 30 km (ITA)

2:54:03

568

69

W40 20

2014

28.09

StraLugano 30 km “Panoramic” (CH)

2:35:52

676

72

W35 25

Mini SkyRace 20km

Year

Date

Race

Time

Overall

F

Cat.

2014

27.07

Giir di Mont Premana SkyRace (ITA)

3:15:23

267

24

W35 4

2013

28.07

Giir di Mont Premana SkyRace (ITA)

3:31:19

273

32

W35 7

Half Marathon

Year

Date

Race

Time

Overall

F

Cat.

2014

14.09

11a Mezza di Monza (ITA)

1:52:10

1643

121

W35 42

2014

06.01

Mezza Maratona sul Brembo (ITA)

1:53:28

718

298

W35 16

2013

15.09

10a Mezza di Monza (ITA)

1:57:38

2200

204

W35 57

2013

28.04

Maratonina di Cernusco Lombardone (ITA)

1:57:12

448

42

W35 9

2013

24.03

42a Stramilano Agonistica int. Half Marathon (ITA)

1:55:17

3828

379

W35 29

2013

17.02

Half Marathon Giulietta & Romeo (ITA)

1:57:35

3324

456

W35 98

 
What do you want to do ?
New mail
Giovedì, 13 Agosto 2020 18:19

Monchio (MO) ci riprova il 22 agosto

Dopo tante gare virtuali e liberi raduni su percorsi predeterminati (che si fa molta fatica a chiamare gare podistiche), Monchio di Palagano (ridente paese dell'appennino modenese, a una ventina di km da Sassuolo), che non è nuova a questo genere di iniziative, ci riprova con una gara vera.
Sabato 22 agosto, dalle 16,30, si potrà partire per i consueti 10 km  "ad anello intorno a Monchio", nel rispetto dei vigenti protocolli anti-Covid secondo il rituale già felicemente sperimentato.

Prenotazione obbligatoria dall'infaticabile Giulia Grossi, neomamma di Marco, che non ha ancora un mese ma ha conferito ulteriori forze alla mamma (tel. e whapp 3337484279; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). Sarà necessario presentarsi con mascherina, da togliere in gara (ma da rimettere se si sta a distanza inferiore di 2 metri dal concorrente); occorrerà firmare una autocertificazione (magari, con biro propria), è suggerita borraccia personale perché in gara non ci saranno ristori. Ma il giro è bellissimo, a Monte S. Giulia c'è una fontana di acqua fresca, e al traguardo i bar della zona saranno apertissimi.

Mentre i comitati e coordinamenti tacciono (bè, la storia ci ha insegnato che anche Cavour si prese un "decennio di preparazione" prima di dare il via all'indipendenza dalla Fidal di allora), sarà bello mostrare un segnale positivo a questi organizzatori indipendenti, entusiasti e coraggiosi.

26 luglio – … nonostante qualche pasticcio (traducendo benevolmente il grober patzer dei media svizzeri)

Sono mesi che lo scriviamo, facendo il confronto con gli annullamenti o le prese in giro nel resto d’Europa (gare programmate in modo “individuale” con partenza libera, gare rinviate di mese in mese ecc.): il comitato organizzatore della storica Swissalpine di Davos, non a caso guidato da un ingegnere (con la passione dell’orienteering), dopo qualche mese di consultazioni e ripensamenti ha deciso di confermare la 35^ edizione della sua grande gara nella data stabilita, l’ultimo fine settimana di luglio.

Naturalmente si è dovuto fare i conti con le “regole-Corona”, come le chiamano nel mondo germanofono, e dare vita a una “edizione-Corona”, a numeri certamente ridotti, concentrando l’attenzione sull’evento principale (una 68 km con +/ -2606 metri di dislivello, e quattro passi alpini di cui 3 sopra i 2500 metri) poi una 43, una 23 e una 10 km: il tutto diluito in due giorni (sabato e domenica) e con partenze divise in due blocchi per gli eventi più affollati.

Così è successo che la K68 (primo allestimento assoluto, in sostituzione della classica K78 degli anni d’oro e della meno felice K88 del 2018) è andata in scena, come sempre, di sabato, con due partenze alle 8 e alle 8,30. Il numero massimo di atleti fissato per ogni onda era di 300, con obbligo di mascherina fino allo sparo, e rispetto di tutte le precauzioni igieniche, abbondante distribuzione di mascherine da parte degli addetti, divieto di accesso degli spettatori (che però si affollavano nel bar/ristorante al piano terra della tribuna, oltre che per le strade), niente docce, niente premiazioni solenni, e percorsi obbligati all’interno dello stadio e negli spogliatoi.

Siamo partiti in 541, arrivati in 464 di cui 91 donne; e ha vinto un italiano, il non ancora ventottenne ossolano Riccardo Montani, un pochino anche svizzero, siccome fa il fisioterapista a Martigny: la cui giovane età non gli impedisce di essersi già fatto notare, come vincitore nel 2018 del Bettelmatt Trail di 52 km in Val Formazza cioè quasi a casa sua, e terzo nella Sky Marathon del Cielo a Corteno Golgi; nel 2019, terzo col compagno Luca Carrara nella Monterosa Sky Marathon, 35 km a coppie che prevedono la salita addirittura tra i ghiacci della Capanna Margherita per poi ridiscendere verso Alagna Valsesia. Quest'anno, poco prima dell'interruzione, aveva vinto il Brunello Crossing, in Toscana, di 45 km.

La vittoria di Montani è stata una di quelle all’ultima curva (quando la stradina scende per sottopassare la ferrovia, poi con un’ultima salitina raggiunge il corso principale di Davos, da dove dopo duecento metri entriamo nel meraviglioso complesso sportivo donde eravamo partiti): in questo km scarso Montani ha raggiunto e superato in extremis di 16” lo zurighese Raphael Sprenger: 6.12:28 il tempo del vincitore.
Che però ha avuto un co-vincitore “incoronato” ex aequo, l’altro svizzero Stephan Wenk, giunto terzo a 8 minuti ma premiato dalla giuria come vincitore morale. Una cosa del genere era accaduta molti anni fa, quando la nostra grande Monica Casiraghi, già trionfatrice a Davos, ma quella volta giunta seconda dietro una russa, venne riconosciuta prima (assoluta, non ex aequo) perché si stabilì che i tifosi della sua rivale avevano spostato dolosamente le frecce segnaletiche. Qui invece, a quanto riferito dai giornali, Wenk e lo statunitense Roy Brown, sotto il passo Scaletta (il primo dei quattro, dopo km 17,5) non avevano visto la deviazione per il secondo passo, il terribile Sertig al km 22, ed erano proseguiti verso valle.

Sembra che le frecce non fossero ancora state poste, e dunque la colpa sia dell’organizzazione: pasticcio imperdonabile, e motivo del ‘risarcimento’, un po’ nello stile di Dorando Pietri (cioè premio monetario uguale di 2000 franchi = 1800 euro); io lo trovo comunque un po’ strano, dal momento che su quel percorso è impossibile sbagliare per l’abbondanza di segnali sia della Swissalpine sia dell’ente turistico; e quel tracciato è lo stesso dal 2015 per la K43; e quando ci sono passato io (ovviamente, un’oretta dopo i primi) c’era pure un addetto a segnalare la svolta.

Sta di fatto che i due (allora) battistrada avrebbero perso una ventina di minuti: l’americano si è ritirato, lo svizzero invece ha rimontato riportandosi addirittura in testa: ma pagando nel finale lo spreco di energie, finendo solo terzo. Di tutto questo il nostro Montani non ha colpa, e l’Italia può festeggiare ben tre suoi uomini nei primi 6: quarto il lecchese (tesserato Monza) Luca Manfredi Negri, a 4 minuti dal terzo; sesto il vicentino Roberto Mastrotto, altri 4 minuti dietro. Vicenza ha poi piazzato anche Alessio Zambon al 12° posto.

Italia incoronata dunque: impediti di correre dalle nostre parti, andiamo all’estero e vinciamo; e dalla Svizzera, insieme alla Svizzera, grazie alla Svizzera, diamo una lezione al resto d’Europa. Correre si può e si deve.

Dal comunicato stampa di Sport project VCO riprendo le dichiarazioni del vincitore: “È stata una gara che mi ha regalato tantissima gioia;  ero partito con aspettative non troppo alte: guardando il profilo altimetrico avevo notato che si tratta di un tracciato tutto da correre dall’inizio alla fine e relativamente poco tecnico, quindi non molto adeguato alle mie caratteristiche. Invece man mano che la gara proseguiva mi sentivo sempre meglio e la vittoria mi soddisfa pienamente! Nella prima parte, inizialmente facile, con una prima salita al 20^ km circa, ero intorno alla 10/15^ posizione. Dopo il primo passo ho anche sbagliato percorso, e come me altri, perdendo circa 5’. Da lì in poi però la gara diventava più ‘muscolare’, con qualche tratto più tecnico, e ho recuperato via via posizioni. Quando mancavano 10 km alla fine ho iniziato a vedere i primi due, allora mi sono ulteriormente galvanizzato! Ho raggiunto il primo, Sprenger, all’ultimo km e sono poi riuscito a distanziarlo di 16 secondi. Una vittoria praticamente in volata, quindi ancora più emozionante!”.

Una straniera ha vinto anche la gara femminile, in poco meno di 7 ore: la ceca (residente però in Austria) Marcela Vasinova, 31 enne iscrittasi da pochi giorni dopo essere stata rassicurata che la gara si sarebbe comunque corsa (non sono mica parigini qui…). Seconda a una ventina di minuti la svizzera Kathrin Götz; terza la vincitrice sugli 88 km dell’anno scorso, l’altra svizzera Luzia Bühler.

Simpatica la scritta in ladino apparsa nel pomeriggio sui monitor di Davos: “La cursa roiala K68 dal Swissalpine a Tavau [nome ladino di Davos] gudognan Montani e Vasinova”. Davvero una “corsa reale”, anche se l’aggiunta di due passi oltre ai tradizionali Scaletta e Sertig, e in particolare il tremendo Fanez Furgga (2580 metri, da affrontare fra il 31° e il 35° km) abbia mietuto molte vittime, compreso il sottoscritto che comunque è stato piazzato al traguardo dei 40,600 (con 2300 metri+ e 2000-) di Monstein. 
Unico motivo di rammarico è l’aver dovuto affrontare queste rampe, per noi partiti nella seconda ondata, con mezz’ora in meno a disposizione rispetto a chi era partito alle 8 (siccome il tempo limite di Monstein era fissato alle ore 16,20 e non dopo 7h50). In pratica, quelli delle 8 di mattina hanno avuto 8h20 per passare il cancello, e infatti gli ultimi arrivati hanno un tempo finale di 13h30 contro le 13 ore del tempo massimo stabilito “per noi”. Comunque, niente da lamentarsi: “noi” abbiamo avuto quello che sapevamo ci sarebbe toccato: se gli “altri” hanno avuto di più, buon per loro. In un primo momento sembrava che il giudice di Monstein (che ci ha comunque rilevato il tempo) ci autorizzasse a proseguire nel percorso, che restava segnato e negli ultimi km era facile, con una sola piccola ascensione prima della picchiata finale su Davos, e ancora 4 ore e mezzo a disposizione; ma due arcigni giudici posti all’uscita del paese ci hanno sentenziato che rien ne va plus indirizzandoci ai bus per Davos. Amen; naturalmente quest’altr’anno non ci sarà il Covid e dunque nemmeno le partenze scaglionate: però, all’occorrenza, occorrerà introdurre un po’ di quel grano salis che ai “tedeschi di ottusa diligenza” (parole del grande ossolano Gianfranco Contini) talvolta fa difetto. Voglio leggere cosa ne dirà Birgit Fender, reporter di Marathon4you e mia ‘rivale’ sia quest’anno sia nel 2018 all’edizione di Samedan; che quest’anno ho raggiunto solo nella discesa dal terzo passo, e poi herzliche gruesse ovvero s-ciao.

Nella stessa giornata di sabato si è svolta, come detto, la K23 (+634, -235 D), dal grazioso borgo di Klosters (dove ha casa Carlo d’Inghilterra) fino a Davos: ha dominato Jason Rüesch in 1:31:00, due minuti scarsi davanti a Arnold Aemisegger  dal Liechtenstein (con perfetta inversione dell’ordine d’arrivo del 2019). Tra le donne ha vinto  Shelly Schenk in 1:47:36. Gli arrivati sono stati 535.

Domenica 26 si sono svolte le restanti gare: la K10 con 194 arrivati (in maggioranza le donne, 103), e la K43, sullo stesso percorso della K 68 ma ridotto ai primi due passi Scaletta-Sertig, dunque con un dislivello di circa 1450 metri, terminata da 418 atleti di cui 111 donne. Hanno vinto lo svizzero M 30 Matthias Kyburz, 3 ore e 16 secondi, e la ventiseienne svizzera Natascha Baer in 3.48:44.

Dunque, i quasi 1700 arrivati totali (più il centinaio di ritirati o fermati anzitempo) dimostrano che in Europa c’è voglia di corsa, e ci sono le condizioni materiali per farlo. Io resto convinto che a Davos ci andrebbe più gente se si tornasse ai tempi antichi, quando tutti i maratoneti stradaioli, anche italiani, dalla Casiraghi a Govi, da Micio Cenci ad Alfonso Pagliani, venivano almeno una volta nella vita, con le loro scarpette da asfalto, e tornavano constatando di aver corso la più bella gara della vita. Non so se la sirena del trail, sempre più lungo e duro, attirerà quelle masse popolari che avevano eretto la Swissalpine a regina autentica delle corse europee.

Intanto, però, l’Europa, e soprattutto l’Italia (dove oggi è saltata anche l’Ecomaratona della Val d’Arda) è pregata di svegliarsi.

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

Avete dunque saputo del nuovo rinvio della maratona di Parigi:
http://podisti.net/index.php/in-evidenza/item/6286-altro-rinvio-per-la-marathon-de-paris-15-novembre-la-nuova-data.html

È la prima volta che capita in Europa, a quanto ne sappiamo, di una maratona spostata due volte ma mantenuta nello stesso anno: se sarà vero, come dubitano molti iscritti (a giudicare dai commenti apparsi sulla pagina della maratona), che avevano accettato come inevitabile il primo rinvio, riversando le loro speranze sulla nuova data autunnale, ma erano rimasti perplessi, dal 5 giugno, per un comunicato che da un lato confermava la data del 18 ottobre 2020 (e tutti i dettagli per il ritiro pettorali nei giorni precedenti), ma dall’altro lato offriva un voucher valido 18 mesi come ‘rimborso in natura’ per la mancata effettuazione della gara.
http://podisti.net/index.php/notizie/item/6195-camignada-e-transpelmo-cedono-davos-insiste-parigi-ni.html

Ma questo 6 luglio, nella prima pagina del sito parigino campeggia il comunicato inviato agli iscritti (di cui abbiamo già detto), preso dopo “consultazione con la città e il dipartimento di polizia di Parigi”, sebbene in un’altra sezione si continuino a dare le info per metà ottobre; ecco come suona la versione inglese:

SEE YOU FROM 15 TO 17 OCTOBER AT THE PORTE DE VERSAILLES!

In 2020, the Salon du Running becomes Run Experience. As has been the case for years, we invite you to Hall 1 of the Parc des Expositions de la Porte de Versailles to pick up your race number!
Days and times:

Thursday 15 October: 3 pm – 8 pm
Friday 16 October: 10 am – 8 pm
Saturday 17 October: 9 am – 6 pm
Attention, race bibs will not be handed out on the day of the race.

Prima o poi lo toglieranno, e a questo punto nessuno scommetterebbe che il “tagliatore” (Schneider, sponsor della 42 km francese, è parola tedesca per ‘tagliatore’, ovvero ‘sarto’) non tagli ancora, e per sempre, l’illusione di correre nel 2020, tanto più che già ora informa come “ovviamente monitoriamo la situazione e con ogni cura rispetteremo le decisioni delle autorità”-  “Ogni iscritto che non potrà partecipare nella nuova data riceverà, entro il mese di luglio, la richiesta di  comunicarlo entro 15 giorni, e riceverà un voucher della nostra associazione valido fino al 31-12-2021, che se non sarà utilizzato verrà restituito dopo tale data” (ricordarsi dunque nel 2022 di essere ancora creditori!).

Inalterati, nello stesso sito, gli inviti a “Scoprire Parigi, la città più bella del mondo” (quelli di Venezia, Firenze o Roma, di Berlino o New York, sono senz’altro d’accordo): già, se Parigi non vuole gli affollamenti dei maratoneti, in compenso ha aperto la Tour Eiffel e il museo del Louvre, dove le “distanze sociali” sono sicuramente rispettate.“Per facilitarvi il viaggio, la nostra associazione con Air France/KLM vi permette di godere di tariffe preferenziali”.

Chissà se tra queste c’è anche la possibilità di la restituzione dei biglietti già pagati per il 5 aprile e faticosamente spostati, dopo stressanti colloqui telefonici con la compagnia aerea, a metà ottobre. O gli alberghi, a volte già pagati e posticipati…
Ecco alcuni commenti postati dai lettori:

“E il rispetto dei corridori in questo nuovo rinvio?”

“Io ho pagato 120 euro non rimborsabili per i biglietti dei treni…”

“Ah, evidentemente non sta scritto che presso gli organizzatori il corridore sia una priorità”

“Arrivederci al 2022... col rimborso dell’edizione 2020...”

“Fareste prima a dire che non volete rimborsare nessuno”.

Al confine con la Francia, anzi quasi in simbiosi (pensate che l’aeroporto di Basilea è in territorio francese), sta la Svizzera, che per la fine di luglio insiste nel dichiarare che la sua Swissalpine di Davos si farà, e anzi ha riaperto le iscrizioni alle 4 gare in programma. Ecco, per sommi capi, l’ultimo comunicato:

Cari amici, continuiamo a lavorare tutti per l’allestimento: il lavoro in più è parecchio, ma è sostenuto anche dal vostro supporto. Potete ancora iscrivervi, ci vediamo tra meno di un mese… Chiaramente vi terremo informati sulle misure di sicurezza che sarà necessario prendere. Riceverete presto per email la carta di partenza, che porterete stampata al ritrovo, dove troverete anche il pacco gara (purtroppo, non la medaglia alla fine).

Vi raccomandiamo di usare trasporti pubblici, confermando come sempre la gratuità del viaggio in 2^ classe all’interno di tutta la Svizzera, per le date tra il 10 e il 28 luglio.

Date e orari di partenza saranno così distribuiti:

Run        Running Day      Start Time           Finish time / Cut-Off-Time

K68        Sabato                 08.00                                    21.00 (13h)

K23        Sabato                 08.30                                    13.00 (4h30)

K43        Domenica           07.00                                    18.00 (11h)

K10        Domenica           07.30                                     09.45 (2h15)

Ci sarà un luogo dove I partecipanti potranno lasciare il proprio bagaglio, a Davos, o per la 23 km nella zona di partenza a Klosters, da dove sarà trasportato all’arrivo e ritirato esibendo il pettorale.

Quanto alle restrizioni per viaggi e soggiorni, in Svizzera dal 22 giugno siamo già alla Fase 4 (apertura a tutti gli stati della Comunità Europea e dell’area Schengen, tranne la Svezia dove il numero di contagi è ancora alto e per i cui cittadini è prescritta una quarantena di 10 giorni, come pure per Serbia, Macedonia, Russia, Usa e altre nazioni extraeuropee) e il governo federale assicura che:

“Le manifestazioni fino a 1000 persone sono nuovamente autorizzate. Le manifestazioni con più di 1'000 persone rimangono invece vietate fino a fine agosto.
La distanza sociale viene ridotta da 2 m a 1,5 m.
Revoca degli orari di chiusura di bar, ristoranti e discoteche e revoca dell’obbligo di rimanere seduti.
Revoca del divieto di assembramenti spontanei nello spazio pubblico.
Le manifestazioni in piazza sono permesse da sabato 20 giugno, vige però l’obbligo di indossare una mascherina.
I ristoranti possono accogliere più di 4 persone per tavolo, la distanza di 2 m fra i tavoli rimane però in vigore. Per i tavoli con più di 4 persone è obbligatorio lasciare un contatto.

Dal 25 giugno la Confederazione assume i costi dei test se sono soddisfatti i criteri dell’UFSP. Ciò avviene, per esempio, se ha sintomi compatibili con la COVID-19 e il Suo medico Le prescrive il test per il nuovo coronavirus”.

Aria fresca, speriamo che duri… e che passi anche i confini delle Alpi.

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

SERVIZIO FOTOGRAFICO

30 giugno - Un campione lo è anche (anzi, soprattutto) quando non vince: di Francesco Panetta è inutile ricordare i successi internazionali, il titolo mondiale sui 3000 siepi e la medaglia d’argento nei 10mila, o l’europeo sempre sui 3000 siepi, o le sue cinque vittorie al Campaccio; ma forse il suo gesto che rimane impresso nella storia, o diciamo meglio, nella leggenda poetica dello sport è quello agli Europei del 1994, quando aiutò a rialzarsi Lambruschini, caduto su un ostacolo, e lo pilotò alla rimonta verso la medaglia d’oro.

Il Panetta è questo, e non è cambiato: adesso, più vicino ai sessanta che ai cinquanta, tra le tante sue attività sta curando un gruppo di ragazzi della nazionale di nuoto paralimpico, tesserati per la Corona Ferrea Nuoto di Monza. Il virus ha sconvolto le loro abitudini, interdetta la piscina: ma la forma fisica non può venire meno, e da circa un mese Francesco dirige, a Villasanta nell'impianto del centro sportivo comunale "Massimo Castoldi" (concesso gratuitamente), gli allenamenti, come ha fatto anche questa mattina, dalle 9 alle 11, prima del briefing/conferenza stampa che si è tenuto alla presenza dei dirigenti del meritorio sodalizio monzese (che oltre al nuoto pratica anche altri sport acquatici, e in questo luglio compirà un anno di vita), come l’istruttrice Lucia Zulberti,  del sindaco di Villasanta Luca Ornago (foto 325-336), di Michele Cecotti di Affari & Sport e… di Roberto Mandelli, che ha efficacemente reso l’idea di quanto accaduto nel suo servizio fotografico https://foto.podisti.net/p649897118

Un motto della società è “allenarsi insieme e giocare insieme, un percorso di amicizia e comprensione”; ecco dunque “mister” Panetta che dapprima raduna a cerchio i suoi allievi impostando sul prato gli esercizi di stretching, poi prende per mano i giovanissimi (come quello, tutto compreso nel suo compito, delle foto 11, 21/24), e li porta nelle varie zone del campo. Nelle foto 37/38, 62/63 insegna la tecnica del salto dell’ostacolo, a 43/52 li cimenta nei lanci del “vortex” (precursore del giavellotto), poi spiega la tecnica del salto in lungo (72/79). Si comincia a correre in modo agonistico, ed ecco Panetta accogliere quasi tra le sue braccia gli arrivati nelle gare (foto 126/150).

Tocca ai salti: tò, non sapevamo che Panetta saltasse alla Fosbury, come mima nelle foto 159 e seguenti; poi guardate nelle foto 217-218, quasi come con Lambruschini quella volta, che prende in un volo d’angelo il bimbetto che si tuffa.

Finiti i momenti agonistici, Mandelli vorrebbe fare altre foto, e allora i ragazzi non vogliono stare a disparte ma si stringono attorno al loro campione (foto 286/289), in un abbraccio che ha sapore, non di “distanza sociale” ma di quell’affetto che è più forte dei virus.

Dopo di che, tutti a sedere, con le distanze più che giuste, a fare il punto sulla giornata e le prospettive. Verranno di sicuro tempi migliori, ma intanto i ragazzi della Corona Ferrea hanno vissuto un’altra giornata straordinaria.

 
What do you want to do ?
New mail

27 giugno – All’inizio dell’anno era calendariata per sabato 20 giugno: è andata in onda con una settimana di ritardo, dopo una diffusione della notizia un po’ tardiva e locale, che non era sfuggita al’onnivoro Giangi, e che noi di Podisti.net abbiamo divulgato con un pezzo che ha sfiorato i 300 lettori (quantità che per una gara locale, non competitiva, è abbastanza alta) http://podisti.net/index.php/notizie/item/6238-a-monchio-palagano-mo-sabato-27-si-corre-in-gruppi.html
Alla fine, la brava Giulia Grossi che ha condotto tutte le iscrizioni e richiesto una quantità di firme e di crocette che non finiva più (caso mai qualche burocrate proibizionista ci volesse buttare un occhio) dichiara 120 partecipanti, scaglionati in gruppi ogni quarto d’ora, mascherine fino alla partenza e poi via in libertà (nelle foto potete vedere una ragazza che si è allacciata la mascherina… nel gomito, proprio quel posto dove ci raccomandavano di starnutire). 120 sono pochi, rispetto ai 4/500 che (a occhio) venivano nelle annate normali, complice anche una competitiva valida per il trofeo della montagna.

Ma, giudicando sempre a occhio, chi c’è venuto (a parte che non erano tutti scarsi: ad esempio la coppia reale Del Carlo/Baruffi, che ritrovate in mascherina e non so se hanno fatto due giri), a parte i molti locali che hanno corso in maglia gialla, era gente scelta: le due caratteristiche principali del podismo modenese (e bolognese, e in parte reggiano), cioè le partenze anticipate e la caccia al ristoro / pacco gara, a Monchio non c’erano proprio. E mi è anche capitato di sorpassare qualcuno, forse partito nel turno precedente al mio, su sentieri o sterrati stretti: appena mi sentivano arrivare si facevano da parte, si appiattivano contro massi o alberi, quasi ti chiedevano scusa.
Chissà che la clausura non abbia convinto gli pseudo-podisti a dedicarsi a sport più consoni alle loro attitudini: facendo la tara a quello che diceva don Abbondio alla fine dell’epidemia, “è stata un gran flagello questa peste, ma è anche stata una scopa; ha spazzato via certi soggetti che, figliuoli miei, non ce ne liberavamo più… Ha proprio fatto uno sproposito Perpetua a morire ora; chè questo era il momento che trovava l’avventore anche lei… Se la peste facesse sempre e per tutto le cose in questa maniera, sarebbe proprio un peccato il dirne male; quasi quasi ce ne vorrebbe una ogni generazione” (non prendetelo alla lettera, ma è un passaggio stupendo, da gustare e rigustare).
Dunque, iscrizioni gratuite, niente pacco gara e soprattutto niente nefasti premi di società; consigliata la bottiglia d’acqua personale, ma all’occorrenza a trenta metri c’era il bar del mio compagno di banco al ginnasio Dante Venturelli (sic! annata 1963/64, mi misero con lui perché io ero un tipo da 8 in condotta e lui mi doveva calmare), uno che potrebbe fare la vita da pensionato e invece porta avanti l’esercizio che altrimenti chiuderebbe. Anch’io porto avanti il mio esercizio, e mi è capitato di ritrovarmi al traguardo con la mamma di una scolara dell’ultimo anno…
Il percorso, già bello di per sé nella parte che prevede la salita e discesa al monte di Santa Giulia (memoriale di una immane strage dell’ultima guerra: Dante V. porta il nome di uno dei martiri), è stato reso ancor più bello e più trail: un km di asfalto per salire, poi bellissimi sentieri in mezzo a un bosco deliziosamente fresco; e la discesa, per il percorso dei 9,800 anziché puntare direttamente su Lama di Monchio (peraltro, villaggetto ben tenuto), ha tirato dritto sul crinale delle colline, tra campi appena falciati (siamo sui 900 metri di altitudine, Monchio significa “de montibus”), per poi discendere a Lama, attraversare due strade asfaltate e arrivando, sempre per sentieri e stradette, al traguardo in salita dove, come tutti gli anni, ci aspettava Italo (autore dei video che potete guardare, anche in cima a S. Giulia).
Percorso segnatissimo: anche se gli addetti (i cosiddetti sbandieratori) erano al massimo 3 o 4, c’erano frecce e bandelle in quantità tale da rendere impossibile lo sbagliarsi.

Insomma, d’accordo, era un non competitiva (vigendo ancora la strana e assurda proibizione delle corse agonistiche, come se mettere un ordine d’arrivo attirasse il virus che invece gira alla larga dalle tapasciate), però, salvo smentite, è stata la prima in Italia non virtuale, ma reale, comunitaria, apprezzata e degustata.

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

Finalmente un po’ di coraggio: gli organizzatori della “Panoramica” di Monchio (una ventina di km a sud di Sassuolo), la cui corsa ufficiale si sarebbe dovuta svolgere sabato scorso, mettono in campo la “Special Edition”, sabato 27 giugno, “nel rispetto dei protocolli per il contenimento della diffusione del Covid-19”.

I percorsi sono gli stessi, di 5/8/10 km, con un dislivello che nel giro più lungo sfiora i 300 metri, prevedendo l’ascesa al Monte S. Giulia, parzialmente su strade bianche.

Sono previste partenze differenziate a scaglioni (di non oltre quindici/venti persone) ogni quarto d’ora, dalle 16 alle 18,30 (la partenza ufficiale unica, negli anni d’oro, era alle 17,30). Se le iscrizioni saranno fatte dalle società, ad ognuna sarà comunicato l’orario in cui presentarsi.

Non ci saranno iscrizioni sul campo, per i singoli è assolutamente necessario telefonare al 333 748 42 79, o email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Attenzione che i numeri saranno contingentati.
Al ritrovo (nel solito campo sportivo, in centro del paese, con parcheggi soliti nella zona cimitero) si dovrà indossare la mascherina, avere a portata gel per le mani e firmare una dichiarazione sul proprio stato di salute; non ci saranno ristori né docce, dunque è suggerito di portare con sé acqua da bere. In gara si potrà levare la mascherina ma rispettare le distanze di 1 metro in sosta e 2 metri in movimento.

Sarà possibile, su prenotazione, cenare al ristorante Santa Giulia; inoltre, il forno del paese preparerà pizze da asporto consegnabili tra le 19 e le 20.

È una prova di coraggio che merita il favore degli sportivi. L’iscrizione è gratuita; personalmente credo che bisognerebbe riconoscere qualcosa alla Polisportiva Monchio per lo sforzo che sta facendo: anche senza il pacco-gara. Io ci sarò.

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
Giovedì, 18 Giugno 2020 23:38

La salita di Baldini… e di tutti gli altri

Luglio si avvicina, e con esso la data – in teoria – in cui dovrebbe svolgersi la corsa in salita Castelvetro-Ospitaletto, sulle prime colline a una ventina di km da Modena: 7 km di ascesa con un dislivello di 400 metri.

Il tracciato era regolarmente usato da Renzo Finelli (atleta olimpico a Mexico 68, primo allievo di Gigliotti, poi tecnico della sua società di sempre, la Fratellanza Modena 1874) come campo di allenamento per i suoi atleti, in particolare modo durante le preparazioni invernali. Dalle categorie giovanili e cadetti, fino a Stefano Baldini, il precetto festivo di ogni domenica era il “collinare”, sempre lo stesso, con Finelli che aspettava tutti in cima sotto la chiesa.

Passano gli anni, e alcuni di quegli allievi, in particolare Andrea Baruffi e Mohamed Moro, hanno pensato di riproporre il percorso come gara rivolta agli amatori, in una sfida ideale coi tempi registrati dagli atleti ‘veri’, oltre che con sé stessi: tempo da battere, i 25 minuti netti di Baldini.
Dopo un’edizione diurna allestita per la prima volta la mattina dell’Epifania 2017, e la conversione in serale d’inizio estate (nello stesso 2017, poi il 29 giugno del 2018), la quarta edizione competitiva si è svolta il 3 luglio 2019, sotto le cure appunto di Andrea Baruffi (che in quei giorni compie gli anni), di Moro e di Sonia Del Carlo, simpatica mamma-atleta col sorriso da ragazzina, vincitrice femminile nel 2018, e invece l’anno scorso sacrificata nella logistica, col ristoro di metà percorso sotto l’acqua, infine come ‘scopa’ al seguito dell’ultimo concorrente.

Dicevamo, chissà che ne sarà dell’edizione 2020: nell’attesa, Mohamed Moro ha raccolto tutti i dati realizzando una classifica all-time, ovviamente capeggiata da Baldini, ma con soli 14 secondi su Massimiliano Ingrami, altro maratoneta di valore (vinse una maratona di Carpi quando era ancora una gara di alta caratura). Ognuno dei nomi meriterebbe una storia a sé: curiosando senza pretese di completezza, vedo Baruffi al quinto posto di sempre, un solo secondo davanti a Matteo Villani (il medico ora impegnato anti-covid, ma a suo tempo olimpico sui 3000 siepi), e 4” prima di Alessandro Giacobazzi, astro nascente della maratona. Nei primi dieci c’è anche Davide Uccellari, triatleta classe 1991 che di olimpiadi ne ha fatte due (Londra e Rio), cinque secondi davanti al maresciallo-trombettiere Oronzo Di Gennaro.

E ci si può divertire scendendo verso le parti meno ‘premiate’, facendo attenzione al 24° posto di Riccardo Tamassia, che sta salendo parecchio le quotazioni almeno in campo regionale; mentre Moro si accontenta di essere 30° (ma lui è specialista di 800 e 1500).

Appena dietro a lui comincia la cinquina delle migliori donne, guidate a pari merito da M. Chiara Cascavilla e  Martina Merlo (29:25). Dietro loro compare Gianluca Ferracuti, contitolare con Moro del negozio Run&Fun da dove è ripartita l’idea della corsa, e Giancarlo Bonfiglioli, altro mezzofondista che però a Ospitaletto viene per prestare servizio.

Tornando alle donne, in settima posizione è Giulia Bellini, moglie di Matteo Villani e mamma di tre creature (attesa al rientro); seguono Sonia Del Carlo e Anna Lupato, “e via via tutti gli altri”, come diceva Dezan agli arrivi in volata del gruppo compatto: fino al caratteristico duo Giuseppe Cuoghi e Massimo Bedini, ex hockeista uno, ex arbitro l’altro, che per due secondi riesce a non essere l’ultimo dei 176.
Ma gli sportivi veri vanno comunque alle corse agonistiche, non per il pacco gara o il patetico premio di categoria, ma per la gioia di correre, che – siamo sicuri – alla fine prevarrà su tutti i virus.

 
What do you want to do ?
New mail

Prossime gare in calendario

CLICCA QUI per consultare il calendario completo

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina