Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Apr 24, 2018 924volte

Tragedia alla London Marathon: muore noto chef inglese

Matt con il padre e il fratello Matt con il padre e il fratello Foto Instagram

Un altro morto durante una maratona, questa volta è accaduto a Londra, domenica scorsa.

Il 29enne Matt Campbell, famoso chef in patria, è crollato a terra intorno al 36° chilometro, vicino alla Tower Hill, e nonostante “l’immediato soccorso dei sanitari e il conseguente ricovero in ospedale”, come assicurano gli organizzatori, è morto alcune ore dopo.

Difficile pensare possa essere stata la temperatura, 23/25 gradi sono tanti per Londra ma pochi rispetto ad altre maratone, a cominciare dalla concomitante Padova, più realistico pensare ad un malessere del concorrente.

Matt, originario di Kendal, nel nordovest dell’Inghilterra, aveva deciso di correre la London Marathon in memoria del papà deceduto 18 mesi fa, con il quale – e con il fratello Josh - nel 2016 aveva corso la sua prima maratona. “Mio padre è stato l’uomo che più mi ha ispirato nella mia vita. Mi ha detto: so che puoi farlo e devi farlo. Così ho deciso di correre la maratona”, aveva recentemente dichiarato Campbell.

Da aggiungere che lo stesso Campbell aveva corso l’8 aprile la Greater Manchester Marathon, in 2:56:50, questa sarebbe stata la sua seconda maratona in 15 giorni…

Lo chef –maratoneta era in gara anche per raccogliere denaro per la fondazione Brathay Trust, un’associazione caritatevole che sostiene i ragazzi in difficoltà.

Campbell era famoso in Inghilterra come chef: nel 2009 era arrivato secondo - ad appena 20 anni - a Young Chef of the Year; aveva poi lavorato in ristoranti stellati Michelin; quest’anno aveva partecipato a The Masterchef: The Professionals, trasmesso dalla BBC.

“Era un uomo adorabile, di buon cuore e con i piedi per terra, credo che fosse pronto a diventare il prossimo grande innovatore nel cibo britannico. Stava compiendo un tour durante il quale ha avuto modo di ispirare molti giovani chef”, ha dichiarato Helen Hokin, la portavoce di Campbell.

"Una pessima notizia. Era intelligente, creativo e innovativo. Il mio pensiero va alla sua famiglia", il messaggio su twitter del giornalista Jay Rayner. Anche la critica Grace Dent ha espresso il suo “dolore insondabile per la perdita di un talento brillante”. 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina