Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ago 14, 2018 Greta Vittori - 261Fearless 1468volte

261Fearless - Per muoversi e correre davvero senza paura

261Fearless al ritrovo 261Fearless al ritrovo

261Fearless è una associazione no-profit che nasce dall’idea di Kathrine Switzer, prima donna nella storia ad avere ufficialmente tagliato il traguardo di una maratona.

Era il 1967 anno in cui la corsa e le gare erano proibite alle donne. Circolavano voci assurde su quanto la corsa facesse fisicamente male alle donne, dalla banalissima crescita di baffi alla più assurda caduta dell’utero, e quindi delle sterilità, a causa delle sollecitazioni ritmate delle falcate. Kathrine si iscrisse alla maratona di Boston quell’anno e, grazie alle iniziali del suo nome K.V.Switzer, nessuno si pose la domanda o il sospetto che potesse essere una donna. Cercarono letteralmente di buttarla fuori dalla corsa con spintoni e strattoni, ma lei strinse i denti e i pugni e, grazie anche all’aiuto degli altri concorrenti che le fecero capannello intorno, non solo riuscì a tagliare il traguardo della maratona, ma da quel giorno del 1967, con il suo gesto contribuì a cambiare la storia.

261Fearless è lo specchio riflesso della sua filosofia di vita: essere impavide, essere senza paura e arrivare a raggiungere i propri obiettivi senza farsi intimorire da niente e nessuno. 

I club 261Fearless sono in tutto il mondo, Stati Uniti, Nuova Zelanda, Africa, Afghanistan, India, Inghilterra, Austria, Germania e da maggio anche in Italia. Prima sede per ora a Milano, in progetto/cantiere altre sedi in giro per l’Italia  

Quali sono i principi fondamentali su cui si basa?

261fearless si fonda su principi di aggregazione, divertimento, condivisione, affrontare/combattere le proprie paure e i pregiudizi attraverso la corsa non competitiva e attività sportiva tra donne. 

Quante donne non escono a correre perché sono sole, o perché si vergognano di farsi vedere in tuta da ginnastica. Oppure perché si sentono troppo grasse, troppo magre, sono reduci da malattie, sono sole perché vivono in una città diversa dove si sono trasferite per lavoro, separate dal marito o semplicemente perché sono pigre. 

Focus al femminile: per un’ora la settimana, 261Fearless permette di lasciarsi tutto alle spalle e concentrarsi solo su sé stesse attraverso allenamenti focalizzati su obiettivi a medio e lungo termine e un approccio soft alla corsa non competitiva. Tutto ciò avviene attraverso un metodo che accompagna le persone per gradi e piccoli step, in maniera non invasiva e traumatica.

Corsa lenta, alternata alla camminata, giochi con elastici, palloni, esercizi di potenziamento, di correzione e postura. Ma anche interazioni che permettono di fare attività fisica e movimento senza quasi rendersene conto, conoscere nuove persone con le quali condividere passioni comuni. 

Uscite programmate ogni sabato mattina alle 10.30 con partenza da PACER in Via Pacini 28, Milano (zona Città Studi, MM2 Lambrate-Piola) dove è possibile lasciare borse, oggetti personali, cambiarsi, avere un servizio di baby-sitting su richiesta, avere un brief iniziale sulle attività della giornata, conoscere le compagne di gruppo e recovery post training. 

Nostro obiettivo è organizzare altre uscite settimanali in altre zone di Milano e creare un network che permetta un tam tam mediatico attraverso i social. Ma anche il classico ma sempre efficiente passaparola. 

FB (261fearless club italia)

Twitter (@261fearlessclubitalia)

Instagram (261fearlessclubitalia) 

Maggiori informazioni sul sito: www.261fearless.org sezione ITALIA. 

Informazioni a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Mob 335 54 717 39

 

 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina