Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ott 05, 2018 1131volte

Maratona di Genova, si farà, ma così....

Ponte Morandi Ponte Morandi Faridiroma

Ecco la (buona) notizia, il prossimo 2 dicembre la maratona di Genova si potrà correre. Riteniamo non sia stata una decisione facile, un tratto del percorso prevedeva proprio il passaggio sotto l’ormai tristemente famoso ponte Morandi. Ovviamente non è certo questo l’unico problema che hanno dovuto affrontare gli organizzatori: una viabilità totalmente rivoluzionata, con le forze dell’ordine impegnate a gestire un’emergenza mai vista, con i cittadini costretti a convivere quotidianamente con situazioni davvero difficili, per non parlare di chi ha perso la casa, la stessa vita….

La città intera reagisce, i segnali c’erano già stati ed il fatto che si tenga comunque la manifestazione è un ulteriore indicazione della voglia di ripartire. Anche di corsa. E’ facile, e comunque sperabile, che siano in tanti a scegliere questa maratona; la solidarietà nel podismo è un dato di fatto, ci sono stati mille momenti difficili dove il nostro movimento ha voluto esserci. Sono certo sarà così anche questa volta.  

La maratona di Genova si farà, ma così......ora la Liguria presenta una situazione anomala, una regione tradizionalmente povera di maratone che improvvisamente ne presenta tre in tre settimane, dato che oltre alla maratona di Genova, 2 dicembre, ci sarà la Liguria Marathon, il 18 novembre e la maratona di Sanremo, il 9 dicembre. L’immensa disgrazia capitata ai genovesi non ci azzecca nulla con questa follia del calendario, davvero non si potevano evitare queste concomitanze? Sanremo era già prevista ed è alla seconda edizione, Liguria Marathon al suo esordio doveva tenersi il 22 aprile, data annunciata ad inizio 2017. Una data che è parsa subito folle, tenendo conto che si corre per gran parte sull’Aurelia (da Loano a Savona), con un notevole movimento turistico in quel periodo. Prova ne è che è stata rimandata, col particolare che il rinvio è stato deciso una settimana prima, altra follia; difficoltà davvero imprevedibili? Sottovalutazione dei problemi? A pensare male si potrebbe dire che le iscrizioni erano così basse da non giustificare la manifestazione. Spostarla poi al 18 novembre, ben sapendo delle altre due maratone, con l’approvazione della Fidal (infatti, da notare bene che tutte e tre le gare sono nel calendario della federazione), è stata la ciliegina su una torta venuta proprio male.

Il testo del comunicato dal sito della manifestazione:

Dopo le tante incertezze possiamo finalmente comunicarvi che la Genova City Marathon si farà: è quanto deliberato nella Giunta comunale riunitasi nel pomeriggio di oggi 4 ottobre.
In seguito alla recente tragedia che ha colpito la città di Genova, abbiamo dovuto apportare delle modifiche al percorso, sia perché il tracciato precedente prevedeva il passaggio sotto Ponte Morandi, sia per cercare di non sovraccaricare le forze dell’ordine già impegnate con i recenti problemi alla viabilità cittadina.
Ringraziamo della fattiva e costruttiva collaborazione il Consigliere Delegato allo Sport Cav. Stefano Anzalone da sempre vicino al nostro movimento.

In questo periodo difficile abbiamo sentito la grande fiducia e il pieno sostegno sia da parte dei nostri iscritti sia da parte del nostro nuovo sponsor, che ha deciso di credere in noi.
A oggi possiamo vantare circa 350 iscritti, tra i quali, oltre ad atleti provenienti da tutta Italia, figurano anche diversi runner stranieri: inglesi, francesi, americani, rumeni, tedeschi, greci, spagnoli e scozzesi.
Restiamo fortemente convinti che la Genova City Marathon – ovviamente nel pieno rispetto della viabilità, specie per quanto riguarda le zone colpite dalla tragedia del Ponte Morandi – possa essere un’iniezione di fiducia per il rilancio della città.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina