Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Gen 26, 2018 Giuseppe Sacco 2862volte

Ciao Sceriffo!

Antimo Petito detto Lo Sceriffo Antimo Petito detto Lo Sceriffo

Soprannominato “Lo Sceriffo” per la sua passione per i cavalli, Antimo Petito è stato, e rimarrà, una figura mitica del panorama dell’atletica leggera, del podismo e della marcia. Quando apprendi la notizia che una persona conosciuta se n’é andata via per sempre, si spalancano all’improvviso i ricordi dei momenti più belli che hai passato insieme per marcare affetto e amicizia. In tanti, forse meglio scrivere in tantissimi, dal nord al sud dell’Italia e di altre città del mondo che hanno macinato chilometri insieme, scattato click fotografici e che l’hanno ascoltato in discussioni controverse ma costruttive si ricordano di Antimo. Bello ricordarsi del suo stile di corsa, del folto baffo, del sorriso indelebile, dei successi e delle partecipazioni in gare domenicali. Nessuno è immortale ma in alcuni uomini c’è l’eccezione, quella di vivere ancora da leggendario: chi come me ti ha conosciuto sa che non esagero nel darti del "mitico". Ciao Sceriffo!!!

 

Conobbi Antimo agli inizi degli anni 2000, era un vero appassionato di maratona, un personaggio carismatico con addosso il folkore del napoletano verace. Un anno corse oltre 40 maratone, voleva apparire nella Maxiclassifica di Correre per farla vedere e vantarsi con amici e parenti. Purtroppo, proprio quell’anno, l’allora direttore di Correre Marco Marchei decise di non pubblicare l’allegato che di solito esce con il numero di febbraio. Antimo mi telefonò in lacrime chiedendomi di convincere Marchei alla pubblicazione. Per lui fu davvero uno schiaffo morale e iniziammo a vederlo in giro molto meno. Corse la 100 km del Passatore ininterrottamente dal 1992 al 2006, era la sua gara preferita. All’arrivo di una Maratona del Custoza, rivolto verso l’organizzatore Simone Lamacchi, urlò: “Presidente, questa è la maratona più bella d’Italia!”. Ora è volato da Govi e Togni, due suoi compagni di viaggio con i quali ha condiviso numerose trasferte anche fuori dall’Italia. Ciao Sceriffo, che la terra ti sia lieve. [FR]

1 commento

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina