Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ott 23, 2020 padre Pasquale Castrilli 318volte

Per uno sport migliore, un convegno internazionale in Vaticano

Verso un domani migliore? Verso un domani migliore? Andrea Piacquadio

Il convegno “Sport: ripensando il futuro” organizzato dal Dicastero vaticano per i laici, la famiglia e la vita e dalla Fondazione San Giovanni Paolo II per lo Sport ha visto un’ampia partecipazione da tutti i continenti. Il seminario di studio si è svolto nel mese di ottobre sulla piattaforma ZOOM in quattro tappe con le seguenti tematiche:

  • 1 ottobre: “Lo sport dopo la pandemia: cambierà qualcosa?”
  • 8 ottobre: “Dare il meglio di sé: lo sport come modello di vita”
  • 15 ottobre: “Sport inclusivo: un'opportunità da non perdere”
  • 22 ottobre: “Proposte per una migliore ripartenza: un'ecologia antropologica”

Ciascuna sessione prevedeva un'introduzione, una testimonianza, una relazione principale e una parte conclusiva ‘aperta’, con domande e risposte. A fare gli onori di casa Santiago Pérez de Camino, responsabile della Sezione Sport del Dicastero pontificio incaricato dell’organizzazione.

Tre erano le finalità del convegno: analizzare i valori di cui lo sport può farsi portatore, favorire l’incontro e la conoscenza tra atleti, allenatori, manager e operatori dello sport di vari continenti, condividere esperienze sul campo che promuovono uno sport umano e in stretta relazione con la società.

Concludendo i lavori Santiago Perez ha provato a fare una sintesi sottolineando la ricchezza degli interventi e ringraziando i partecipanti. Ha ribadito l’impegno del Dicastero vaticano, che desidera dare un contributo nell’approfondire il valore educativo dello sport “strumento per la formazione integrale della persona.”

Ha poi indicato tre parole-chiave per costruire lo sport del futuro: Inclusione favorendo partecipazione a tutti i livelli; formazione, il contributo dello sport alla formazione integrale della persona; sostenibilità, appoggiando le sane pratiche sportive. Ha poi parlato del progetto di un futuro convegno sul tema Sport e fragilità. “Lo sport sarà migliore in futuro? - si è chiesto Perez in conclusione. Invitando i partecipanti alla riflessione personale e condivisa, perché “senza pensiero non ci sarà innovazione”.
Una delle idee che è emersa in varie occasioni nel corso del seminario è che lo sport del futuro non deve ripetere quello del passato, ma provare ad essere migliore. Dunque il periodo di crisi che viviamo con la pandemia va visto come opportunità e non solamente nelle sue dimensioni limitanti.

 
What do you want to do ?
New mail

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina