Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ott 28, 2018 Ufficio Stampa Evento 1510volte

Riposto (CT) – 7^ Maratonina Blu Jonio

La Partenza La Partenza Foto Organizzatori

28 ottobre - Vittorie a suon di record per Alessio Terrasi (Parco Alpi Apuane) e Alessia Tuccitto (Trinacria Sport), alla settima edizione della Maratonina Blu Jonio, che si è disputata stamane a Riposto. L’atleta di Altofonte (sesto assoluto ai recenti italiani di Foligno proprio nella mezza) ha vinto migliorando il record del percorso, stesso discorso per la Tuccitto (fresca di convocazione azzurra in occasione del quadrangolare di Rennes). 

La manifestazione, organizzata dalla Podistica Jonia Giarre, è stata valida come quinta prova del Grand Prix regionale di maratonine. Circa 900 gli atleti al via, arrivati anche da oltre lo stretto e in qualche caso anche da fuori confine, come la piccola delegazione di podisti giunta dall’ Albania. Partenza e arrivo da piazza del Commercio, poi l’attraversamento  di Mascali e Fiumefreddo di Sicilia, prima di fare ritorno a Riposto. Giornata autunnale, temperatura ideale per correre, vento e qualche scroscio d’acqua lungo il percorso a rendere più difficile lo sforzo tecnico degli atleti. 

La gara: sceneggiatura annunciata per quella maschile con la coppia Terrasi-Brancato che ha ben presto fatto il vuoto sugli avversari, fino al 15° chilometro,  quando l’atleta allenato da Tommaso Ticali, ha rotto gli indugi guadagnando un discreto vantaggio sul compagno di squadra, originario di Lentini, chiudendo con un crono di 1h08’31. Nulla da fare per Brancato, vincitore a Riposto nel 2016,  giunto  con trenta secondi di distacco da Terrasi. Terza piazza per il vincitore dello scorso anno, Mohamed Idrissi (Sport Mega Hobby) che ha chiuso in 1h12’36.

Nella gara femminile monologo per l’atleta di Solarino che ha dovuto”combattere” solo contro il cronometro, chiudendo in solitaria con il tempo di 1h18’57 che le vale la migliore prestazione stagionale in Italia della distanza. La Tuccitto, allenata da Pasquale Aparo, ha preceduto Chiara Immesi (Universitas Palermo) seconda con un buon crono (1h27’16); terza con il tempo di 1h30’02 una sempre più convincente Maria Grazia Bilello (Universitas Palermo) vincitrice tra l’altro a settembre della mezza di Cefalù. 

Ottima l’organizzazione a firma della società del presidente Angelo Vasta che si è avvalso di un gruppo coeso tra volontari, associazioni ed istituzioni locali. Consegnate anche le maglie Oro della speciale classifica a punti che sono state “indossate” da Rosalba Ravì Pinto (Atletica Nebrodi) e da Antonino Muratore (Universitas Palermo). Prossimo appuntamento con il GP regionale di maratonine l’undici novembre a Pergusa con l’ottava mezza maratona Città di Enna.

 

Classifica Uomini

  1. Alessio Terrasi (Parco Alpi Apuane) 1h08’31
  2. Alessandro Brancato (Parco Alpi Apuane) 1h09’01
  3. Mohamed Idrissi (Sport Mega Hobby) 1h12’36
  4. Luigi Spinali (Atletica Augusta Club) 1h14’06
  5. Francesco Nastasi (Ortigia Marcia Siracusa) 1h14’07

 

Classifica Donne

  1. Alessia Tuccitto (Trinacria Sport) 1h18’57
  2. Chiara Immesi (Universitas Palermo) 1h27’16
  3. Maria Grazia Bilello (Universitas Palermo) 1h30’02
  4. Edna Caponnetto (GS Valle dei Templi) 1h30’06
  5. Nadiya Sukharyna (ASD Torrebianca) 1h31’01

 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina