Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Set 15, 2019 Comunicato Stampa 206volte

Tavola (PO) - 2^ Ecomaratona Pratese

Chiara Angeli Chiara Angeli Foto Organizzatori

15 Settembre - Tutto come lo scorso anno. Non cambiano infatti i nomi dei vincitori dell’Ecomaratona Pratese, alla sua seconda edizione. Il marocchino Abdelilah Dakhchoune e Chiara Angeli si confermano i padroni della 42 km offroad disputata nel bellissimo territorio pratese, con partenza e arrivo al Parco delle Cascine di Tavola passando per località storiche per il podismo come Poggio a Caiano e  Quarrata.
Il corridore maghrebino da anni di stanza in Toscana e tesserato per il Gs Maiano si è migliorato di un paio di minuti rispetto al 2018, facendo fermare i cronometri sul tempo di 2h46’03” con un vantaggio di ben 17’47” su Andrea Taddei e 24’30” su Nicolas Pasquale (Maratoneti del Tigullio), distacchi che non sono abituali nelle ecomaratone italiane. Nuovo successo anche per Chiara Angeli (Gs Il Fiorino) che in 3h38’35” è però finita lontana dal record della manifestazione, che resta ovviamente nelle sue mani. Seconda piazza per Monica Baldini (Asd Risubbiani) a 13’03” e terza per Sabrina Gargani (Marciatori Mugello) a 14’21”, ricalcando così il podio della scorsa edizione.

Nella mezza maratona altra vittoria marocchina grazie ad Abdelouaed Lablaida (Gs Maiano) che in 1h20’06” ha preceduto di 14” Daniele D’Andrea e di 36” Igor Marracci, entrambi tesserati per il Gp Parco Alpi Apuane. Record del percorso frantumato fra le donne grazie a Veronica Vannucci (Atl.Vinci) che si è fatta uno splendido regalo per il compleanno di venerdì scorso chiudendo in 1h26’59” con 6’35” sulla campionessa uscente Lorena Meroni (Atl.Castello) e 11’39” su Eva Grunwald (Luivan Settignano).

Nel complesso sono stati 444 i corridori che, fra maratona e mezza, hanno portato a termine la gara, disputata in un clima di tipica fine estate. All’arrivo i corridori hanno sottolineato il gran caldo, attenuato però dal fatto che per gran parte del percorso il sole era alle spalle e dalla grande attenzione che gli organizzatori hanno riservato ai rifornimenti, con postazioni idriche ogni 2,5 km. L’estrema cura dell’evento si è vista anche dalla presenza di oltre 230 volontari sparsi lungo il percorso e nella gestione dei vari servizi, grazie anche alla collaborazione di tutte le società podistiche del territorio che hanno supportato la Podistica Pratese organizzatrice dell’evento. Importante anche la presenza della Municipalizzata Alia per la gestione dei rifiuti, come anche del Comune di Prato, dell’Avis e dei principali sponsor senza i quali la storia dell’Ecomaratona Pratese non potrebbe esistere.
NdR: chi scrive ha partecipato alla maratona e domani ne riferirà. Il giudizio è sostanzialmente lusinghiero, salvo la mancanza al traguardo delle docce, che in una giornata calda e su un percorso alquanto polveroso sarebbero state desiderabili. In pochi ci siamo adattati all'unico rubinetto presente in zona arrivo [Fabio Marri]

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina