Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Gen 25, 2021 Fausto Dellapiana 514volte

“Una gamba davanti all'altra”, la mia maratona per il Giorno della Memoria

Fausto in azione Fausto in azione Foto Dellapiana

Con la legge 211 del 20 luglio 2000 viene riconosciuto il 27 gennaio come "Giorno della Memoria" in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti". Il 27 gennaio del 1945 è la data in cui le truppe sovietiche entrarono nel campo di sterminio di Auschwitz. L'articolo 2 promuove “... cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione...”. Ecco, con questo spirito di ricordo e riflessione, ho pensato di commemorare la giornata con una … maratona. Forse potrà sembrare strano e poco attinente all'occasione, ma credo che la mia scelta abbia una sua motivazione. Il mese di gennaio del '45 non fu il giorno in cui tutti i deportati dei campi di concentramento si ritrovarono liberi, ma per molti fu l'inizio di una “ultramaratona”, della quale parecchi non videro la linea del traguardo. Mi riferisco ai trasferimenti dei prigionieri dai campi di sterminio dell'ovest verso altri campi all'interno della Germania. 
I prigionieri vennero obbligati a marciare per decine, centinaia di chilometri, esposti alle intemperie, alla fame ed alla sete; chi non riusciva a mantenere il passo, perché moribondo o stremato dalla stanchezza, veniva ucciso brutalmente dalle guardie con un colpo alla testa. Tali “ultramaratone” sono ricordate come “Marce della morte”. 

Ecco il “mio” legame con la giornata del ricordo. Correre una maratona è ricordare.

Per avvicinarmi di più all'evento, per togliere alla mia corsa il solo significato sportivo ed avere un approccio più consono, ho deciso di correre la gara con delle piccole rinunce, che diano un piccolo significato in più all'evento. Oggi, durante la corsa, sempre di una gara in fondo si tratta, non assumerò null'altro che acqua: nessun gel integratore, nessuna bevanda salina e soprattutto niente tè caldo (vista la temperatura vicina allo zero sarebbe stata una buona idea); per la colazione del mattino solo una tazza di caffè e null'altro. Certo, questi piccoli accorgimenti sono lontani mille miglia dalle condizioni dei prigionieri a cui ho accennato sopra. 

Oggi “Passo dopo passo” è la denominazione della mia maratona. Tale denominazione è stata mutuata da un discorso della senatrice Liliana Segre, che, nel raccontare la sua “Marcia della morte”, usa più volte l'espressione “Una gamba dopo l'altra...”, intendendo la sua volontà di non fermarsi, che avrebbe voluto dire morire, di andare avanti nonostante tutto e nonostante tutti, frase che ha dato il titolo al post. 
Giornata fredda. Beh, io sono abbastanza coperto, ho scarpe comode … niente a che vedere con le condizioni di chi doveva affrontare il cammino nel lontano 1945. Ricordi lontani, ora siamo più civilizzati, non ci sono persone che devono affrontare simili situazioni … Questo è un motivo di riflessione: “Siamo sicuri che sia così?”. Ah, è vero, ci sono migranti in Africa che attraversano il deserto in simili situazioni. Beh, lì devono affrontare il caldo e non il freddo. Ma in Europa, nella civile Europa, questo non succede più … Ecco, anche questo non è vero. Scorrono davanti ai miei occhi le immagini di profughi che con infradito e piedi nudi sono in viaggio su sentieri ghiacciati a pochi chilometri dai nostri confini. Inizio la corsa in compagnia di un mio personale “kapò”: Max, che ha deciso di accompagnarmi per un lungo tratto della maratona. Per mia fortuna è un carceriere-buono: non appena mi vede in difficoltà, non mi spara alla testa (beh, non mi prende neppure a calcioni), ma mi incoraggia a non mollare, a riprendere il ritmo. Mi rendo conto che più che un “kapò” è un “capo”, che accompagna un vecchietto nei momenti di difficoltà. In effetti, correre in sua compagnia rende più corto il giro. Lo so che non è così, ma mi piace pensare che sia così. Verso il 30° chilometro si ritira e mi lascia solo. Ora anche sulla pista non ci sono più persone: si sono ritirate nelle proprie abitazioni per il pranzo. La giornata che dopo un inizio nuvoloso e freddo si era mutata in una giornata soleggiata, con un leggero aumento della temperatura, diventa in poco tempo nebbiosa e con un vento freddo. Tre giri alla fine; ho freddo e l'acqua del ristoro, a sua volta fredda, non rende agevole correre, ma … ecco tra la nebbia spuntare una figura a me nota: Rossana. Occasione giusta per fare in sua compagnia gli ultimi tre giri. Avrei pure la possibilità di avere dei ristori solidi che Rossana mi offre, ma rinuncio, fedele alla scelta iniziale. Oggi avevo in mente il tempo finale già in partenza, per essere almeno “spiritualmente” a fianco di Giordano “solo6ore”. “Sei ore” penserete. Eh, no, “solo6ore” è e deve essere unico. Concludo la mia maratona del ricordo con il tempo finale di 6h 00' 06”!

Sono sotto la doccia … calda. Il freddo è ormai uscito dalle ossa. Il mio sguardo cade sul tatuaggio del mio braccio sinistro: “IX divisione d'assalto Garibaldi …” Il mio pensiero va al caposquadra Tito, mio papà, che dopo l'8 settembre seppe scegliere la parte giusta in cui stare. Tutto sommato un pensiero positivo. Mi chiedo quali siano i pensieri di chi si ritrova sul braccio un numero che li ha marcati decenni fa...

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina