Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Giu 27, 2021 Ufficio Stampa Evento 621volte

Cortina d'Ampezzo (BL) - Con l'Ultradolomites si chiude la LUT della ripartenza

Una fase delle premiazioni Una fase delle premiazioni Foto Ufficio Stampa Evento

27 Giugno - Con le premiazioni svoltesi nella consueta cornice della Conchiglia, in piazza Angelo Dibona in centro a Cortina d’Ampezzo, è andata in archivio nella tarda mattinata di questa domenica  la 14^ edizione della Lavaredo Ultra Trail, evento che rappresenta uno dei riferimenti internazionali del mondo trail running e che costituiva la tappa italiana dello Spartan Trail World Championship 2021.

3500 sono stati i partecipanti (su 3800 iscritti), in rappresentanza di 50 nazioni, che hanno dato vita all’evento che ritornava dopo un anno di stop causa emergenza sanitaria e che ha riportato il popolo del trail running a correre sulle Dolomiti patrimonio mondiale dell’Unesco per quattro giornate, da giovedì 24 a domenica 27 giugno.

«Non è stato affatto facile ripartire, facendo fronte a normative e protocolli anti Covid che variano da paese a paese e che hanno costretto a un surplus di lavoro rispetto alle edizioni precedenti» sottolineano Cristina Murgia e Simone Brogioni, responsabili dell'evento. «Nonostante le difficoltà, siamo ripartiti e di questo dobbiamo ringraziare i partecipanti, che sono tornati a Cortina e hanno gareggiato nel massimo rispetto delle regole, i seicento volontari, ancora una volta splendidi, il Club Alpino Italiano, il Soccorso Alpino e l’amministrazione comunale ampezzana e le aziende che ci hanno supportato».

«Siamo riusciti a superare anche il momento di difficoltà causato dalla tempesta di vento e grandine che nella tarda serata di sabato ha colpito i concorrenti che si trovavano in quota, nella parte finale del tracciato» sottolineano ancora Murgia e Brogioni. «Grazie ai volontari dislocati lungo il percorso abbiamo messo in sicurezza gli atleti nei rifugi o nei posti di ristoro, sospeso la gara per una ventina di minuti e poi siamo ripartiti».

Lo staff organizzativo è già proiettato al futuro. «L’auspicio è che dopo questo importante anno di ripartenza, già dal 2022 si possa tornare alla normalità piena, con una Lut in linea con la tradizione e con più nazioni presenti: non dimentichiamo che gli iscritti pre Covid erano infatti provenienti da ben 65 nazioni» dicono ancora gli organizzatori. «Ci mettiamo al lavoro forti del rinnovato supporto della La Sportiva, azienda con cui abbiamo esteso la collaborazione fino al 2027: si tratta di un supporto fondamentale che ci fa guardare con ancora maggiore determinazione e fiducia a un evento che ha trovato una collocazione ideale a Cortina, località nella quale lo sport, basti pensare ai recenti mondiali di sci alpino e alle Olimpiadi del 2026, è davvero di casa e motore importante per l’economia turistica».

La Sportiva Lavaredo Ultra Trail ha proposto quattro eventi. Il primo è stato la Cortina Skyrace (6a edizione): 20 chilometri di sviluppo per mille metri di dislivello positivo che ha visto le vittorie dello spagnolo Alex Garcia Carrillo, che ha realizzato il nuovo record del tracciato, e dell’italiana Marta Fabris.

La seconda gara è stata la Cortina Trail (9^ edizione), 48 chilometri per 2.600 metri di dislivello positivo. A imporsi sono stati lo spagnolo Antonio Martinez Perez e l’italiana Elisa Desco: entrambi hanno stabilito il nuovo record del percorso.

La gara più prestigiosa, La Sportiva Lavaredo Ultra Trail (14^  edizione), ha proposto un tracciato di 120 chilometri e 5.800 metri di dislivello positivo: vittorie per il tedesco Hannes Namberger (anche in questo si è trattato di una vittoria con record: 12h02’12”) e per la francese Camille Bruyas.

L’ultimo nato tra gli eventi Lut, vale a dire la UltraDolomites (2a edizione), era caratterizzato da 80 chilometri di sviluppo e 4.100 metri di dislivello positivo. In questo caso a vincere sono stati il ceco Marek Causidis e l'atleta cadorina Martina Valmassoi.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina