Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ago 01, 2021 Ufficio Stampa Evento 2522volte

Auronzo di Cadore (BL) - La Camignada della ripartenza premia Tramet e Zanco

Tramet, il vincitore Tramet, il vincitore Foto Ti-comunicazione

1 agosto –  È ritornata, dopo un anno di stop dovuto all’emergenza sanitaria , la Camignada poi siè refuge, storico evento della corsa in montagna, proposto dalla sezione del Cai di Auronzo, con partenza da Misurina e arrivo ad Auronzo.

Si sono presentati in 400 (su 500 iscritti) al via da Misurina per l’edizione numero 48 dell’evento dolomitico, che ha visto il ritorno al passaggio per tutti i sei rifugi che danno il nome alla manifestazione: dopo la sistemazione e la conseguente apertura della Val Giralba durante l’estate del 2019, i concorrenti della Camignada sono transitati, nell’ordine, a rifugio Auronzo, Lavaredo, Locatelli, Pian di Cengia, Comici e Carducci. Confermata la variante, introdotta nel 2019 e accolta con consenso unanime, del primo tratto di percorso che prevede, subito dopo la partenza da Misurina, la Val di Rinbianco, la Val de l’Arghena e Forcella Col di Mezzo prima del passaggio al rifugio Auronzo.
Il meteo è stato inclemente per tutta la notte precedente la competizione, dando tregua al momento della partenza e per le prime due ore di gara: poi tanta è stata la pioggia che, in quota, a tratti si è alternata pure alla grandine; e questo ha provocato qualche ritiro tra i concorrenti. 

Pronti, via, e subito è Marco Tramet, trevigiano di Valdobbiadene, a dettare il ritmo: nessuno gli resiste e il portacolori di Scarpe Bianche transita in testa a tutti i rilevamenti ai rifugi, controllando poi in discesa e lungo gli ultimi chilometri in ciclabile. Al termine dei 33 chilometri (1600 i metri di dislivello positivo), Tramet ha fermato le lancette del cronometro sul tempo di 3h10’49”. Piazza d’onore per Tommaso Tessaro, anch’egli trevigiano e anch’egli portacolori di Scarpe Bianche, staccato di 1’44”. Terzo posto per Samuele Majoni, ampezzano dell’Atletica Cortina, al traguardo con un ritardo di 5’21”. A completare la top five altri due atleti trevigiani: Ivan Geronazzo e Daniele Roccon. Sesto il primo atleta auronzano, Lorenzo Pais Bianco, al quale è andato un premio speciale dell’organizzazione.

Tra le donne, dominio incontrastato di Martina Da Rin Zanco: la ragazza di Laggio di Cadore, portacolori dell’Atletica Dolomiti Belluno, all’esordio nella manifestazione, non ha avuto rivali. 3h35’02” il suo tempo, che le è valso l’ottava posizione assoluta. Ben 18 i minuti di ritardo della piazzata, la trevigiana Elena Gallina. A oltre mezz’ora la terza, Erika Cecchel. Prima auronzana Katia Zandegiacomo Mazzon, settima. 

«La Camignada è stata la mia prima vera gara di corsa in montagna, nel 2015» racconta il vincitore Marco Tramet che nel 2018 arrivò quarto. «Finalmente, quest’anno è tornata al percorso originale, non vedevo l’ora di correrla. Sapevo di stare bene, avevo buone aspettative. Sapevo anche che avrei dovuto attaccare in salita perché in discesa non sono proprio un drago: così è stato, ho forzato subito e poi ho controllato». 

«Fin da piccola venivo a veder correre mio papà alla Camignada ma mai prima d’ora avevo avuto l’occasione di correrla anche io» dice la prima, Martina Da Rin Zanco. «Ci tenevo a gareggiare in una gara così dura e vicino casa: ho vinto all’esordio ed è stato bellissimo».                                                   

«Era importante ripartire e siamo ripartiti, pur con un’edizione ridotta a causa delle nota situazione sanitaria» commenta il presidente del Cai di Auronzo, Stefano Muzzi. « Proprio per ridurre la possibilità di assembramenti e per una migliore gestione delle normative antiCovid, abbiamo fissato il numero massimo di partecipanti a 500 e la soddisfazione è stata grande perché i posti si sono esauriti nel giro di una settimana. Voglio ringraziare tutti coloro, volontari e associazioni, che ci hanno supportato in una edizione che ci ha tenuto con il fiato sospeso fino all’ultimo: le forti precipitazioni della notte avevano creato qualche problema in Val Giralba, problema che i nostri volontari hanno risolto al mattino presto con un lavoro tempestivo ed efficace». 

Classifica maschile: 1. Marco Tramet (Scarpe Bianche) 3h10'49"; 2. Tommaso Tessaro (Scarpe Bianche) 3h12'33"; 3. Samuele Majoni (Atletica Cortina) 3h16'10"; 4. Ivan Geronazzo (Hoka One One) 3h19'44"; 5. Daniel Roccon (Vittorio Atletica) 3h26'23"; 6. Lorenzo Pais Bianco 3h26'51"; 7. Marco Visintini 3h33'01"; 8. Andrea Zanatta (Playlife Ponzano) 3h37'23"; 9. Simone Barzon 3h38'11"; 10. Federico Vecellio Patis 3h38'35.  

Classifica femminile: 1. Martina Da Rin Zanco (Atletica Dolomiti) 3h35'02"; 2. Elena Gallina (Playlife Ponzano) 3h53'29"; 3. Erika Cecchel 4h07'29"; 4. Federica Schio (Atletica Lupatotina) 4h20'41"; 5. Giulia Bertoletti (Traversetolo running team) 4h22'12". 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina