Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Nov 21, 2021 Ufficio Stampa Evento 240volte

Palermo - 26^ Maratona a Kipkosgei davanti a Mwangi; Pulici tra le donne

La partenza La partenza Ufficio Stampa Evento

21 Novembre - E’ ancora Kenia, nell’edizione che, dopo un anno di stop a causa della pandemia, segna il ritorno della Maratona di Palermo. A tagliare per primo il traguardo posto sul viale della Libertà, è stato Kiptoo Fredrick Kipkosgei,  25 anni, specialista della pista e dei 5000 metri. Al femminile il successo è andato alla milanese Stefania Pulici (Brontolo Bike).

Gara impostata sulla forza quella di Kipkosgei che ha condotto le danze insieme al connazionale Waithira Simon Mwangi, con Mugendi a fare da lepre. Alla fine un arrivo in solitaria con il buon tempo (in una Palermo dal percorso duro e insidioso, n.d.r.) di 2h17’33. Secondo Waithira Simon Mwangi, alla sua prima maratona, in 2h18’05. Terza “la lepre” Kiura Denis Mugendi in 2h23’54.  Quarto il marocchino di Menfi, Mohamed Idrissi, alla sua seconda esperienza in maratona, in 2h31’51. Primo degli italiani (e dei siciliani)  Giuseppe Privitera (Monti Rossi Nicolosi), quinto in 2h48.

“ Felice per il successo – le parole di Kipkosgei – in un percorso molto impegnativo, ma altrettanto bello. Oggi non mi sono risparmiato, ho dato il massimo ed è andata molto bene, più facile correre in pista che sulle strade di Palermo”.

Al femminile si registra il ritorno ad un successo italiano che mancava dal 2014. A vincere è stata la lombarda Stefania Pulici in 3h05’47. Al secondo posto la giovanissima (24 anni)  Bianca Terranova in 3h17’23. Terza la croata Ljiljana  Mišlov Brkić (3h25’16).

Sorpresa, ma felice per questo successo – le parole della Pulici (che nella vita lavora per la L.I.P.U) – mi sono anche migliorata parecchio su un percorso molto difficile, ma di una bellezza unica. Palermo rimarrà sempre nel mio cuore.”

Mezza maratona sotto il segno del capoluogo siciliano con la vittoria al maschile di Giorgio Giacalone (Palermo H13.30) che ha chiuso con il crono di 1h14’14. Alle sue spalle il giovane Luigi Saporito (L’Atleta Palermo) in 1h15’33; terzo Dario Meneghini (Team KM Sport) in 1h16’12.

In campo femminile tutto secondo copione con il successo di Annalisa Di Carlo che, reduce dalla vittoria  alla Palermo Half Marathon, ha firmato anche la mezza di oggi con il tempo di 1h26’35. Seconda, staccata, la polacca Katarzyna Puczylowska in 1h31’34. Terza Simona Sorvillo (Trinacria Palermo) in 1h33’36.

900 gli atleti della mezza che hanno concluso la gara, mentre la maratona l’hanno corsa in 260.

A fare da contorno alla Maratona di Palermo, sempre vicina a temi che abbracciano il sociale, lo sport, la disabilità e la prevenzione, la camminata ludico motoria che è partita subito dopo lo start della gara agonistica. Protagonisti sono stati atleti, dirigenti e semplici appassionati di associazioni e federazioni, che si sono cimentati in una corsetta  di circa tre chilometri. Pink Ambassador, Fisdir (la federazione degli atleti con disabilità intellettivo relazionale), Diabete in Movimento e Fasted (federazione delle associazioni siciliane di talassemia, emoglobinopatie e drepanocitosi) hanno così certificato la loro importante presenza, tra la gioia e l’entusiasmo di genitori e spettatori.

 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina