Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Apr 24, 2022 604volte

Milano – Atletica di alto livello al Walk and Middle Distance

gara 2 miglia, appena dopo la partenza gara 2 miglia, appena dopo la partenza Roberto Mandelli

SERVIZIO FOTOGRAFICO

24 aprile 2022. Formula sempre vincente questa del WMD, capace di riunire tanti atleti di buon  livello, che in questo contesto trovano le migliori condizioni per esprimersi al meglio.

Giusto il risalto fotografico nella foto di copertina a Nadia Battocletti per il suo record italiano, del resto questa gara su una distanza piuttosto anomala rispetto alle consuetudini (2 miglia), era stata confezionata ad hoc; e visto la fantastica crescita della forte atleta trentina c’erano pochi dubbi che non riuscisse nell’intento. Non deve quindi sorprendere che con 9:32.99 abbia battuto, anzi polverizzato, il record di Elisa Rea (9:44.61) stabilito nel lontano 1997. In questa gara secondo posto in 9:55.33 per la burundiana Francine Niyomukunzi, terza Giovanna Selva (Sport project VCO-10:06.44).

Su un piano tecnico mi hanno maggiormente colpito tante prestazioni realizzate in altre gare, anche in seguito a sfide molto avvincenti. Ne evidenzio alcune.

Elena Bellò (Fiamme Azzurre), con 4:09.42 vince la gara sui 1500 metri e si migliora di tre secondi.

Bravo Simone Barontini (Fiamme Azzurre) a spuntarla in volata nei 600 metri su Francesco Pernici (Free Zone), ma bravissimo quest’ultimo a realizzare con 1:17.36 la miglior prestazione italiana juniores.

Ma forse la gara più significativa, dal punto di vista cronometrico, è stata quella sui 5.000 metri, nella batteria maggiormente accreditata si sono registrati ben otto atleti con tempi inferiori a 14 minuti (tutti al record personale, vedere in fondo la classifica); in particolare Italo Quazzola (Casone Noceto) che si piazza al secondo posto e abbassa di dieci secondi il suo pb (ora di 13:45.18) in una gara che ha vinto in solitudine il burundiano Egide Ntakarutimana in 13:40.51. Terzo gradino del podio per l’inglese Alex George (13:51.48).

Anche l’altra batteria ha dato un ottimo contributo qualitativo: vittoria di  Ademe Cuneo in 14:18.92 (Caivano Runners). Complessivamente sono stati 42 gli atleti che hanno corso sotto i 15 minuti.

Complessivamente un ottimo meeting per quanto riguardo i riscontri cronometrici e la qualità generale espressa, del resto non è una novità e va dato ampiamente atto e merito a Giorgio Rondelli di riuscire ogni volta a far vedere una buona atletica. Qualche problema solo nella marcia, d’altra parte se mischiare nella stessa gara maschi e femmine anche di diverse categorie può starci, più complicato far correre diverse distanze, nel caso specifico 3 e 5 chilometri.

 

Informazioni aggiuntive

Fotografo/i: Roberto Mandelli

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina