Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Gen 23, 2022 1564volte

Modena, 44^ Classica della Madonnina e 4^ Corri con Gianni

SERVIZIO FOTOGRAFICOCLASSIFICA GENERALE - 23 gennaio – Finalmente si corre a Modena città, per la prima volta nell’anno nuovo, e quattro mesi dopo l’ultimo Diecimila competitivo nella frazione di San Donnino. E si corre sia in modo competitivo, con un totale di 223 classificati, sia in forma non competitiva, con partenza libera: il defunto Gianni Vaccari, storico presidente al cui nome è intitolata la gara agonistica, non era granché d’accordo coi cosiddetti partesspremma, ma con la pandemia e le regole più o meno sensate che ne discendono bisogna venire a patti, e allora… se vuoi avere i permessi di organizzare, vai col distanziamento, colle mascherine e il greenpass (leggo anche sui social che a un iscritto sarebbe stato richiesto il supergreenpass, e siccome non l’aveva, sarebbe stato escluso: uso il condizionale), niente tende sociali e niente allegre tavolate del ristoro finale.

Contentiamoci, e segnaliamo come fatto positivo quello che in altri tempi sarebbe sembrata una seccatura: l’estrema difficoltà nel trovare parcheggi, in mancanza di quel pratone dove, negli anni gloriosi, lasciavamo ordinatamente l’auto (il “consumo di suolo”, a parole aborrito, nei fatti l’ha portato via). Significa che sono venuti in tanti, anche da fuori provincia e regione (Lombardia, Toscana soprattutto), favoriti anche dalla morìa di corse nei paraggi. Pure fra gli organizzatori c’è don Abbondio e c’è padre Cristoforo; e accanto alla lista quotidiana delle vittime per Covid (ovvero “con” Covid, che sarebbe utile distinguere), c’è la lista settimanale delle gare vittime del Covid e soprattutto dei protocolli.


Viva la Madonnina, dunque, che qualche decennio fa organizzava quello che fungeva da prologo alla più titolata Corrida; mentre oggi, della Corrida c’erano solo due patetici foglietti nel pacco gara, che invitano agli allenamenti “Prepara la Corrida – Lunedì 31 gennaio 2022”, ma contemporaneamente avvertono che non il solo 31 ma anche il 29 e 30 si potrà unicamente partecipare alla “Virtual Corrida”, scattandosi un selfie e “taggando i social”, e beninteso versando un obolo dai 5 ai 20 euro, a seconda dei benefit desiderati.

La sostanza è che la Madonnina, partita come “lepre”, per il ritiro del suo “campione” vince lei la gara.

Decisamente diverso dal solito, oggi, il percorso: forse ci rimettono di più i non competitivi, cui è tolto il tradizionale passaggio sull’argine del Secchia e per Freto, per le stradette dove Baldini preparò l’alloro olimpico, in cambio di un giro più circoscritto fin verso la tangenziale; mentre ai competitivi importa meno il panorama (oltretutto stamattina c’era il nebbione con temperatura mai sopra lo 0), e forse l’inaugurazione sportiva della nuova pista ciclopedonale sorta sul tracciato della ex ferrovia toglie visioni ma regala rettilinei e tratti nei quali spingere a fondo l’acceleratore, pur di stare attenti ai possibili tratti ghiacciati e opportunamente ‘salati’.

Prova ne siano i tempi di rilievo realizzati sui 10mila, misurati alla perfezione (la mia impressione è che l’ultimo km sia stato accorciato di una venticinquina di metri corrispondenti al surplus accumulato nei precedenti, e alla fine tutto fosse a prova di Pitagora): il vincitore degli Assoluti maschi (57 in tutto, partiti alle 11 dopo la conclusione delle due batterie precedenti), il 22enne Marco Casini della Delta Sassuolo, con 30:46 ha preceduto di soli 3 secondi Michele Belluschi tesserato Recanati, che tra dieci giorni compirà 30 anni, e su questa distanza è accreditato di 30:33 (mentre in maratona, a Pisa un mese fa è stato sotto le 2h23).

Emozionante comunque l’arrivo, coi primi 5 racchiusi in 10 secondi, e 22 atleti entro i 3:30/km.


Eccellenti risultati anche tra i Master (115 classificati, tra gli M 45 e oltre), regolati nettamente da un cinquantenne, Massimo Sargenti tesserato per la realtà podistica più viva della provincia, i Modena Runners del presidente Alberto Cattini, che dopo la Cinque Mulini e prima del Campaccio ha corso – dice lui – in scarico finendo in 42:43 assieme al suo compagno di squadra Paolo Pedrielli.

Ma torniamo ai primi: Sargenti in 35:17 (dunque 3:32/km) ha prevalso per 13 secondi su Fabio Poggi da San Vito e Niki Stanzani della Fratellanza, accreditati dal chip dello stesso tempo (ma i due giudici d’arrivo, il Reginato in solluchero per le 13 vittorie consecutive del Modena, e gli impenetrabili occhi cerulei di Simona Neri, hanno sentenziato quest’ordine). Da notare il quinto posto del sindaco emerito Luca Gozzoli, classe 1966, Modena Runners pure lui, e finale di 36:07.

Ma permettetemi di guardare oltre la metà, anzi verso la fine dell’ordine d’arrivo, che addirittura come in F1 classifica 6 atleti “a un giro”, e tra loro ci sono due classe 1947, il bolognese Umberto Margelli e il modenese di confine Giuseppe Cuoghi. Risalendo, vedo la lotta tra i due Malavasi risolta in favore di Paolino (classe ’51) su Luciano (classe 50). In mezzo ai due sta il gentleman dei Pico Runners, Claudio Morselli; ma davanti a tutti, spacca il minuto (50:00) Maurizio Pivetti, classe 56, presidente provinciale del podismo Uisp e che rilancia l’idea di fare a Modena un museo del podismo (a proposito, sabato prossimo una troupe cinematografica andrà nei luoghi natali del Lupo per documentare con lui le corse degli anni eroici: se qualcuno vuole fare la comparsa… ma come all’Eroica, sono prescritti gli abiti d’epoca).


Veniamo alle 51 donne (che hanno corso tra le due manches maschili) e ad un altro arrivo allo sprint, 3 in 5 secondi: Paola Braghiroli da Forlì, classe 1979, in 37:30 supera di 4 secondi la coetanea Gloria Venturelli della MDS Sassuolo, che a sua volta la spunta di un solo secondo sulla molto più giovane Arianna Lutteri della Corradini. Quarta assoluta, e prima della categoria F, la reggiana over 50 Rosa Alfieri (tesserata Minerva), che con 38:14 distacca di cinque minuti Sonia Donnini, altra MDS.

Su tutti (o dovremo scrivere tutt* o tuttə? chiederemo la pronuncia esatta a Valentino Ristallo, oggi in veste sbandieratrice) ha vigilato e informato Roberto Brighenti, tornato alla casa madre da dove, addestrato da Gianni, era partito per diventare (adatto la frase originariamente riferita al modenese Lodovico Antonio Muratori di cui oggi cade l’anniversario della morte) “il primo onore d’Italia”.

Informazioni aggiuntive

Fotografo/i: Teida Seghedoni

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina