Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ago 02, 2022 428volte

Elezioni del 25 settembre: le gare si potranno fare?

2 agosto 2022. Arrivano le elezioni il 25 settembre e sono dolori per gli organizzatori di gare, ovviamente non saranno solo loro a soffrire la concomitanza che tocca pesantemente ogni genere di eventi e manifestazioni, ma questo è un sito che si occupa di podismo, e di questo vogliamo parlare.

Innegabile l’impatto sulle gare, già penalizzate negli ultimi tempi (sia chiaro, al pari di molte altre attività); ora questa nuova mazzata, che ha già fatto una prima illustre vittima, la storica Corriferrara, una gara che sarebbe giunta alla 47esima edizione e che prevedeva maratona, mezza e 30 chilometri (n.d.r. gli organizzatori hanno comunicato di prevedere sia il rimborso che lo spostamento LEGGI QUI).

In realtà sono molte altre le gare di ogni genere e sorta, competitive e non, che stanno discutendo con le amministrazioni locali, per valutare la fattibilità. La prima obiezione che viene da fare è relativa alla (presunta) difficoltà a spostarsi per andare a votare: a parte il fatto che le gare tipicamente si svolgono il mattino e il tutto si esaurisce nell’arco di qualche ora (invece in genere si può votare fino a tarda serata e magari anche il lunedì), ma davvero si rende impossibile lo spostamento delle persone?

Sento di enti locali che propongono variazioni di percorso, ma se le gare sono su distanze omologate ciò non è possibile, o comunque molto complicato. E costoso, dato che si dovrebbe ri-certificare il percorso, peraltro solo per questa edizione. Altri che obiettano l’indisponibilità delle forze dell’ordine, impegnate ai seggi; a parte che viene difficile credere che proprio tutte siano utilizzate a questo scopo, ma gli organizzatori nel corso degli anni si sono attrezzati col proprio personale, anche utilizzando altre istituzioni, come la protezione civile.

Viene da pensare che sono “fortunati” quegli organizzatori che prevedono percorsi fuori dai centri cittadini, o che comunque non hanno passaggi in zona scuole. Oppure che non prevedendo distanze omologate possono apportare le modifiche necessarie a ricevere l’autorizzazione, ad esempio questo è il caso della 30Trentina, gara che si corre appunto il 25 settembre, che peraltro non si svolge in grandi centri urbani, appena confermata . LEGGI QUI.

Mentre vi scrivo sono a conoscenza di altre situazioni pendenti, conto almeno 50 manifestazioni tra competitive e non nel solo settore del running (ma saranno molte di più considerando tutti gli altri sport), sono in atto i confronti con le autorità. Intanto hanno confermato la gara, e ce l'hanno comunicato, gli organizzatori del "Trail Moscato d'Asti" a S. Stefano Belbo, la mitica cittadina di Cesare Pavese; mentre la Cardiorace di Riva Ostiense (Roma) si è spostata alla domenica successiva, 2 ottobre.

La domanda, e la riflessione finale: è davvero impossibile la coesistenza tra le due cose oppure è solo questione di buona volontà “di fare”? Proviamo a pensare alle difficoltà degli organizzatori che spesso con grandi fatiche hanno ottenuto autorizzazioni, lavorato per lungo tempo per mettere in piedi le manifestazioni. Ora dovranno ripartire da capo, trovare un’altra data, in un calendario già impossibile di suo. Pensiamo anche all’enorme flusso di turismo sportivo, globale, non solo running, che porta la gente (stranieri inclusi) in giro per l’Italia con una positiva ricaduta economica per il nostro paese, che ha davvero tanto bisogno di questa.

Veramente, è molto difficile capire; se poi pensiamo al recente flop elettorale del referendum… ma questo è un altro discorso.

 

1 commento

  • Link al commento Martedì, 02 Agosto 2022 13:34 inviato da cesare ballaben

    Se votare servisse a qualcosa l'avrebbero già proibito.
    Mark Twain

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina