Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Stefano Morselli

Stefano Morselli

Nel 1996, agli albori di internet, inizia per primo a scrivere sul web di podismo e di retrorunning.
nel Luglio del 1999 fonda, con Tommaso Minerva e Fabio Marri, il web magazine www.podisti.net divenuto ben presto il punto di riferimento dei runner su internet.
Nell'ottobre del 2019 fonda con Jader Consolini l'agenzia fotografica RACEPHOTO.

Vuoi entrare a far parte del team di redazione di Podisti.Net?
In questo momento stiamo cercando un/una podista appassionato che possa collaborare nella gestione del calendario, è un impegno semplice ma continuo.
Attendiamo candidature attraverso il seguente FORM DI CANDIDATURA
Attraverso lo stesso form ci si può proporre per scrivere reportage delle gare o come fotografi.

CLICCA SULL'IMMAGINE PER APRIRE LA GALLERY

CLASSIFICHE IN PDF - 15 gennaio 2023 -  Con 263 classificati nella 15K e 108 nella 26K si è corsa a Sala Baganza, in provincia di Parma, il trail organizzato dal Gruppo Escursionistico Salese; la gara si è svolta in gran parte nei Boschi di Carrega.
Nella gara lunga di circa 26 km vittorie per il reggiano Riccardo Gabrini in 1h35:45, secondo Alessio Gatti (Team Mud & Snow ASd), primo tra i parmigiani in 1h36:53, terzo Nicola Pizzorni (Atl. Barilla) in 1h46:06.
Nella categoria femminile vittoria per Carlotta Vecchi (Circolo Minevra ASD) in 2h04:50, piazzata Lucia De Nale (2002 Marathon Club) 2h11:35.


Nella gara corta di 15,3 km circa, vittorie per Gian Maria Savani (Tririon) in 1h07:16 su Niccolò Fontana (Cus Parma) in 1h:08:33 e Alberto Gattinoni in 1h08:35.
Tra le donne vittoria per Valeria Poltronieri (Vengo Lì) in 1h18:10, alle sue spalle Isabella Morlini (Atletica Reggio) in 1h19:56, terza Francesca Coperchini (Cus Parma) in 1h23:01.


Domenica, 15 Gennaio 2023 18:32

Nuovo calendario "Gamba d'Oro"

E’ stato presentato ufficialmente il calendario della 47^ edizione della Gamba d’Oro, il circuito di gare podistiche che si snoda prevalentemente nei territori dell’alto novarese, salvo qualche raro sconfinamento nel vercellese. Le gare previste quest'anno sono in tutto 49, alcune ormai diventate appuntamenti classici altre, invece, new entry. Nel primo gruppo ci sono, tra le tante, le camminate di Cressa (la Cressalonga e la Camminata di San Prospero), di Santa Cristina, la camminata di Sizzano a Pasquetta, la Camminata dei Santini a chiusura dell’estate a Bolzano Novarese, la Corsa sulle Colline di Maggiora, la Camminata Lions con partenza e arrivo sulla spiaggia del Lido di Buccione. Tra le new entry, invece, troviamo la Armeno Night Run, la corsa Su e giù per Maggiate e Santa, e quella tra Castelli e Risaie a Rovasenda. Tornano, invece, nel calendario le corse di Gozzano (Il giro intorno al castello) e il Gran Prix del Gorgonzola Oioli a Maggiate Superiore.

Insomma, un calendario denso di appuntamenti: domenicali, con partenza alle 9:00 e della lunghezza di circa 10km per il giro lungo e 2km per quello corto, e serali (solitamente di mercoledì e venerdì) alle 20:00 con distanze di 6km o 1,5km per il minigiro. I percorsi sono quasi tutti immersi nei boschi o nelle campagne, a volte con salite un po’ impegnative ma adatte a qualsiasi livello di allenamento (sono ammessi anche i camminatori e anche i corridori con cani rigorosamente al guinzaglio).

Per conoscere tutte le info e trovare le foto di ogni gara basterà seguire la pagina facebook Gamba d’Oro curata dal direttivo. La prima gara sarà il 5 marzo 2023 ad Agrate Conturbia, il “Giro della Torbiera” di circa 12km.

 

8 gennaio - L’evento organizzato dalla Polisportiva Odysseus del patron Antonello Aliberti, sotto l’egida della FIDAL, ha vissuto, questa mattina, la 13^ edizione. Grande entusiasmo tra i circa 400 podisti impegnati complessivamente, suddivisi tra la “Maratona Antonello da Messina” sulla canonica distanza di 42,195 km, da percorrere in otto giri del circuito cittadino, la “Mezza Maratona Eufemio da Messina” di 21,097 km, in quattro tornate, la gara più partecipata, la “Shakespeare Run” di 10,5 km e il Fitwalking di 10,5 km. Partenza ed arrivo in Piazza Unione Europea.
Ideali le condizioni climatiche per
gli atleti. Nella Maratona ha trionfato Lotti, proveniente da Predappio in Romagna, Comune presso il quale ricopre l’incarico di assessore. Il portacolori dell’Asd Berunners è riuscito a bissare il successo ottenuto nel 2019, tagliando il traguardo in 2h32’15”. Durante il sesto giro, dopo aver fatto corsa a due, Lotti ha preso il largo, staccando Giuseppe Privitera (Asd Monti Rossi Nicolosi), giunto secondo con il tempo di 2h35’09”. Terzo Filadelfo Gaeta (Atl. Scuola Lentini) in 2h41’22
Queste le parole all’arrivo di Lotti, che a dicembre aveva conquistato anche la Catania Marathon: Amo la Sicilia, il suo clima e vengo sempre a correre, ringrazio tutti per l’accoglienza. Non è facile organizzare questi eventi dopo la pandemia, un plauso da parte mia dunque all’organizzazione. Il percorso era presidiato benissimo, mi piace molto.
Il
vincitore era qui con moglie e figlio al seguito. Cerco sempre di godermi lo sport e la famiglia, ho centrato infatti il Guinness World Records, 50 km percorsi spingendo il passeggino. Gli obiettivi futuri? Sto preparando adesso la Maratona di Milano".


Al femminil
e, si è registrata l’affermazione di Maria Nicotra (Atletica Sicilia), in 3h34’06”, che ha preceduto la calabrese Caterina Arco (Atletica Olympus), seconda in 3h51’55”. Terza Anna Maria Matone (Marathon Club Minervino) in 4h43’26”. La Nicotra a caldo: Era la prima volta che partecipavo alla Maratona, dopo aver corso a Messina la Mezza del 2019. Come tempo avrei voluto fare qualcosa in meno, ma avevo un problema all’alluce e sono contenta così, ringrazio per questa vittoria la mia famiglia e Santi Monasteri.
Nella Mezza Maratona, al maschile,
brindisi di Tommaso Bertè (Atletica Villafranca), primo in 1h20’39”. Alle sue spalle, si sono piazzati Paolo Miceli (Runcard) in 1h20’50” e Vincenzo Emili (Atletica Sciuto) in 1h22’00”. Tra le donne, il bel sigillo della peruviana Luz Nadine De La Cruz Aguirre (Gs Il Fiorino) in 1h21’52”. Seconda e terza, rispettivamente, Valentina Catania (Meeting Sporting Club Runner) in 1h37’12” e Annalisa Visconte (Gs Interforze Torino) in 1h42’06”. Nella “Shakespeare Run” il successo di Alberto Caratozzolo (K42 Cosenza) in 35’18”.
Giuseppe Trimarchi (Atl
etica Villafranca) in 35’27” e Saverio Filippo Amasi (Atletica Savoca) in 36’08” completano il podio maschile. Vittoria rosa, in 46’07”, di Roberta Van Axel Castelli (Runcard), seguita da Rossella Granà (Stilelibero) in 46’55” e Jessica Bonanno (Podistica Messina) in 48’08.
A chiudere l’evento
si sono svolte, nell’atrio di Palazzo Zanca, le premiazioni dei primi tre classificati delle varie competizioni e dei migliori tre di ciascuna categoria, introdotte dallo speaker Giuseppe Marcellino.

Anteprima gallery fotografica - Classifica Generale (Jpg) - Con una splendida giornata di sole ed una temperatura mite, si è corsa oggi la 10^ edizione del Trail della Lepre bianca sulla distanza di 17 chilometri al confine tra le province di Trento e Vicenza.
Le "piccole Dolomiti" hanno fatto da cornice ad un'edizione ottimamente partecipata che ha visto 333 atleti classificati.



Un percorso impegnativo, con partenza ed arrivo presso il "Ristoro Magna e Bevi" a Pian delle Fugazze (TN), che ha visto gli atleti correre su sentieri innevati e non, una prima parte in salita verso Malga Bovetal e Passo di Campogrosso in territorio Veneto, poi un tratto di falsopiano con la successiva discesa verso il paese di Camposilvano, da qui di nuovo salita verso il traguardo con gli atleti che hanno dovuto superare anche uno spettacolare ponte di corde al 15esimo chilometro.
La gara maschile ha visto l'assoluto dominio dell'atletsa di Mezzocorona Simone Costa, il trentino ha preso la testa staccando gli avversari già dai primissimi chilometri e andando a chiudere solitario in 1:15:58.
Sono giunti sul traguardo staccati in modo significativo alle spalle del trentino, Enrico Cozzini in 1:20:17 e Stefano Maran in 1:25:21.



Tra le donne vittoria per la vicentina Veronica Maran in 1:37:18, piazzata Sara Baroni in 1:40:16, terza posizione per Elisabetta Pozza in 1:41:04.

SERVIZIO FOTOGRAFICO SU PIX.ENDU.NET

Da segnalare un pacco gara bellissimo, con bottiglia di prosecco ed una spettacolare ed originale cuffia (foto sotto), nonchè un ottimo pastaparty ed un "terzo tempo" che non avevo mai visto in un evento podistico.
Organizzazione quasi perfetta, suggerirei il cronometraggio con chip e la segnalazione del percorso con fettucce marcavia dette “balise” più evidenti, quindi di colore fluorescente.


 

 

31 dicembre - Edizione come al solito vera e spettacolare, la BoClassic si conferma la più importante gara di corsa su strada in Italia, una gara nella quale nulla viene disegnato a tavolino. Tutti avremmo voluto vedere vittorioso Jeman Crippa ma l'ugandese Oscar Chelimo non ha permesso che avvenisse.
La gara, partita alle 16 di sabato, ha visto subito all'attacco l'outsider sudafricano Maxime Chaumeton, la sua duratura azione sotto i 2'50" al km ha immediatamente ridotto il gruppo di testa a 6 sole unità.
Chaumeton porta con sé solo i kenioti Amos Kipruto e Martin Kiprotich, l'ugandese Oscar Chelimo e i poliziotti italiani Pietro Riva e, appunto, Yemaneberhan Crippa.
Passaggio ai 5000 metri in 14'02"; al sesto giro, sempre con il sudafricano a fare il ritmo, cede Amos Kipruto.
Crippa prende il comando per pochi metri prima dell'ultimo giro, poco dopo Oscar Chelimo lo affianca e va all'attacco, mancano circa 1300 metri al traguardo,  solo Crippa cerca con coraggio di resistere all'ugandese che però continua a spingere senza consentire il rientro dell'azzurro.
Oscar Chelimo chiude così vittorioso l'edizione 2022 della BOclassic in 28'14"; ottimo 28'17" per Crippa, terzo il sudafricano Chaumeton in 28'19", quarto Martin Kiprotich in 28'21"; buonissimo tempo anche per Pietro Riva che chiude 5° in 28'23" dopo aver corso nel gruppo di testa sino all'ultimo giro.

Gli altri italiani sotto i 30 minuti: Francesco Guerra 29'37", Nekagenet Crippa 29'45", Pietro Arese in 29'49" e Samuel Medolago 29'53".


Nella gara femminile vittoria per l'etiope Dawit Seyaum in 15'34" davanti all'albanese Luiza Gega in 15'42", terza la Margaret Chelimo Kipkemboi in 15'44", prima italiana la 22enne Anna Arnaudo (Battaglio Cus Torino) che giunge 5^ in 16'06".
Per le altre azzurre in gara questi i tempi: Ludovica Cavalli (2000) (Aeronautica) 16'14", Sara Nestola (2001) (Corradini Rubiera) 16'16", Elisa Palmero (1999) (C.S. Esercito) 16'20", Federica Cortesi (1999) (Atl. Valle Brembana) 16'23", Joyce Mattagliano (1994) (C.S. Esercito) 16'33", Federica Del Buono (1994) (C.S. Carabinieri) 16'55", Micol Majori (1998) (Pro Sesto Atl.) 17'03" e Maria Gorette Subano (1991) (Pro Patria MI) 17'40".

Domenica, 11 Dicembre 2022 13:15

26^ Maratona di Reggio Emilia

Piccola gallery fotografica - Classifica Generale (PDF) - Reggio Emilia, 11 dicembre - Nella 26^ Maratona "Città del Tricolore" i classificati complessivi sono stati 1375, 1132 uomini e 243 donne (erano stati 1980 nel 2021, 2454 nel 2019, 2457 nel 2018).
La gara, partita da piazza della Vittoria di fronte al teatro Municipale, è iniziata alle 9 in punto con cielo nuvoloso ed un temperatura di poco sopra lo zero; dopo mezzogiorno le nuvole hanno iniziato a scaricare una leggera pioggia.
Tra gli uomini non c'è stata gara, il ruandese John Hakizimana ha dominato staccando tutti rapidamente, a metà gara è passato in 1:06:59 con un vantaggio sul secondo di 1:03" per poi andare a chiudere solitario in 2:12:26 migliorando di tre secondi il primato della gara risalente al 2011 (ma su un percorso differente, forse con minore dislivello) quando Lahcen Mokraji corse in 2:12:29.
Al secondo posto è giunto il franco-marocchino Alaa Hrioued in 2:16:17, terzo e primo degli italiani Michele Palamini in 2:17:13.

Ordine d'arrivo maschile:

1 HAKIZIMANA JOHN - Ruanda - G.S. IL FIORINO - 2:12:26 - 2:12:23 real-time
2 HRIOUED ALAA - Francia - 2:16:17 - 2:16:14
3 PALAMINI MICHELE - G. ALPINISTICO VERTOVESE - 2:17:13 - 2:17:10
4 LANCELLOTTI ROCCO - CLUB ATLETICO POTENZA - 2:21:21 - 2:21:16
5 GRAZIOTTO ROBERTO - A.S.D. HROBERT RUNNING TEAM - 2:24:48 - 2:24:44
6 BATEL ABDELLATIF - ATL. RODENGO SAIANO MICO - 2:26:36 - 2:26:31
7 CORSINI SIMONE - ATLETICA MDS PANARIAGROUP ASD - 2:26:43 - 2:26:38
8 SPANU ALESSANDRO - G. ALPINISTICO VERTOVESE - 2:29:45 - 2:29:41
9 CARRERA FRANCESCO - ATL. CASONE NOCETO - 2:30:24 - 2:30:20
10 MAROGNA ALBERTO - SPARTACUS A.S.D. - 2:31:24 - 2:31:21


Il vincitore John Hakizimana al 29° km. (ph Stefano Morselli/Racephoto).


Michele Palamini e Alaad Rhioued al 18° km. (ph Stefano Morselli/Racephoto).

Tra le donne la gara è stata molto più combattuta, con Ilaria Bergaglio (Atl. Novese) che alla mezza maratona è transitata in 3^ posizione in 1:28:13, davanti a lei l'austriaca Karin Freitag transitata 2^ in 1:27:08, e davanti a tutte Federica Cicognani transitata alla mezza con un vantaggio significativo in 1:25:36.
Al rilevamento del 25° km qualcosa non ha funzionato e, al momento, a nessuna delle prime 3 donne è stato abbinato un tempo di passaggio.
Al 30° io stesso ho potuto rilevare che Ilaria Bergaglio era ancora dietro a Federica Cicognani ma la sensazione mia era quella che il distacco si fosse già assottigliato.
Il rilevamento del 34° km ha confermato che la Bergaglio stava correndo ad un ritmo più veloce della Cicognani, infatti il distacco risultava ridotto a soli 24 secondi, ritmo che aveva consentito all'italiana nel frattempo anche di superare la Freitag.
Ilaria Bergaglio ha poi tagliato il traguardo vittoriosa in 2:52:18 (suo nuovo primato personale), lasciando la piazza d'onore a Federica Cicognani che ha chiuso in 2:54:29, appena qualche secondo prima della terza l'austriaca Freitag, che ha chiuso in 2:54:38.


Federica Cicognani al 31° km. ancora in testa (ph Stefano Morselli/Racephoto)

Ordine d'arrivo femminile:

1 BERGAGLIO ILARIA - ATL. NOVESE - 2:52:18 - 2:52:13
2 CICOGNANI FEDERICA - ATL. IMOLA SACMI AVIS - 2:54:29 - 2:54:22
3 FREITAG KARIN - LG DECKER ITTER - 2:54:38  - 2:54:33
4 THOMPSON BETHANY JANE - CIRCOLO MINERVA ASD - 2:59:03 - 2:58:58
5 ATOLINI SERENA - BERGAMO STARS ATLETICA - 3:00:49 - 3:00:44
6 NERI ELENA - POLISPORTIVA RUBIERA - 3:07:57 - 3:07:40
7 BONIELLO MICHELA - POLISPORTIVA SERVIGLIANO ASD - 3:08:12 - 3:08:03
8 MASOTTI CARLOTTA - POL. PORTA SARAGOZZA - 3:09:17 - 3:09:05
9 FRANCHI GIULIA - ATLETICA TRENTO - 3:09:27 - 3:08:55
10 VAJDA ZSUZS - Ungheria - 3:11:28 - 3:11:24
 

La vincitrice Ilaria Bergaglio al 18° km. (ph Stefano Morselli/Racephoto).

Nella 1^ edizione della "10 Miglia", 231 gli atleti classificati, vittorie per Ciro Mascherini in 1:05:57 e Laura Pirondini in 1:20:39.


ANTEPRIMA SERVIZIO FOTOGRAFICO ENDUPIX - CLASSIFICA (EXCEL) - Torbole (TN) 10.12.2002 - Con 439 arrivati nella 30 km e 207 nella 17 km si è conclusa questo pomeriggio alle 15.00 la 5^ edizione della manifestazione ottimamente organizzata dalla GARDA TRENTINO TRAIL ASD.
La gara lunga ha preso il via alle nove in punto, cielo nuvoloso, pochi gradi centigradi e tanta voglia di scaldarsi. Dopo un avvio tranquillo hanno rapidamente preso la testa della gara, per non lasciarla più, Enrico Cozzini (GS Freveggio) e Stefano Modena (Lagarina Crus Team).
I due trentini sono arrivati sul traguardo assieme andando ad occupare ex aequo il primo gradino del podio con il tempo di 2:27:41, al terzo posto è giunto il bresciano Marco Biondi (Franciacorta) in 2:34:11.



Ordine d'arrivo maschile 30km:


Tra le donne vittoria di Giulia Marchesoni (GS Orecchiella Garfagnana) in 2:48:43, alle sue spalle è giunta Sophie Maschi (Runcard) in 2:55:23, terza Elisabetta Stocco (Atletica Trento) in 2:58:43.



Ordine d'arrivo femminile 30km:

 
Nella gara di 17 chilometri vittoria tra gli uomini di Devid Caresani (Atletica Val di Cembra) in 1:10:16 migliorando il tempo del vincitore dello scorso anno di ben 5 minuti.
Alle spalle del trentino Caresani è giunto Loris Pintarelli (libero) in 1:11:50, terzo Alessio Benedetti (SS Tenno) in 1:13:48.



Ordine d'arrivo maschile 17km:

 
Tra le donne della distanza breve, bella vittoria di Alessia Scaini (Atletico Saluzzo) in 1:20:50, piazzata Barbara Regaiolli in 1:33:52 (Woman Triathlon Italia) in 1:20:50, terza Roberta Faes (G:S: Fraveggio) in 1:34:28.


Ordine d'arrivo femminile 17km: 




Domenica, 27 Novembre 2022 21:43

Ouhda fa sua la 8^ Savona half Marathon

PREVIEW FOTO ENDUPIX  CLASSIFICA - 27 novembre - Ahmed Ouhda e l'etiope Addisalem Belay Tegegn hanno vinto questa mattina la 8^ edizione della Savona Half Marathon, gara che si è corsa con un sole splendente ed una temperatura mite.
Nella 10 K vittorie per il cuneese Simone Peyracchia e la savonese Giulia Magnaldi.
I classificati nella mezza sono stati 417, nella 10K hanno portato a termine la gara in 324.
Nella gara maschile, hanno provato a mettere in difficoltà l'italiano Ahmed Ouhda, tre etiopi giunti appositamente per questa gara dall'Etiopia (ripartiranno domani).
L'ultimo a cedere al ritmo di Ouhda è stato Mohammed Sadik Miseganu: l'italiano ha chiuso solitario in 1:06:10 mentre l'etiope in 1:07:05, al terzo posto è giunto Mattia Galliano in 1:09:25.



Tra le donne, l'etiope Tegegn non ha avuto rivali ed ha chiuso solitaria in 1:13:47, alle sue spalle l'over 50, già campionessa italiana di categoria Carla Prima dell'Asd Borgaretto 75 con un'ottimo 1:19:50, terza la vincitrice uscente Iris Baretto dell'Atletica Saluzzo in 1:21:33.



Nella 10K, partita 5 minuti dopo la mezza, il cuneese Simone Peyracchia (Podistica Valle Varaita) ha vinto in 32:15, alle sue spalle l'alessandrino Lorenzo Parodi in 33:09 e Alessandro Benati (Atl. Cogne) in 34:04.


Nella stessa distanza la savonese Giulia Magnaldi ha chiuso vittoriosa in 40:31, seconda è giunta Roberta Barna Scanu (Rensen Sport) in 40:37, terza Arianna Pisano (Atl. Vallecrosia) in 41:14.


Una nota che non andrebbe fatta se fosse un altro sport, ma che nella corsa su strada è quanto mai opportuna, a Savona, nell'unico punto in cui poteva venir voglia di tagliare, il gruppo giudici gara della Fidal ha sapientemente piazzato un giudice a controllare, nell'era della tecnologia, con il cronometraggio subaffidato a terzi, i giudici fIDAL questo devono fare.
Ottima l'organizzazione complessiva dell'Associazione“chicchi di riso” Onlus capitanata da Enzo Grenno coadivato da un gruppo di volontari competenti e motivati.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina