Stampa questa pagina
Feb 16, 2018 Stefano Severoni 2193volte

Se ne è andato Marco Martini, storico dell'atletica

Martini ad una premiazione Martini ad una premiazione Internet - Roberto Mandelli

Marco Martini non è più tra noi. Nato a Bologna nel 1953, ha speso gran parte della sua vita a Roma. È stato uno straordinario appassionato di atletica e di statistica con il pallino per la ricerca, una ricerca appassionata e scrupolosissima. Atleta in gioventù con la maglia del Cus Roma, i 400 m erano la sua specialità. Nella Capitale si era diplomato all’ISEF nel 1976. Insegnante di educazione fisica nella sua prima vita lavorativa, ruolo che ha espletato sino al giugno del 1982. A parte gli impegni lavorativi (è stato dipendente della Federazione Italiana di Atletica Leggera), Marco ha dedicato i suoi interessi culturali alla storia dell'atletica e alle origini dello sport, divenendo motore dell’ASAI, l’archivio storico dell’atletica leggera, nel quale sino all’ultimo ha svolto un ruolo determinante. Autore di un apprezzato e prezioso lavoro sulla storia dell'atletica maschile, che vide la luce a puntate sulla rivista federale Atletica, e subito dopo fu raccolto nel volume Da Bargossi a Mennea. Co-autore di parecchi libri di storia del nostro sport, ha collaborato con i suoi studi a diverse pubblicazioni specializzate di sport, circo, antropologia del sacro.
È autore anche di diverse voci monografiche (antropologia, circo, colonialismo, donna, etnologia, evoluzione dello sport, religione) sulla Enciclopedia dello sport della Garzanti, meglio conosciuta come Garzantina (2008). Qui di seguito la lista delle sue principali pubblicazioni: Atletica Europea Indoor (FIDAL, 1978); Storia dell'atletica leggera italiana femminile fino al 1950 (1994); Storia dell'atletica leggera italiana maschile (FIDAL, 1995); Correre per essere, origini dello sport femminile (AICS-ASAI, 1996); Storia dell'atletica leggera laziale, 3 volumi (Italia Marathon Club, 2003-2005-2007); Ritorno alle tradizioni (ASAI, 2009); L' energia del sacro: lo sport tra i popoli di interesse etnologico (Aracne, 2014).