Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Dic 08, 2017 Iovedodicorsa 36volte

Marco Olmo, di corsa contro i limiti

 

A 48 anni la prima gara lunga. Poi una serie di successi da record, come la vittoria - a 59 anni - dell’«Ultra Trail du Mont Blanc»: 160 chilometri e quasi 10mila metri di dislivello da coprire in 20 ore senza sosta 

Il suo ultimo successo, a inizio novembre, lo ha ottenuto all’«Ultra Africa Race», 220 chilometri, in cinque tappe, con 3.600 metri di dislivello in autosufficienza. Marco Olmo, 68 anni, piemontese, sabato 25 novembre al «20 Hours club» di Meda ha raccontato oltre vent’anni di successi.

Un centinaio di podisti e appassionati si sono presentati a «The Ultra Experience», evento  promosso da «IOVEDODICORSA», il brand di Marco Frattini dedicato al mondo dei runners. 

Dalle imprese all’«Ultra Trail du Mont Blanc», vinta due volte, ai successi nei deserti di tutto il mondo, dalle sei vittorie consecutive al «Gran Raid du Cro-Magnon» al trionfo all’«Ultra Bolivia Race», gara particolarmente intensa per le altitudini del tracciato, fino alla mitica «Marathon des Sables», 250 chilometri nel deserto del Sahara, nel Marocco meridionale, con tre terzi posti. 

Marco Olmo ha fatto il camionista e per ventuno anni ha timbrato il cartellino in una grande cementeria piemontese. Poi ha iniziato a correre. Senza più smettere. Davanti a runners interessati e curiosi, ha raccontato successi e sconfitte, tra allenamenti («La testa conta, ma devi essere preparato») e alimentazione («Sono vegetariano per scelta etica»), sempre coerente con la sua filosofia: «Lo sport è una cosa inutile: piuttosto che farsi del male è meglio ritirarsi. E poi ricominciare a correre» 

Marco Olmo, è una leggenda senza tempo della corsa estrema. La prima volta di Marco Olmo alla Marathon des Sables è stata nel 1996, a 47 anni, quando si classificò terzo:«Dopo la prima Marathon des Sables ho detto che non ne avrei fatte più. Poi ne ho corse ventidue». L’ultima ad aprile di quest’anno. A 58 anni, nel 2006, è diventato Campione del Mondo di Ultratrail vincendo l’Ultra Trail du Mont Blanc, 160 chilometri e quasi 10mila metri di dislivello attorno alla vetta più alta delle Alpi. Oggi, a 68 anni, continua a vincere e a correre. 

Lo ha fatto anche sabato, l termine della sua conferenza, insieme ai «runners della domenica», che hanno provato l’emozione di correre insieme al «re dell’ultramaratona»: otto chilometri attraverso il Parco del Meredo, con partenza e arrivo al «20 Hours club». 

«The Ultra Experience» è stato organizzato da «IOVEDODICORSA», in collaborazione con i gruppi sportivi «Avis Seregno», «Atletica Cesano Maderno», «VTT Valxer Triathlon Team Asd», «Runners Desio» e «Marathon Club Seveso». Partner ufficiali dell'evento sono: «20 Hours club Meda», «CiaoRunner», «Run the World» e «Scuola Italiana Outdoor».

 

 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina