Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mag 17, 2018 Sebastiano Scuderi 639volte

Safety, security & bureaucracy: e Ivrea non corre più

Quest'anno non li vedremo Quest'anno non li vedremo La Sentinella

«Ci sono responsabilità penali a cui vanno incontro gli organizzatori - dice Andrea Mazzola, a nome del gruppo fondatore dell’evento che comprende anche Roberto Conforti, Paolo Spagnoli e Giorgio Soggia - e proprio per questo non ce la siamo sentiti di proseguire con questa splendida avventura. Non si tratta di denaro, non sarebbe stato un problema  spendere circa mille euro per mettere a punto un piano sicurezza adeguato, ma c’è ben altro». Con queste parole, Ivreachecorre ha chiuso i battenti.

Sette anni fa un gruppo di amici aveva dato vita alla manifestazione non competitiva e ludico-motoria, che aveva incontrato l’apprezzamento degli eporediesi arrivando ad una partecipazione, nel 2017, di 1400 podisti di tutte le età sui 5 km, che partivano da Piazza Ottinetti per attraversare il centro della città dalle rosse torri.

Solo una decina di giorni fa avevo segnalato la sofferenza di molti organizzatori di fronte alla «Circolare  Gabrielli»;  un amico che organizza una non competitiva tra pochi giorni, mi ha detto che ha dovuto redigere un piano sicurezza di 12 pagine, e non basta, perché il piano deve essere sottoscritto da un professionista abilitato iscritto all’albo, mentre lui ha dovuto presentare una dichiarazione in cui garantisce che sono state attivate tutte le procedure inerenti la gestione della sicurezza.

Al di là del burocratese, è chiaro che se qualcosa va storto l’organizzatore finisce nei guai: dal punto di vista civile è coperto dall’assicurazione, ma dal punto di vista penale no, a meno che non dimostri che tutto quanto previsto dal piano di sicurezza è stato scrupolosamente attuato. E a parte il fatto che non tutti gli organizzatori hanno mille euro da aggiungere al conto, la possibilità di processi penali (e di sanzioni che poi possono essere anche civili) induce tanti a desistere.

È abbastanza diffusa la pratica di far firmare una dichiarazione di esonero di responsabilità da parte dei partecipanti, ma va detto a chiare lettere che non ha alcun valore legale, in quanto le norme di pubblica sicurezza non sono negoziabili tra le parti.

Eppure… le manifestazioni podistiche sono una grande base di aggregazione, spesso sostengono iniziative benefiche, sono un modello di sana attività non solo motoria: devono morire di burocrazia?

Articoli correlati (da tag)

1 commento

  • Link al commento Martedì, 22 Maggio 2018 16:21 inviato da SANDRO POLI

    sposo in pieno l'analisi fatta da chi ha scritto l articolo. Analisi del problema fatta in maniera seria. Siamo , da organizzatore lo scrivo, in balia delle onde.
    Buone corse a tutti e capisco le Vostre decisioni
    Poli Sandro

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina