Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ago 24, 2020 423volte

Le 20 Maratone della Speranza raccontate in un libro

la maglietta Maratone della Speranza, alcuni luoghi e i protagonisti la maglietta Maratone della Speranza, alcuni luoghi e i protagonisti

Non sono mai stato, e credo che mai sarò, un super maratoneta, nel senso del numero di volte che si corrono le maratone, sono quindi una voce fuori dal coro. Amo l’atletica, che significa tempi e misure, quindi un parametro qualitativo. Eppure sono qua a dire la mia, dal…basso delle mie “sole” 40 maratone e ultra. Eppure non credo si possa restare indifferenti di fronte a quanto fanno questi appassionati dei chilometri che non bastano mai. Soprattutto, ciò che è stato fatto in uno dei periodi più difficili mai vissuti, dal quale sono nate le Maratone della Speranza, titolo quantomai opportuno, di questi tempi.

Mi sono avvicinato a questo mondo degli ultramaratoneti grazie alla Orta 10in10, dovrei dire ancor prima grazie a Paolo Gino, persona che avuto modo di conoscere ed apprezzare nel tempo; non ho mai corso una maratona nel corso di questa manifestazione, ho fatto qualche mezza e anche a giorni alterni.

La prova provata, ammesso ce ne fosse bisogno, di una passione che a me talvolta pare un po’ insana, è il successo delle Maratone della Speranza; si tratta di un’idea, tanto per non cambiare, del vulcanico Presidente Paolo che non poteva lasciare i membri del club (ma anche qualcun altro) così tanto tempo senza macinare chilometri. La (forzata) novità era quella che ognuno lo faceva a modo suo. 

Il plus dell’iniziativa? La raccolta fondi, e alla fine sono un sacco di soldi. Ma le ragioni del successo sono anche altre.

Dovevano essere “solo” undici le Maratone della Speranza, qualcuno aveva il dubbio che la cosa non funzionasse ed invece non sono nemmeno bastate. E avanti con altre nove, un percorso bellissimo che in tanti hanno corso e vissuto insieme, anche se…col distanziamento.

 Il maratoneta macinatore di chilometri non si ferma di fronte a nulla, figuriamoci al Covid19; sono soggetti che mescolano più o meno razionalmente passione, entusiasmo; non possono permettersi l’astinenza podistica, sarebbe un guaio per loro, e probabilmente anche per chi gli sta vicino. Una fissazione? Di certo non per queste persone, o comunque una sana fissazione, dal loro punto di vista.

Ora tutto questo è raccolto in questo libro, un insieme di racconti, esperienze, persino emozioni di correre in modo particolare, direi strano (del resto il titolo “famola strana”, dice molto, se non tutto). Nessun filtro, ogni racconto è fedelmente pubblicato come l’autore voleva e credeva, e sono tutte storie a loro modo particolari. Da ricordare bene che le imprese, perché comunque la si voglia vedere di questo si tratta, si sono svolte in condizioni davvero particolari. C’è stato il periodo dell’obbligo della mascherina, anche correndo, il rispetto della distanza di 2-300 metri dalla propria abitazione, gli sguardi feroci della gente (ricordate…dagli al podista untore?) a cui spesso seguivano segnalazione alla polizia. Naturalmente sempre e solo in solitudine, o quasi, per il rispetto dell’ormai famoso distanziamento sociale; ma forse questo era l’aspetto meno preoccupante, credo che la corsa di lunga lena si faccia soprattutto con sé stessi, anche se nei dintorni ci sono migliaia di persone. Di certo non era questo il caso, per via delle note limitazioni.

Ho trovato interessante che la prestazione agonistica sia passata in secondo piano, anche se direi inevitabilmente, lasciando spazio al racconto di ciò che si vedeva intorno, spesso con cenni storici delle zone attraversate, descrizione degli ambienti circostanti. Chissà se la mancanza di un percorso obbligato, come avviene nelle gare, paradossalmente non si sia tradotto in un vantaggio. Ognuno in fondo correva dove voleva e quanto voleva.

Alla fine cosa resterà di tutto questo? Di queste venti Maratone della Speranza? Beh, di certo 33.000 euro di donazioni, l’aspetto più tangibile dal punto di vista economico. Future emulazioni? Difficile perché è stata una cosa lunga e complessa, ma è possibile: si è già visto che dopo la Orta 10in10 qualcuno ha proposto 12 maratone in dodici giorni. Di certo, per quel poco o tanto che conosco queste persone, è probabile che avranno nostalgia di questa esperienza, penso abbia fortificato ancor più il senso di appartenenza al Club Super Marathon e al mondo delle “lunghe”.

Invece sono convinto che chi avrà la voglia e la pazienza di leggere questi racconti troverà lo spaccato di un mondo peculiare, che ha saputo affrontare un periodo difficile nel modo più bello che si conosce. Correndoci sopra.

Nel pdf in allegato che potete vedere qui sotto, trovate gli autori, gli attori ed i personaggi di questo lungo percorso

 

 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Prossime gare in calendario

CLICCA QUI per consultare il calendario completo

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina