Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Gen 17, 2022 1254volte

Alegher! salta anche Bologna Marathon 2022

Quest'anno, tutto vuoto Quest'anno, tutto vuoto Roberto Mandelli

17 gennaio – Sant’Antonio abate protegge gli animali e grazie al grasso del suo porcellino tiene lontano l’herpes. Ma non si è ancora aggiornato a protettore dal Covid, quello vero e anche quello del terrorismo di Stato (in base al quale, se fai indigestione e al test risulti positivo al virus, sei immediatamente arruolato fra i malati di Covid anche se non lo sapevi; e se hai il cancro ma muori da ‘positivo’, sei conteggiato fra i morti di Covid): per cui gli è toccato di essere l’involontario santo eponimo dell’annuncio di un’altra cancellazione di maratona, quella di Bologna, abrogata del tutto senza bisogno di referendum a sette settimane dalla data fissata.

D’altra parte, in una regione che del rispetto farisaico dei protocolli ha sempre fatto una bandiera, e non a caso fu la prima ad annullare una maratona all’insorgere del contagio (Bologna, 1° marzo 2020), e che in questo anno primo dell’era vaccinale ha già fatto saltare Ravenna-Classe (alla vigilia di Capodanno, che secondo il sito Atleticando.net dovrebbe recuperarsi il 20 febbraio, mentre per il sito degli organizzatori è rinviata a data da destinarsi), Crevalcore, Salso-Busseto, sarebbe stato strano che salvasse la maratona del capoluogo.
Adesso, stiamo a vedere se la maratona di Rimini, programmata due settimane dopo Bologna, avrà il permesso o il coraggio di svolgersi: da quel 20 marzo 2022 si è già tolta la Stramilano ma (siccome il teatro dell’assurdo va sempre di moda) vi si è riposizionata la mezza di Bergamo City Run, inizialmente collocata al 30 gennaio, e ora spostata (dice) per “garantire ai propri partecipanti un evento in totale sicurezza”.

Ecco il comunicato di Bologna Marathon 2022:

Il confronto tra lAmministrazione comunale e gli Organizzatori ha fatto emergere numerose possibili criticità e fattori di rischio, non legati allorganizzazione in se della gara, ma alla complessità dell'attuale situazione pandemica, portando alla sofferta decisione di annullare l'edizione 2022 di un evento che avrebbe coinvolto migliaia di atleti (le iscrizioni avevano già superato quota 1.400) oltre ai numerosi operatori e volontari.

Nessuno spostamento di data verrà proposto sul 2022 per non appesantire un calendario Fidal già oberato e per non gravare su altri eventi. Gli organizzatori lavoreranno quindi per una prossima edizione per il 5 marzo 2023.

“Organizzare la prima Bologna Marathon attesa in città da molti anni – spiegano gli organizzatori - è stata un’impresa non facile e in cui in pochi credevano. L’edizione 0 [chissà perché adesso è retrocessa a 0], svoltasi lo scorso 31 ottobre, ha visto 4.000 runners presenti nelle diverse distanze e, con 1.582 finisher, e si è posizionata al quinto posto tra le Maratone Italiane come numero di partecipanti a conferma delle grandi potenzialità che un appuntamento podistico come questo ha per la città di Bologna.

Sono stati fondamentali sia il supporto di Partner che hanno creduto nel progetto, sia la tenacia e l’instancabile lavoro fatto dal Team di Bologna Sport Marathon in collaborazione con il Comune di Bologna.

Collaborazione che si è fatta ancora più stretta già dallo scorso novembre, producendo diversi importanti risultati tra cui la definizione di un nuovo percorso, sia per la maratona che per la 30 Km dei Portici, caratterizzato da un minor impatto sulla città e una proposta più interessante dal punto di vista tecnico per i runners partecipanti, senza pregiudicarne il carattere cittadino e la partenza e arrivo nella splendida Piazza Maggiore.

Gli sponsor avevano confermato il loro sostegno e tutto procedeva a pieno regime e si stava definendo nei dettagli ogni aspetto della manifestazione.

Ma per una Maratona non è sufficiente un ottimo lavoro di organizzazione, serve che si sprigioni un’energia che nasce dall’entusiasmo, dalla condivisione dei partecipanti e dei cittadini, fino ad arrivare ad una vera e propria grande festa dello sport e della città.”

“Ringraziamo gli organizzatori – è il commento dell’assessora allo Sport Roberta Li Calzi – per il lavoro fatto insieme in questi mesi affinché si potesse svolgere questo evento così atteso e importante. Giustamente ha prevalso il senso di responsabilità davanti a una situazione ancora così condizionata dalla pandemia”.

Notevole, che un assessore allo sport ringrazi gli organizzatori per NON fare una gara; e se ci fosse ancora Umberto Eco scaverebbe sotto la frase degli stessi organizzatori sulla mancanza di “un’energia che nasce dall’entusiasmo, dalla condivisione dei partecipanti e dei cittadini”: non sarà che gli Apocalittici Amministratori avessero fatto mancare la “condivisione”?

Se non altro, grazie per la mancanza di ipocrisia nel proporre una improbabile data successiva, che ovviamente non sarebbe stata rispettata: perché tra picchi e plateau, tra immunità vaccinale che non è immunità ma insomma, se porti la mascherina, stai in casa, fai la Dad ecc., al massimo sarà poco più che un raffreddore; e alla fine, andrà tutto bene perché l’hanno detto sia il Papa sia lo Zecchino d’oro, e lo dicono perfino in film beneauguranti come La scelta di Sophie e Il silenzio degli innocenti... Ma nel frattempo, ci raccomandiamo, non correte; tutt’al più, oggi che è S. Antonio, andate alla fiera di Decima (30 km da Bologna) dove emettendo meno droplet che potrete, gusterete caldarroste, vin brulè, ciacer, ciribusle, mistocchine, frittelle e gnocchini. Cosa volete che sia, rispetto al virus letale della maratona?

In questo continuato scoccare a morto delle campane, viene in mente una poesia del grandissimo poeta dialettale milanese Delio Tessa, scritta nel 1939 all’approssimarsi di un altro tempo cupo: L'è el dì di Mort, alegher! - Sotta ai topiett se balla - se rid e se boccalla; - passen i tramm ch'hin negher - de quij che torna a cà - per magnà, boccallà: - scisger e tempia... alegher - fioeuj, che semm fottuu! - I noster patatocch - a furia de traij ciocch, - de ciappaij per el cuu, -  de mandaij a cà busca - m'àn buttaa via la rusca, -  scalcen a salt de cuu, - scappen, sti sacradio…

Davvero, non c’è Speranza?

 

 

1 commento

  • Link al commento Martedì, 18 Gennaio 2022 10:33 inviato da Maurizio.maratoneta

    Almeno hanno avuto il buon senso di rinviarla nel 2023 e non spostarla nel 2022 accavallandosi sicuramente con qualche altra manifestazione già programmata...come ha fatto la Giulietta e Romeo

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina